Diceva: segui la leprotta, inediti di Martina Campi

16__dsc2839_vert_part

Diceva: segui la leprotta, inediti di Martina Campi.

    

   

 

Martina Campi autrice e performer, ha pubblicato: La saggezza dei corpi (L’arcolaio, 2016), Cotone, (Buonesiepi Libri, 2014), Estensioni del tempo (Le Voci della Luna Poesia, 2012 – Premio Giorgi), e la plaquette È così l’addio di ogni giorno (Ass. Parenti della strage Vittime di Ustica – Corraini Edizioni 2015), con il poeta V. Masciullo e opere grafiche di C. Pozzati. È presente in riviste online e cartacee sia in Italia sia, in traduzione, all’estero, e in antologie. Insieme ai poeti A. Brusa e V. Grutt ha condotto per l’editore Perrone “l’indagine sulla poesia contemporanea bolognese” che è sfociata nella proposta di lettura della non-antologia Centrale di transito (2016 Giulio Perrone Editore). Collabora con diverse realtà poetiche. Autrice di alcuni contributi critici. È stata membro di redazione della rivista Le Voci della Luna, fa parte del Comitato Bologna in Lettere dalla prima edizione e fondazione. Partecipa a diversi festival e recital di poesia e/o musica, con il progetto Memorie dal SottoSuono. www.martinacampi.it

*

     

                                                                                                                                                                                              Forse tutto ciò che si vuole è tempo.
J.Ashbery    (via sms da G, foglie e siepe di leprotta, all’occorrenza)

 

Diceva: segui la leprotta

Ho seguito la lepre verde
che è arrivata saltellando
al mio prato e aveva in bocca
due libri: John Ashbery uno,
l’altro bianco, non avrei saputo.

L’ho seguita come fosse stata
la mia buona siepe, la moltitudine bianca
e mi ricordava Le onde
ma arrivati ai rami, erano tutte parole
zolle da riordinare, timori tra le fronde.

     

(dalla silloge inedita Il corsaletto degli insetti)

***

I Coccodrilli non li abbiamo visti.
Le braccia del sole sul cuscino. Richiamano al giorno
ed è un occhio di luce bianca e luce gialla
che scosta i rami e li apre come lembi
di palpebre e notte.
Ieri eravamo sul fiume.

I pescatori ci salutavano e ci guardavano guardare.
Ci guardavano bere bibite dalle bottiglie di vetro
e bere dalle noci di cocco con la cannuccia.
Ieri eravamo sul fiume
secondo i ritmi delle maree.

    

(dal poemetto Safari -sonorizzato live occasionalmente-
presente nella silloge inedita La disgregazione dei deserti)

***

Eravamo luce di corvo
in volo: la vista sfuoca
la distanza in gocce
che ci separa

e la mancanza
che fa sentire

se pare un volo nero
a svanire.

     

(dalla silloge inedita Manuale d’estinzione – finalista premio Montano 2015)

***

Ai pesci che hanno chiesto
l’acqua è stata portata un’onda
e le branchie sbatacchiavano schiuma
a chiamare rinforzi in un silenzio

     

che sgorga, si dimena o sporge
sorrisi contenuti in un galleggiare
senza tregua, provando a dirsi
è solo il respiro.

    

(dalla silloge inedita Disartria Cronica)

                   

16__dsc2839_vert

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: