E dîr che dîr al dîs in tla mî stassa langua, poesie di Stefano Del Fiore (Emilia)

6_Paul Signac, Serata calma, 1891

E dîr che dîr al dîs in tla mî stassa langua, poesie di Stefano Del Fiore (Emilia).

    

    

Stefano-DelfioreStefano Delfiore, nato a Monzuno (Bologna) nel 1954, vive e lavora a Bologna.
Poeta in lingua e dialetto bolognese, ha pubblicato anche testi in prosa.
Suoi scritti appaiono nelle riviste letterarie Lengua, Tratti, Lo Spartivento, Diverse Lingue ed altre. Dal 1989 al 1991 ha ideato e sceneggiato due cicli di trasmissioni per la seconda rete radiofonica RAI, dal titolo Di fola in fola.
Nel 1996 ha pubblicato Iusveidkaiàm (Edizioni Fuori Thema, con prefazione di Roberto Roversi), la sua prima raccolta poetica in dialetto bolognese.
Una scelta di poesie si trova sul sito web dell’Editore Baskerville http://www.baskerville.it/teche/9/home.html
Ha vinto il Premio “Navile-Città di Bologna” 2003, con la raccolta Al cafà d’levènt, pubblicato da Mobydick.

    

   

    

*

Brîsa ch’iûc’ srê a l’impruvîs
cómm par strénzer tótt al bûr ca ié.
Anch sl’é pr’ón secònd sòul, d’grîs
quèsi d’un tàimp sàinza parôl
cómm d’ónna smania insèna…
as pôl lasèr incôsa
in gîr pr’al mònd
e l’univèrs s’as vôl…
Pérs l’é al mî vlàir c’at vôl
cómm mé avrévv vló
ct’fóss ogni mumàint cl’éra,
cal gîra e pó a gn’é pió.
Pènsa c’as fa nôt
l’istàss incû
e tótt a gn’é pió
un’ètra vólta, e ’ncòura

      

Non stringere quegli occhi all’improvviso / come per fermare tutto il buio che c’è. / Anche se per un solo istante, di grigio / quasi d’un tempo senza parole / come d’una smania insana… / si può abbandonare tutto / in giro per il mondo / e l’universo se si vuole… / Persa è la mia volontà che ti vuole / come io avrei voluto / che tu fossi per ogni istante ch’era, / che gira poi non c’è più. / Pensa che si fa notte / di nuovo, anche oggi / e tutto non c’è più / un’altra volta, e ancora

*

La nôt l’é ’n’âria
cèra in dal bûr
tótt mói ca t’é
caschè adôs.
Adès tl’arcgnóss
c’an fóss sòul
un insónni prinzipiè
mó s’al finéss
s’al pséss come l’estèd
a vôlt, tótt int’na vôlta
e té

    

La notte è un’aria / chiara nel buio / infradiciato che ti è / calato addosso. / Adesso la riconosci / che non fosse solo / un sogno cominciato / ma se finisse / se potesse come l’estate / a volte, tutto in una volta / e tu

*

E dîr che dîr al dîs
in tla mî stassa langua
qualla che mé a cgnóss pulîd
da quand sòn nèd.
Al dscòrr adèsi, al dîs
tótt quall cl’à da dîr,
mó mé an ’i capéss un’ôstia,
gnént, prezîs sa fóss
drî a dscòrrer
co’ un furastîr…

 

E dire che parla / la mia stessa lingua / quella che io conosco bene / da sempre. / Chiacchiera lentamente, dice / tutto quello che ha da dire, / ma io non ci capisco un’ostia, / niente, proprio come stessi / parlando / con un forestiero…

*

         

Paul Signac, "Il molo a Cassis", 1889 - in apertura "Serata calma", 1891, Metropolitan Museum New York
Paul Signac, “Il molo a Cassis”, 1889 – in apertura “Serata calma”, 1891, Metropolitan Museum New York

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: