Corpo dea realtà, di Fabio Franzìn

3. Riorganizzarsi ancora_risultato

Corpo dea realtà di Fabio Franzìn.

      

      

Presepio te l’aqua

E ‘ora el prossimo presepio
féneo te l’aqua. Drento ‘a vasca
da bagno, ‘na mastéa, drento
‘a santiera in marmo dee cese.

Basta mus.cio e sasséti, ma sol
sal gross e sguataràdhe. Un gòt
de inchiostro a far tórbio e abisso.
Nissùna stea tacàdha al costón,
nissùna busìa o persa sacraità.

Drento buténeghe sparse tute
‘e statuete, i maghi e ‘l banbìn
Gesù; buténeghe anca ‘e piègore,
‘e barchete zogàtoeo dei nostri fiòi,
i grani dei rosari dee nostre mare,
‘a fiapa pietà e ‘a rabia senpia.
Che vae tut a fondo e tut se stue.

Féneo tel mar ‘sto àno el presepio.
Nissùn faro tee coste, nissùna stea
che ciame salvezha. Par nissùni.

Sol ‘na crose nera, scavazhàdha,
incastràdha sbièga tii pieroni
come réito dea realtà tel calvario
de ‘na spiàjia basàdha dal sol.

             
                  
Presepe nell’acqua

Ed ora il prossimo presepe / facciamolo nell’acqua. Dentro la vasca / da bagno, un bacile, dentro / l’acquasantiera in marmo delle Chiese. // Basta muschio e sassolini, ma solo / sale grosso e sciacquio. Un bicchiere / di inchiostro a intorbidare e far abisso. / Nessuna stella appesa al bordo, / nessuna menzogna o persa sacralità. // Dentro gettiamo sparse tutte / le statuine, i magi e il bambino / Gesù, buttiamo anche le pecore, / le barchette giocattolo
dei nostri figli, / i grani dei rosari delle nostre madri, / la scialba pietà e la rabbia stolta. / Che affondi tutto e tutto si spenga. // Facciamolo nel mare quest’anno il presepe. / Nessun faro alle coste, nessuna stella / che indichi salvezza. Per nessuno. // Solo una croce nera, spezzata, / incastrata obliqua sugli scogli / come relitto della realtà nel calvario / di una spiaggia baciata dal sole.

***                  

‘Dèss te dise che ‘ven pers
(a mio padre, 15 anni dopo la sua morte)

‘Dèss te dise che ‘ven pers, caro pare,
te dise che me arende. No’ basta
el sest de pochi a salvar ‘na realtà
senpre pì càncara e cànajia, romài
‘a piega storta no’ se ‘a indrezha pì,
anzi, ‘a ‘é cussì de moda, che ‘a par
parfìn normàe, che ‘a par ea, in fondo,
‘a verità. I ‘é riussìdhi a rebaltàrla,
un cit al dì, come spostàr ‘a lìnia
de un confin un miimetro aa volta,
che squasi no’ se ‘ven nianca incòrt
de èsser za par de ‘à, catàrse in pochi,
persi, spaesàdhi, fra ‘e belve, i mostri.

‘Dèss te dise che i farabuti, i facia
tosta, i vinzhe sempre, e co’ i perde
i se ‘a cava sol co’na tiràdha de rece.
I se ‘a cava, cavalcando draghi e avocati,
col sorìso cusìo come scudo ae ‘àgreme
dei vinti, ai sghinzhi de sangue dea paròea
giustizia, strazhàdha sot’e só sgrinfe.

A noàntri, né santi né carogne, ne resta
‘na rabia orba drento ‘a testa, drio ‘a gabia
dee coste. Ne resta el corpo senza vita
de l’onestà, da sepoìr de pressa, prima
che i ghe spue, i ghe pisse ‘doss, che i ‘o
ofende ‘ncora de pì, cojonàndoeo come
un pòro senpio, ridendo dea só creduità.
             

                   
Ora ti confesso che abbiamo perso

Ora ti dico che abbiamo perso, caro padre, / ti confesso che mi arrendo. Non basta / il gesto di pochi a salvare una realtà / sempre più cinica e canaglia, ormai / la piega storta non si raddrizza più, / anzi, si è così adattata, che pare / persino naturale, che sembra essa, in fondo, / la verità. Sono riusciti a stravolgerla, / un poco al giorno, come spostare la linea / di un confine un millimetro alla volta, / che quasi non ci siamo neppure accorti / di averla varcata, trovarsi in pochi, / persi, spaesati, fra le belve e i mostri. // Ora ti dico che i farabutti e i faccia / tosta vincono sempre, e quando perdono / se la cavano soltanto con una tirata d’orecchi. / Se la cavano cavalcando draghi e avvocati, / col sorriso cucito come scudo alle lacrime / dei vinti, agli schizzi di sangue della parola / giustizia, sbranata sotto le loro grinfie. // A noi, né santi né carogne, resta / una rabbia cieca dentro la testa, dietro la gabbia / del costato. Ci resta il corpo senza vita / dell’onestà, da seppellire in fretta, prima / che ci sputino, ci piscino sopra, che ne / facciano scempio ancora di più, deridendolo come / un povero idiota, sghignazzando sulla sua ingenuità.

***

Vergogna

Ora il tempo dovrebbe vergognarsi
di far quello che facciamo
Andrea Zanzotto

I

Son ‘ncora qua co’ tì, caro maestro,
pa’ provàr a darghe un nome aa vergogna
de èsser òn, ‘dèss, te ‘sto tenpo bestia,
te ‘sta festa de oro, orór e coruzhión,
bandiere nere, barbari massacri
in nome de un dio senpre pì assente.

Se un nome l’à da èsser, disenéghe
canàjia, ‘lora, càncaro de odio che
ciapa el posto de l’ànema, la spua
fòra daa carne e l’òn torna animàl,
pèdho, pedhòcio dea storia, vermo
vampiro, zhèca che infèta e ponde
tel cuòr i só vòvi maeàdhi e màedeti.

Ciaméneghe istess, òcio che vede
e fa fenta de èsser orbo, e cussì el va
a stin, a palpeta lo stess tel scuro che
el se ‘à fat da lù lu sol, tut intorno,
scont te l’onbrìa falsa a contàr schèi
marzhi, carezhàr, come se ‘a fusse santa,
‘a statua monca de miràcoeo e perdono.

“Me son vergognà come un can” diséa
mé pare de ‘na colpa che ‘dèss faràe rider,
come se ‘a podhésse davero èsser sol ròba
da bestie, istinto brut, busìa e bestéma
del tenpo, come se no’a podhésse invezhe
èsser sol che nostra, noàntri i mostri,
i boia, ‘e iene che ride sbranando el ben.

            

I

Sono ancora qui con te, caro maestro, / per cercare di dare un nome alla vergogna / di essere uomo, ora, in questo tempo bestia, / in questa sagra di ori, orrori e corruzione, / bandiere nere, barbari massacri / in nome di un dio sempre più assente. // Se un nome deve essere, diciamo / canaglia, allora, cancro d’odio che / scalza l’anima, la sputa / fuori dalla carne e l’uomo ritorna animale, / peggio, pidocchio della storia, verme / parassita, zecca che infetta e depone / nel cuore le sue uova malate e maledette. // Chiamiamola indifferenza, occhio che vede / e finge di essere cieco, e così va / a tentoni lo stesso nel buio che / si è creato egli stesso, tutto intorno, / nascosto in quella falsa penombra a contare soldi / marci, accarezzare, come se fosse santa, / la statua monca di miracolo e perdono. // “Mi sono vergognato come un cane” diceva / mio padre
di una colpa che ora farebbe sorridere, / come se potesse davvero essere solo dolore / da bestie, istinto brutale, menzogna e bestemmia / del tempo, come se non potesse invece / essere solo nostra, noi i mostri, / i boia, le iene che sghignazzano sbranando il bene.

               

II

Ma se el tenpo l’a ‘na colpa, la ‘é quea
de no’ èsser pì bon de far el só lavoro,
de ‘ndar ‘vanti, intende, (nonostante
i conpiuter, tuta ‘sta tecnologia che
inpignisse ‘e nostre scassèe e ‘e nostre
case, che ne fa senpre pì senpi sapienti)
de no’ èsser stat bon de farse esenpio,
tenpio dea storia, catàeogo de un mal
che dovaràe insegnarne el verbo mai pì:
Auschwitz, Hiroshima, Chernobyl, Cortéz,

Sand Creek, s.ciavismo, inquisizhión…
Tut se ripete conpagno, sècoeo dopo
sècoeo, àno dopo àno. Àtia l’à sol
canbià nome, el nòvo Hitler forse
varà ‘a barba al posto dei mostàci,
parché vióenza e ingordisia sposta
indrìo date e cossienza, spazha via
amór e civiltà. L’òn torna a tremàr
nudo fra i venti de un inverno crudo,
a inpizhàr fòghi drento ‘e caverne.

                   

II

Ma se il tempo ha una colpa, è quella / di non essere più capace di svolgere il suo compito, / di farsi futuro, intendo (nonostante / i computer, tutta questa tecnologia con cui / riempiamo le nostre tasche e le nostre / case, che ci fa sempre più stolti saccenti) / di non essere stato capace di farsi esempio, / tempio della storia, catalogo di un male / che dovrebbe averci insegnato il verbo mai più: Auschwitz, Hiroshima, Chernobyl, Cortéz, // Sand Creek, schiavismo, inquisizione… / Tutto si ripete uguale, secolo dopo / secolo, anno dopo anno. Attila ha solo / cambiato nome, il nuovo Hitler forse / avrà la barba al posto dei baffetti, / perché violenza e avidità spostano / indietro date e coscienze, spazzano via / amore e civiltà. L’uomo torna a tremare / nudo fra i venti di un inverno crudo, / ad accendere fuochi dentro le caverne.

                  

III

Oh tenpo, vècio sfinìo, incarognìo,
nissuna saggezha, da tì, nissuna pietà.
Quel che te fa tii nostri corpi, te ‘o fa
tea civiltà. Nissuna béezha se salva,
nissuna splende tea not dea tó viltà.

Ma mì, che vede mé femena senpre
pì bèa man man che ‘a sfiorìsse
insieme al mé sfiorìr, mì contento
del poc e da quel senpre incontentà,
sóneo mì fòra tenpo o ‘eo el tenpo
a èsser senpre pì distante? mascarà
dal lifting co’ i só làvari sgionfi,
‘a pèl tiràdha te ‘na smorfia ebete
de giovinezha smolfa, tarocàdha.

Ma situ deventà pròpio un pajàzho?
cussì trucà, cussì ridìcoeo, i sesti
da mona parché i senpi se sganasse
dei tó capitónboi, ‘e tó desgrazhie,
‘e pache che te ciapa, parché i ride
del tó piàndher e dei tó lamenti?

vergognete tì, ‘lora, che saràe ora.

             

III

Oh tempo, vecchio sfinito, incarognito, / nessuna saggezza, da te, nessuna pietà. / Ciò che fai nei nostri corpi, lo fai / alla civiltà. nessuna bellezza si salva, / nessuna splende nella notte della tua viltà. // Ma io, che vedo mia moglie sempre / più bella nel suo sfiorire / accanto al mio appassire, io pago / del poco e da esso sempre accontentato, / sono io fuori tempo o è il tempo / a farsi sempre più lontano? Alterato / dal lifting con le sue labbra gonfie, / la pelle tirata in una smorfia ebete / di gioventù posticcia, taroccata. // Ma sei diventato proprio un pagliaccio? / così truccato, così ridicolo, i gesti / da tonto perché gli stolti si sganascino / delle tue cadute, le tue disgrazie, / le botte che prendi, perché ridano / del tuo pianto e dei tuoi lamenti? // vergognati tu, allora, che sarebbe ora.

               

da Corpo dea realtà
(Nel dialetto Veneto-Trevigiano dell’Opitergino-Mottense)
Edizioni Culturaglobale Cormons (GO) collana “100”

plaquette stampata in 100 esemplari

                    

11-08_risultato

One thought on “Corpo dea realtà, di Fabio Franzìn”

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: