7 POETI DEL SUD: SEBASTIANO AGLIECO (SICILIA)

IF

7 POETI DEL SUD: SEBASTIANO AGLIECO (SICILIA), con introduzione di Manuel Cohen.

  

   

L’affondo recente nel dialetto d’origine di Sortino, nel siracusano, di Sebastiano Aglieco, autore in lingua tra i più raffinati della sua generazione, ricorda una analoga esperienza che nel 1990, dopo la scomparsa del genitore, spinse al recupero della lingua madre un raffinato poeta e critico del Secondo Novecento, Achille Serrao. I due poeti sono idealmente accomunati da almeno tre elementi extra-testuali: 1) il fattore scatenante: la perdita genitoriale; 2) l’approdo al dialetto in età matura; 3)la distanza fisica dalla lingua madre, non praticata perché i nostri vivono altrove. Un quarto dato poi: la comune radice meridionale. La potenza icastica dei testi di Aglieco, a cui non è estranea una coltivata frequentazione dell’arte pittorica, assomiglia in tutto a una regressione psichica, al ritorno a un immaginario che l’occhio dell’infanzia, in una zoomata retrospettiva, rende ancora più remoto: tra immagini plastiche in movimento drammatico e stagliate figure ieratiche, quasi archetipi, o totem: «Chiama da un fosso, un groppo di / tamburo che sprofonda il sangue/ giungi dal fianco e le tue / mani mi afferrano. / Vienimi incontro / apriti una strada negli occhi / nel pianto scuro delle bocche. / Nera, come ti vidi, come non / ti piansi; stellata. / Le braccia sentono il peso / i nomi divorano chi chiama. / Queste furono le spade: bestemmie che / fanno urtare pietra e cielo.» (Matri njura, Madre nera), il movimento delle mani che imprime verticalità alla azione, con chiari riferimenti alla sfera del sacro e della religiosità popolare, di fatto suggerisce un più ampio scontro planetario, tra materia terrestre e sfera celeste, il tutto nella incombenza del nero luttuoso e della luminescenza della Madre. La potenza della poesia di Aglieco risiede anche in questo: una miccia di visionarietà estrema, iperrealistica e allegorica. La riattivazione di una lingua, recuperata a memoria e non più parlata, che produce una nuova vampa mitopoietica, riattiva visioni archetipiche, rimossi primordiali: percorrendo una linea verticale, alle scaturigini di una dimensione tragica non riconciliante. M.C.

Sebastiano Aglieco poeta e critico, è nato a Sortino (SR), il 29 gennaio 1961. Vive a Monza e insegna a Milano nella scuola elementare. Si occupa di teatro e scrittura per la crescita delle persone. Ha pubblicato diversi libri di poesia; l’ultimo, Compitu re vivi, Il ponte del sale 2014. Inoltre Radici delle isole, La Vita Felice 2009, che raccoglie tutto il lavoro critico svolto in rete e in diverse riviste.Il suo blog è Compitu re vivi: (miolive.wordpress.com).

*

Muru ri plastica 

Casa ri ventu e scuru
frànunu i vuci e na potta è ’nsirràta
rarrèri l’acqua passàta
rètri, sbàttunu i mènnuli
u ventu si suca a vanèdda, i
chianti re vardiàni.
Accussì s’asdirrubbànu i pali.
Chisti èrunu i rasti sicchi
ri quann’èrumu nnichi
’m muru ri plastica rigàva i facci
sbannuliàti rintra e fora
e u patri ciccàva u mari
nna l’acqua ’ngrascia.

*

Muro di plastica

Casa di vento e scuro / franano le voci e si chiude una porta, / dietro,
l’acqua marcia / dietro, sbattono i mandorli / il vento succhia il vicolo,
i / pianti dei guardiani. / Così si schiantarono i pali. / Erano questi i
vasi secchi / dell’infanzia / un muro di plastica rigava i volti / sputtanati
dentro e fuori / e il padre cercava il mare / nell’acqua sporca.

***

A matri fujùta nno scuru 

Si scuppulàu u tettu
nu ventu arraggiàtu u fici vulàri
scuppàu, fici tùmmula nno curtìgghiu
i sciàncu, niscènu fora i fìmmini jttànnu uci
’n cutèddu ci tagghiàu i testi
c’èrunu rasti rutti e sporti
ri latti, a matri ruppi i potti
niscju ’n ciumi
vippi tutti i vucchi r’addèi
e a màchina s’asdurrubbàu
’mmenzu e buffi.

*

La madre fuggita nel buio

Si scoperchiò il tetto / un vento feroce se lo portò via / cadde sbattendo,
nel cortile / vicino, uscirono le donne urlando / un coltello ci
tagliò le teste / vasi rotti e borse / di latte, la madre ruppe le porte / un
fiume straripò / bevve tutte le bocche dei neonati / e l’auto precipitò
/ in mezzo ai rospi.

***

A prima lìttira 

Forsi, stu scantu
è na jastìma ’nfracirùta ri tantu tempu
n’ùmmira senza raggia, lassàta a
stutàrisi rarrèri a ’m muru
ri muffa e rina, e ora ti nnòmina
ti vuli canùsciri.
Jucàunu ’n terra
– c’era n’aria ri mari – u piccirìddu
sintju na uci ca unciàva a stanza
’n ciàuru ri rosi sicchi
na navi ’mbriaca.
Eff comu focu
comu patri e matri.
Nun c’era chiù tempu prima ri ogni
eff, prima ri ogni zita.

*

La prima consonante

Forse, questa paura / è una maledizione infracidita da tanto tempo
/ un’ombra quieta lasciata a / spegnersi dietro un muro / di muffa e
sabbia, e ora ti chiama per nome / vuole conoscerti. / Giocavano a
terra / – c’era un’aria di mare – il bambino / sentì una voce che gonfiava
la stanza / un odore di rose secche / una nave ubriaca. / Eff come
fuoco / come padre e madre. / Non c’era più tempo prima di ogni /
eff, prima di ogni sposa.

***

Curpa e cantu 

Ancuòra cca sugnu
o centru ri stu tummulàtu
uòra, comu nu martòriu, passa lenta
a prucissiùni ra festa.
Cutturiùsu sduacàrisi ra testa
ma gghià ’nsignàtu a ciauràri
ammucciùni, rarrer’i muri.
Mancu ’m patri appòi ci talja
mancu na cresima.
Fossi quarcùnu u sapi unnè ddu
purtùsu unni ci jttàrunu i
ranni p’amparàri a susìrisi o a cripàri!
Ju rinàsciu ri na curpa
cangiàta co cantu.

*

Colpa e canto

Sono ancora qui / al centro di questo letto di assi / ora, come un martorio,
si fa avanti, lentamente / la processione della festa. / Fastidioso
svuotarsi della mente / ho imparato a sentire gli odori / di nascosto,
dietro i muri. / Neanche lo sguardo di un padre, domani, / neanche
una cresima. / Forse qualcuno lo sa dove si trova quel / buco in cui ci
buttarono i / grandi per imparare a rialzarsi o a crepare! / Io rinasco
da una colpa / scambiata col canto.

***

Matri njura 

Sciàma ra ’n fossu, nu ruppu ri
tammùru ca ’nfùnnica u sancu
ti fa vèniri ri sciancu e i to
manu m’abbràncicunu.
Veni versu a mmia
ràpiti na strata nna l’occhi
nno chiantu scuru re ucchi.
Njura, comu ti visti, comu nun
ti chiancji; stiddàta.
I frazzi sèntunu u pisu
i nnomi s’ammùccunu cu chiama.
Chisti fùrunu i spadi: bestèmmji ca
’ncùcciunu petra e celu.

Assisi, 27/03/2005

Madre nera

Chiama da un fosso, un groppo di / tamburo che sprofonda il sangue
/ giungi dal fianco e le tue / mani mi afferrano. / Vienimi incontro /
apriti una strada negli occhi / nel pianto scuro delle bocche. / Nera,
come ti vidi, come non / ti piansi; stellata. / Le braccia sentono il peso
/ i nomi divorano chi chiama. / Queste furono le spade: bestemmie
che / fanno urtare pietra e cielo.

***

Metro 

Pi strata si fèmmunu i strazzàti
dumànnunu l’ilimòsina pi passàri
p’arrivàri a sira, mmaculàti.
Càntunu i patri e i figghi che
fisarmònichi, a canzùni ra strata e
ra fini, l’occhi schifiàti ra
stu cani arraggiàtu ri munnu.
Ju, chi cos’a gghià fari?
Comu pozzu, ju
fari crìsciri u pani pi tutti?

Metro

Per strada si fermano i mendicanti / chiedono l’obolo per passare /
per giungere alla sera, immacolati. / Cantano i padri e i figli con le /
fisarmoniche, la canzone della strada e / della fine, gli occhi disgustati
da / un mondo incarognito senza pietà. // Cosa devo fare? / Come
posso, io / moltiplicare il pane per tutti?

 

Longmen, Cina
Longmen, Cina

 

One thought on “7 POETI DEL SUD: SEBASTIANO AGLIECO (SICILIA)”

  1. “…Cosa devo fare / Come posso, io / moltiplicare il pane per tutti? ”
    Una sensazione di impotenza verso la tanta miseria che chiede aiuto. Un sentimento tante volte provato, quando per il centro della città si incontrano tanti poveri.

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: