7 POETI DEL NORD: DAVIDE FERRARI (LOMBARDIA)

tn_DJENNE' MOSCHEA 2

7 POETI DEL NORD: DAVIDE FERRARI (LOMBARDIA), con introduzione a cura di Manuel Cohen.

   

   

Apprezzato anche per i suoi versi in lingua italiana, Davide Ferrari sembra affidare le sue ‘cose’ migliori alla verità della parlata lombarda nella varietà dell’area pavese. Poeta di marca esistenziale, si produce in testi meditativi e speculativi che non arretrano di fronte a grandi Moloch, o a grandi temi: il senso dell’esistenza, il tempo, la morte. E li affronta di petto, fa affidandosi alle potenzialità di una phonè dai tratti peculiari di concretezza, ma anche di possibile visione. Emblematico, in questo senso, un testo come Piöva, Piove, in cui la dimensione spazio-temporale appare come irrelata, metastorica, eppure così attinente alla stagione, così riverberante sulla particolare atmosfera o temperie dell’epoca presente, e così estensibile a tutta intera la generazione dei nati negli anni Ottanta: «Tra tutte le piogge possibili quella che ti bagna/ è sempre la più bastarda ed è una lagna/ il giro, se non ha inizio né fine./ Presente è sperare intanto/ che il passato si è asciugato./ Il futuro è una visione, una specie d’obbedienza,/ una violenza darsi gli ordini con costanza./ E la speranza non è nient’altro/ che un’altra privazione, un altro colpo all’anima./ E l’anima che spera è una stanza vuota./ È un’anima sola.». La tonalità dei testi è sempre colloquiale, ha la morbidezza del parlato, insegue un sogno e un ordo di necessità di comunicazione, in cui ‘tenere tutto a mente’ e rivelarlo agli altri, come in una ipotesi di saggezza o di passaggio di consegne. Come a ricercare una continuità, e un consistere tra le cose e gli uomini. M.C.

DAVIDE FERRARI è Nato a Pavia nel 1983. Attore, regista, autore, Si occupa di teatro, scrittura creativa, poesia e formazione presso enti privati e pubblici.  Scrive in italiano e in dialetto pavese. Pubblica Missing Link (O.M.P. Edizioni, 2010), la raccolta di poesie autoprodotta Anime arrangiate (2010) e la silloge La cenere dei bordi (Subway Edizioni, 2013 con introduzione di Davide Rondoni). Suoi testi sono presenti in Le poesie della Tabaccheria (Subway Edizioni, 2011), Milano (Versi Umani, 2012) e in altre antologie online e offline. Nel 2013 realizza un adattamento in dialetto pavese di brani dall’Ulisse di J. Joyce per il Long Lake Festival di Lugano. Autore delle rubriche La poesia e i giorni per Subway Edizioni (www.subwayedizioni.com) e Poetry? I, too, dislike it per il magazine online Bastart – Sho(r)t in the heart (www.bastart.it). Fonda e dirige la compagnia Maliminori (www.maliminori.it) composta dai detenuti della Casa Circondariale Voghera.

*

Al vìssi ‘d la vita
(Il vizio della vita)

(poesie in dialetto pavese)

   

I vid infilà vüna via l’altra
sénsa pensér e sénsa tüt i nòss
magàgn che ‘na fän gnì la facia vuncia,
no ‘d vin ma ad sulc prufund.
E ‘l tratur al tira dritt in di und
‘dla giuinèssa, al fa passà
i zòl püsè gross vüna par vüna,
e ja ribalta, ja tra in toc
pr’ una nascita fütüra, una creassion.
Al cuntadin, c’la spes tüti i sò ann
a fa andà i män e a ingrassà ‘l mutur,
agh salta mai in ment d’abandunà
al tratur par fa i ricam in sla sò vita.
Al tira sira sénsa cugnission,
tra un bicer e l’altar, al fa un sògn
sugnénd la primavera, una quei ura
arenta al fögh ad la memoria,
indè che tüt al par vegh l’umbra
d’un racòlt. E l’è insì bèl viagiá
in dal témp cui män in män
ch’i pàran pòss ma sensa vegh adòss
l’udur ‘d la mort, me quèi ad quèi
che Mort l’è un laurá, una dòna,
e ciciará cun niént in ment,
nänca un bicér ad vin
ch’at töva l’anima,
e pö ‘tsè mort dabon,
a tradiment.

*

(Le viti messe in fila una dopo l’altra/ senza pensieri e senza tutte le/  preoccupazioni  che ci sporcano la faccia,/ non di vino ma di solchi profondi./ E il trattore tira dritto nelle onde/ della giovinezza, fa passare/ le zolle più grosse una per una,/ e le ribalta, le fa a pezzi/ per una nascita futura, una creazione./ Al contadino, che ha speso tutti i suoi anni/ a muovere le mani e ingrassare il motore,/ non viene mai in mente di abbandonare il trattore/ per ricamare sulla sua vita./ Tira sera senza cognizione,/ tra un bicchiere e l’altro, fa un sonno/ sognando la primavera, qualche ora/ accanto al fuoco della memoria,/ dove tutto sembra avere l’ombra/ di un raccolto. È così bello viaggiare/ nel tempo con le mani in mano/ che sembrano rafferme ma senza avere addosso/ l’odore della morte, come quelle  di coloro/ che Morte è un lavoro, una donna,/ e chiacchierare con niente in mente,/neanche un bicchiere di vino/ che ti prende l’anima,/ e poi sei morto davvero,/ a tradimento.) 

***

Dim di män,
indé pudé mèt a tasé i magàgn
di did, la mia e la to vita,
screpulà ma cun ammò un cicìn ad fià
tra i crép di occ a la matìna prèst.

Dim ‘d la strà di strà,
almen la traietòria, insì da ricurdà
da tégn la tésta alta in facia al mendicänt,
o al Charlie Chaplin cul baston
in diression dal cör, vèrs Bratislava.

Dim che son no un por barlafüs,
bava a la buca e cellulare in män,
l’altra in d’la sacòcia a scincinà
i munéd ad la vargògna
intänt che a tésta bassa,
par levàm la rogna slunghi ‘l pass in sänta pas.

Dim no cl’è merculdì e föra gh’è ‘l marcà,
a ogni canton una sembiänsa d’om,
che andà föra insì par mì,
so nänca me ciamal quel ad Bogotà;
dal Senegàl so no la lengua,
e pö gh’è Bucarest al pròssim isulà.

E mì ‘d viagià son stracc.
G’ho vöja da andà a cà,
cal büs ad mund da tri generassion,
par viv istéss a toc e bucon,
vess mé un emigrà, in quatar mür vess pü nissün,
mé un imigrà che in un dì d’aria növa
l’ha pèrs la via e la lengua ‘d cà.

* 

(Dimmi delle mani,/ dove poter mettere a tacere le magagne/ delle dita, la mia e la tua vita,/ screpolate ma con ancora un filo di fiato/ tra le crepe degli occhi alla mattina presto. // Dimmi della strada delle strade,/ almeno la traiettoria, così da ricordare/ di tenere la testa alta di fronte al mendicante,/ o al Charlie Chaplin col bastone/ in direzione del cuore, verso Bratislava. // Dimmi che non sono un povero idiota,/ bava alla bocca e cellulare in mano,/ l’altra in tasca a snocciolare/ le monete della vergogna/ intanto che per levarmi la rogna/ a testa bassa allungo il passo in santa pace.// Non dirmi che è mercoledì e fuori c’è il mercato,/ ad ogni angolo una sembianza d’uomo,/ che uscendo da solo,/ non so neanche come chiamarlo quello di Bogotà;/ del Senegal non conosco la lingua,/ e poi, c’è Bucarest al prossimo isolato.// E io sono stanco di viaggiare./ Voglio tornare a casa,/ quel buco di mondo da tre generazioni,/ per vivere ugualmente a pezzi e bocconi,/ essere come un emigrato, in quattro muri essere più nessuno,/ come un immigrato che in un giorno di aria nuova/ ha perso via e lingua di casa.)

***

Cla nott chi l’è una pütàna
che in metropolitana la regala
al vöid di butìli abandunà
pr’imbutiglià i ricòrd e stupà
‘l büs cun al catràm di òss ch’i sen faj
pèll ca spüssa.
E la sciura rüsa o ‘n quejcòss d’altar,
la passa un’altra porta cun al so curàgg,
un’altra. L’è in pelegrinàgg
tamme una spùsa abandunà al desèrt
ad la stassion dal Dòm.
Am par da védla rid dal füm
di mè travàj, pìcul tamme i al
d’una sansàla, cla ta mòla mai.
In di occ la grassia d’una lüs,
cl’inùnda i scal e la banchina
e sübit la möra adré da lé,
al canton, fai l’ültim basé.
Änca quèsta l’è passà e mi t’ho namò vist.
Änca mi resisti cul curagg
di pòr diaul fin a l’ültima fermà.
La porta la s’è vèrta.
Un’altra dòna l’ha passà.

*

(Questa notte è una puttana/ che in metropolitana regala/ il vuoto delle bottiglie abbandonate/ per imbottigliare i ricordi e tappare/ il buco con il catrame delle ossa che si sono fatte/ pelle maleodorante./ E la signora russa, o qualchecosa,/ oltrepassa un’altra porta con il suo coraggio,/ un’altra. In pellegrinaggio/ come una sposa abbandonata al deserto/ della stazione Duomo./ Mi sembra di vederla ridere dal fumo/ dei miei mali, piccoli come ali/ di zanzara, che non ti molla mai./ Negli occhi la grazia di una luce,/ che inonda le scale e la banchina/ e subito muore dietro a lei,/ all’angolo, fatto l’ultimo gradino./ Anche questa è andata e non ti ho vista ancora./ Anch’io resisto col coraggio/  dei poveri diavoli fino all’ultima fermata./ La porta si è riaperta/Un’altra donna è entrata.)

***

Poesie dal libro inedito

Il santo all’osteria

    

Quìndas dì d’abitüdin növ par ved
se ‘l temp al passa,
par ved se ‘l ma fa ved la rassa
e s’al vör dì vess fai me un òmm.
E tiràg la cua par tirà sira,
cercà ad fa centro in dl’ubietiv sensa
ciapà la mira.
E quand, a sira tarda, al cör al parla
e l’aria la ma passa dentr’a fa
‘l so gir, am vegna in ment che ‘l temp l’è tamme
un brüt client:
al g’ha sempar ragion lü.
Sem nüm che fuma i sfors
par tegn ‘l in vita dentr’i pügn,
in di occ d’la gent ca passa,
invidiend un gat c’al sa riposa
e una spusa disegnà in dl’anima di rob.
E tegnat tüt in ment par regalal
insema ai rest da quel
che ‘l temp al t’ha lassà.
Agh duma in män la vita
ma l’è mej lassà stà.
L’è roba nossa, invension e culpa.
Al temp l’è un brut client.
Al temp l’è nient, ma an nà fa fa la cursa.

*

(Quindici giorni di abitudini nuove per vedere/ se il tempo passa,/ per vedere se mi fa vedere la razza/ e cosa vuol dire essere fatto come un uomo./ E tirargli la coda per tirare sera,/ cercare di fare centro nell’obiettivo senza/ prendere la mira./ E quando, a tarda sera, il cuore parla/ e l’aria mi passa dentro a fare/ il suo giro, mi viene in mente che il tempo è come/ un brutto cliente:/ ha sempre ragione lui./ Siamo noi che facciamo gli sforzi/ per tenerlo in vita dentro i pugni,/ negli occhi della gente che passa,/ invidiando un gatto che riposa/ e una sposa disegnata nell’anima delle cose./ E tieni tutto in mente per regalarlo/ insieme ai resti di quello/ che il tempo ti ha lasciato./ Gli diamo in mano la vita/ ma è meglio lasciar perdere./ È cosa nostra, invenzione e colpa./ Il tempo è un brutto cliente/ Il tempo è niente, ma ci fa fare la corsa.) 

***

Kai lyja ir lyja ir lyja 

 Quando piove e piove e piove

GINTARAS GRAJAUSKAS

    

Piöva, gh’è la nebbia e piöva,
e ‘m piöva dentar intänt che un vegg al suna
e piängia al pianofort.
G’ho un po’ trop büs adoss
e sensa recipient as ciapa niént,
i gut i sbàtan cuntra j oss
me una turtüra, i scavan l’anima
e la mort l’asspéta in fund.
Piöva, piöva e siguìta a piöv
sempar pussè fort quänd
am mèti giù a gaton me un cän, quänd
ma scundi in un canton
par vess no vist da ti e no truà
‘d la sira negra e pussè ‘mmò.
Tra tüt al piöv pusibil quel che ‘t bagna
l’è sempar al pussè bastard e l’è una lagna
‘l gir, s’al g’ha né inìssi né una fin.
Present l’è sperà intänt
che ‘l passà al s’è sügà sü.
E ‘l fütür l’è una vision, una specie d’übidiensa,
una viulensa dass j urdin cun custänsa.
E la speränsa l’è nient’ altar
che un’altra privassion, un’altar culp a l’anima.
E l’anima ca spera l’è una stänsa vöida.
L’è un’anima sula.

*

(Piove, c’è nebbia e piove,/ e mi piove dentro intanto che un vecchio/ suona e piange il pianoforte./ Ho un po’ troppi buchi addosso/ e senza recipienti non si prende niente,/ le gocce sbattono contro le ossa/ come una tortura, scavano l’anima/ e la morte aspetta in fondo./ Piove, piove e continua a piovere/ sempre più forte quando/ mi metto a gattoni come un cane, quando/ mi nascondo in un angolo/ per non essere visto da te e nascosto/ dalla sera nera e di più ancora./ Tra tutte le piogge possibili quella che ti bagna/ è sempre la più bastarda ed è una lagna/ il giro, se non ha inizio né fine./ Presente è sperare intanto/ che il passato si è asciugato./ Il futuro è una visione, una specie d’obbedienza,/ una violenza darsi gli ordini con costanza./ E la speranza non è nient’altro/ che un’altra privazione, un altro colpo all’anima./ E l’anima che spera è una stanza vuota./ È un’anima sola.) 

***

«Mi son vün che vün me mi gh né mia
perchè m’inventi un num divers un dì
par l’altar che quand, ad not, la mort l’am
ciama la tröva sempr’un àltar
in dal mè pigiama.»

*

«Io sono uno che non c’è un altro come me/ perché mi invento un nome diverso un giorno/ per l’altro che quando, di notte, la morte mi/  chiama trova sempre un altro/ dentro il mio pigiama.»

       

Djenné, Mali
Djenné, Mali

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: