Concorso poetico e fotografico: i nuovi luoghi della contemporaneità – i classificati

CIV15014_ALIENAZIONE FOTOGRAFICA

Concorso poetico e fotografico: i nuovi luoghi della contemporaneità – I CLASSIFICATI.

   

   

In concomitanza con un ciclo di incontri a tema “nuovi luoghi della contemporaneità” organizzato da Civico 32, Garbo associazione giovani architetti Bologna, Fantomars arte accessibile, Scuola della carta e Versante Ripido, è  stato indetto un concorso fotografico e poetico.

Trovate i risultati a questo link http://www.versanteripido.it/newsletters/risultati-del-concorso-poetico-e-fotografico-nuovi-luoghi-della-contemporaneita/

Qui pubblichiamo ora le poesie e le foto che si sono classificate dal quarto al decimo posto.

    

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: OSVALDO CROTTI – TITOLO DELL’OPERA: “LA CITTA’ DELLA SCIENZA”

CIV15001-la città della scienza   

4 CLASSIFICATO AL CONCORSO POETICO: RENATO FIORITO – TITOLO DELL’OPERA: “INNAMORATI”

Dr. Cav. Renato Fiorito:  Presidente del Premio di Poesia Di Liegro. Già dirigente della Banca d’Italia è ideatore e amministratore del blog letterario “La Bella Poesia” che organizza il Premio. E’ autore del romanzoTradimenti” – Edizioni Zerounoundici – Collana Selezione, premiato nel 2010 al Premio “Città di Recco” e alla XII Edizione del Premio “Val di Vara”. Il secondo romanzo “Ombre”,  ambientato tra i Clochard di Roma, si è classificato 2° alla XII edizione del Premio “Mondolibro”, 2° al Premio “Via Francigena” 2011 ed ha ricevuto il Premio della Critica al Premio internazionale “L’integrazione culturale attraverso la letteratura” organizzato dal Centro Ecuatoriano di arte e cultura di Milano. E’ anche autore della raccolta di poesie “Legami”, le cui composizioni hanno vinto numerosi premi.

Innamorati

Scesero dal treno
e li abbracciò la luna.
Il marciapiede fece cento giravolte
prima di conficcarsi tra i binari.
Tra la fuliggine delle pensiline
si affacciò il cielo,
aveva un’unica stella.
Lei si teneva stretta
nel chiaroscuro delle lampade al neon.
Li guardai andare
incuranti della notte.

    

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: GIACOMO VINCI – TITOLO DELL’OPERA: “PROFILI DIGITALI” 

CIV15003_profili digitali 

     

5 CLASSIFICATO AL CONCORSO POETICO: TINA CARAMANICO – TITOLO DELL’OPERA: “SU UNA PANCHINA QUALSIASI”

Tina Caramanico è nata a Taranto nel 1962 e da allora ha traslocato moltissimo. Oggi vive ad Abbiategrasso, in provincia di Milano. E’ laureata in Lettere, insegna nella scuola secondaria superiore, è sposata e ha due figlie. Scrive da sempre, ma solo nel 2010 ha iniziato a rendere pubblici i suoi testi. Finora ha frequentato soprattutto poesia e narrativa breve. Non si preclude nessun esperimento: mainstream, noir o fantastico, spesso le piace violare o mischiare i canoni di genere.
Nell’aprile 2011 è uscita la prima raccolta di poesie: “Guida a Milano invisibile”, Nulla Die editore.
Dalla fine del 2012 collabora con le case editrici Zerounoundici, LilliBook, Gruppo Editoriale L’Espresso-Storie Brevi per la pubblicazione di singoli racconti in edizione digitale.
Nel 2013 sono uscite tre raccolte di racconti: con Officine Editoriali, in edizione digitale, “Le cose come stanno”; “Oltre l’incerto limite”, con Runa Editrice e “Piccole storie oscure”, tra horror e noir, con  0111 Edizioni.
Nel 2015 ha pubblicato una nuova raccolta di poesie: “I poeti non servono a niente”, Ottolibri Edizioni e la novella noir “In memoria”, Nero Press Edizioni.
Altri testi compaiono in varie antologie, riviste e sul web.

*

Su una panchina qualsiasi
del centro commerciale di Novegro
lascio marcire il tempo
la domenica pomeriggio
e me, cono d’ombra senza parole,
cosa qualunque che non vale niente.

Vorrei stare laggiù, in vetrina
e avere un cartellino al collo,
un prezzo di cosa
che puoi vendere o comprare,
che puoi desiderare.

   

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: NATALIA BONDARENKO – TITOLO DELL’OPERA: “PUNTO DI NON INCONTRO”

CIV15005_Punto di non-incontro

   

6 CLASSIFICATO AL CONCORSO POETICO: CARLA DE FALCO – TITOLO DELL’OPERA: “SECONDIGLIANO”

Carla De Falco è stata manager delle Risorse Umane per un decennio, oggi è docente dedita all’attività letteraria.
Membro di varie giurie letterarie, ha vinto numerose competizioni poetiche, ottenendo premi e riconoscimenti anche prestigiosi, sempre ai primi posti, anche in contesti internazionali.
Più di un centinaio sono le pubblicazioni antologiche che riportano sue poesie.
Ha pubblicato a Milano la prima silloge Il soffio delle radici (Laura Capone Editore, 2012, Premio Hombres e Premio Contemporanea d’autore). A maggio del 2013 è uscita la seconda opera: la voce delle cose (Montag, Premio Solaris).
La silloge Intuizioni d’ascolto ha vinto, nel 2014, la IX edizione del Premio Artistico Letterario Internazionale Napoli Cultural Classic  ed è stata pubblicata su Italian Poetry Review, rivista ufficiale della Columbia University di New York, anno 2014.
Il suo lavoro d’impegno civile Il momento che separa, vincitore del Felix Festival, è attualmente in corso di pubblicazione (Montag edizioni, Corridonia) così come Rime d’amore e di frontiera, silloge vincitrice del Concorso letterario La memoria delle cose (Temperino Rosso edizioni, Brescia).

secondigliano

ho visto tutto
guardando un orizzonte che sembrava un coro
alla finestra da cui donne spezzate
si affacciavano su destini confusi.

le ho viste lì, in piedi all’alba
sul ponte di una superstrada
incuranti dell’intenso chiarore del giorno
raccontare, nel vento fatto voce.

raccontavano e davano ordini
ai maschi serrati nelle gabbie
che ascoltavano attenti e ringhiosi
dietro museruole nere.

e di questa scena rubata a cento all’ora
mi colpiva quello che in un attimo restava:
nessuna donna, nessuna museruola
nessuna voce, nessun silenzio.

 

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: ANGELO ROVETTA – TITOLO DELL’OPERA: “NELLA NEBBIA”

civ15009 nella nebbia

   

7 CLASSIFICATO AL CONCORSO POETICO: IVANA TANZI – TITOLO DELL’OPERA: “LEGGERE DANTE IN AEREO”

Ivana Tanzi è nata a Parma e risiede a Milano. Ha pubblicato quattro raccolte di versi: Un sasso un sogno ed altro, ed. Firenze Libri, 1987; Stanze distanze, ed. Joker, Novi Ligure, 2006; Il metro estensibile, ed. Puntoacapo, Novi Ligure, 2010; Fino all’ultimo comma, ed. CFR, 2011.

Leggere Dante in aereo

Qui stretta immobile
nell’aeromobile, confusa
dell’ora, anonima
viandante zavorrata
di cianfrusaglia, maladattata
alle strettoie e ai passi
della babelica bengodi globale,
qui ti ritrovo con inaudita
gioia, Dante, compagno
di pellegrinaggio
e mai mi fu più caro
e chiaro e necessario
il senso del tuo viaggio verticale.

   

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: EDOARDO GRAZIANI – TITOLO DELL’OPERA: “(R)ESISTENZE URBANE”    

CIV15012_(r)esistenze urbane

      

8 CLASSIFICATO AL CONCORSO POETICO: MAURIZIO PAGANELLI – TITOLO DELL’OPERA: “MAUSOLEO”

Maurizio Paganelli, nato ad Albenga (SV) il 17-12-75, ha vissuto in Liguria dove si è laureato in Medicina e specializzato in Medicina Legale a Genova. Dal 2008 vive e lavora a Milano.
Di seguito alcuni riconoscimenti ottenuti: Vincitore Concorso Letterario Ilmioesordio (La Feltrinelli) 2011 con la raccolta ‘Le Nozze della vaniglia’; Vincitore Leone di Muggia (Trieste) 2013; Vincitore Premio Alicante (Trento) 2014; 2° posto Premio Acqui Terme 2013; 2° posto Premio Letterario Internazionale Juan Montalvo (Milano) 2013; 2° posto Premio Letterario Fratres (Pisa) 2014; 3° posto Trofeo Gatticese delle Arti 2012 (Novara); 4° posto Premio ‘Borgognoni’ 2012 (Pistoia); Premio speciale S. Dominichino 2012 (Massa); Poesia finalista Premio Letterario Europeo 2012 (Massa); Varie menzioni d’onore in altri premi e pubblicazioni in antologie e riviste.

MAUSOLEO

Pochi vecchi profumano:
tutto dipende dai parenti.
La solitudine ha spesso l’odore
di sigaretta e illuvie,
colora di ocra e macchia di marrone.
Il posto è un posacenere che esonda,
parlatorio, antinferno, terra di nessuno.
C’è una fila che non chiede altro tempo,
né permesso di soggiorno,
uno sciame di mosche che eclissa.
Si entra nelle stalle di Augia
col proprio personale fiume,
ma niente intacca il miasma grigio,
che cinge e serpe tutto.
Cerchiamo rifugio tra i fragili,
vanitosi e vigliacchi anche nel lutto.
Il margine riflette il mondo intero.
Tonfa una mela marcia.
Marmi, meriggi, sfalci.
Nell’ombra del mausoleo,
accaldati, con schiere di invisibili,
attendiamo il passaggio d’una nuvola.

    

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: SIMONE CANIATI – TITOLO DELL’OPERA: “”    

CIV15013_CODICECIV15013

   

9 CLASSIFICATO AL CONCORSO POETICO: FRANCESCA DEL MORO – TITOLO DELL’OPERA: “Qui non ci sono i cubicoli”

Francesca Del Moro è scrittrice, traduttrice, editor, performer e organizzatrice di eventi legati alla poesia. È nata a Livorno nel 1971 e vive a Bologna. È laureata in lingue e dottore di ricerca in Scienza della Traduzione. Ha pubblicato le raccolte di poesia Fuori Tempo (Giraldi, 2005), Non a sua immagine (Giraldi, 2007), Quella che resta (Giraldi, 2008), Gabbiani Ipotetici (Cicorivolta, 2013), Le conseguenze della musica (Cicorivolta, 2014). È autrice di una traduzione isometrica delle Fleurs du Mal di Baudelaire, pubblicata da Le Cáriti nel 2010. Fa parte del collettivo artistico Arts Factory, con cui ha contribuito come poeta, traduttrice e performer ai cataloghi, alle opere di videoarte e alle performance di presentazione delle mostre collettive di arte contemporanea Scorporo (2011), Into the Darkness (2012) e Look at Me! (2013), tutte curate da A. M. Soldini. Alcune sue poesie sono incluse nelle antologie Il ricatto del pane (CFR, 2013) e 100.000 poeti per il cambiamento. Bologna – Primo movimento (Qudu libri, 2013). Nel 2013 ha pubblicato la biografia della rock band Placebo La rosa e la corda – Placebo 20 Years, edita da Sound and Vision. Cura la rubrica Poemata. Versi Contemporanei sulla rivista ILLUSTRATI edita da Logos e scrive di musica per il magazine Sound and Vision.

 

Qui non ci sono i cubicoli
di Monsieur Hulot.

Qui c’è un open space
con tutti i suoi comfort.

Ma i pensieri di ciascuno
si muovono al sicuro
in un minuscolo
spazio quadrilatero.

Non c’è nessun rischio
neppure che si sfiorino.

   

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: GABRIELE UGOLINI – TITOLO DELL’OPERA: “ALIENAZIONE FOTOGRAFICA”    

CIV15014_ALIENAZIONE FOTOGRAFICA

    

10 CLASSIFICATO AL CONCORSO POETICO: NARDA FATTORI – TITOLO DELL’OPERA: “MISURA”

 

Narda Fattori è nata a Gatteo (FC) e ivi risiede. Ha compiuto studi di linguistica. Con testi poetici e narrazioni ha partecipato a premi dagli anni novanta in poi e ha raccolto successi in concorsi innumerevoli, apprezzamenti e premi; ha pubblicato diversi libri e partecipa alla compilazione di antologie. E’ redattrice di vari blog online.
Tiene corsi e laboratori di poesia e scrittura creativa con studenti delle superiori e insegnanti di ogni ordine e grado.

Misura

Quale fosse la distanza fra i sogni
e la fatica di stare dentro il rigo
di non stonare troppo spesso un do mi
a una rotonda delle tante ornate

c’è Riccardo che ci ha perso la vita
i conti non gli tornavano mai
Roberta ha preso un palo in pieno giorno
andate a guardare i fiori a mazzi
sulla via Emilia al km 43

direzione nord

e la lista sarebbe lunga e si è visto
che non serve a nulla e tutto
ricomincia quasi con più forza
con più cattiveria anzi si vedono
sguardi sbiechi e irriverenti
anche fra i commensali della caritas

sotto i portici su un cartone
fra un plaid lurido è morto Adamo.

Le rondini quest’anno non sono tornate al nido.

    

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: GIUSEPPINA BRINTAZZOLI – TITOLO DELL’OPERA: “THE END”    

CIV15019_THE END

   

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: GABRIELE EVANGELISTI – TITOLO DELL’OPERA: “DOVE”    

CIV15020_dove

   

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: MARIAROSA PAPPALETTERA – TITOLO DELL’OPERA: “BAUSA (BUENOSAIRES UNITED STATES OF AMERICA)”    

CIV15021  BAUSA (BuenosAires United States of America)

    

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: MARIAGRAZIA COLASANTO – TITOLO DELL’OPERA: “”    

CIV15022_senza titolo

    

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: JURI ALBERTAZZI – TITOLO DELL’OPERA: “PARADISO ARTIFICIALE”    

CIV15023_Paradiso Artificiale

    

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: ASIA DAGLIO – TITOLO DELL’OPERA: “DESERTO D’ACQUA”  

CIV15024_Deserto d'acqua

   

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: GRAZIA PAGANELLI – TITOLO DELL’OPERA: “BASICO”     

CIV15025_basico

    

CLASSIFICATO AL CONCORSO DI FOTOGRAFIA: CARLO ROMANO – TITOLO DELL’OPERA: “MA CHE SPETTACOLO E’ QUESTO”    

CIV15027_ Ma che spettacolo è questo

 

 

 

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: