E’ soltanto l’aurora, inediti di Lucianna Argentino

Ingmar Bergman, Persona 1966 (volti 2)_risultato

da E’ soltanto l’aurora, inediti di Lucianna Argentino.

   

   

Io sono l’agnello
e lui la lama a cui offro il collo
il coltello per il sacrificio
a un dio che dimora nel mio ventre.

***

Abbiamo attraversato la notte in ginocchio
perché la misericordia divina
ci trovasse preparati per un nuovo impasto
di polvere e un respiro più prudente e giusto
ci fosse alitato nelle narici.
Officianti il sacramento
di quelli cancellati dalle mappe
ma ai quali è affidato il compito
di testimoniare la grazia
– quelli a cui molto sarà perdonato
perché molto hanno amato.

***

Mi tiene in cattività
il corpo di lui in cui sto fiera e indomita
finché afferrandomi i fianchi libera il desiderio
e lo sento dilatarsi nel ventre
accolgo il suo volere nel mio, a lui mi piego
spiego la mappa del nucleo ventromediale
ed è volo radente – saliva e sudore –
la gioia feroce – la lotta e la furia
la rabbia pacifica – di essere due nell’uno
che sfugge all’amplesso.
Poi. La santità dell’abbraccio.

***

La carità delle sue mani
quando sono assetata
e danno da bere alla mia sete;
quando ho fame
e sfamano il mio desiderio;
quando sono sola
e visitano la mia solitudine;
quando sono nuda
e più profonda e vera rendono
la mia nudità.

***

Pelle a pelle quando poi il desiderio
si quieta – appagato –
il mio capo sul suo petto
le sue braccia attorno al mio corpo
a farmi spazio quando l’uno
è perfetto nel due che siamo dopo
perché una sola carne si diventa a poco a poco
– senza sacramento.

***

Tra la folla ho cercato di toccare
un lembo della sua veste
perché fosse solo per me il miracolo,
perché si arginasse l’emorragia
e divenisse utile il dolore
incustodito nelle sue mani,
e fosse fatta salva la mia anima
con poca resa se non la curva
che fa il cuore quando si china
stupito – la mia vita me l’hai data tu
mi dice lui e l’attimo si sbriciola,
si fa polline per un tempo andato
che torna lacero e sfinito
ma vivo e sativo.

***

Pensami vicina
come un sentiero
sciolto dalla meta
buono per i lombrichi e le api
e per i passi di angeli
senza annunci.
Ora che sono per te
colei che moltiplica
e ho l’andamento
dei verbi all’infinito.

***

Venuto al senso dell’intimità lui
rilascia fede e apertura al dono
fa cantare in me la slogatura del tempo
con parole appese
all’incomunicabile suono d’organo
che sale dalle navate del suo corpo
ed è come a Damasco
– la cecità e la visione.

***

Ha occhi verdi, ardenti, un’omelia indecente
alla mia fuga tra i pori della sua sostanza.
Ha sembianza di siepe, ma a volte
diviene un sicomoro e dalle sue spalle io
abbraccio Dio.

***

Attracca nel porto largo
delle mie cosce lui – nave ammiraglia
sbarca nella voglia che delle sue mani
supplica la mia pelle,
lui che abbracciandomi
abbraccia la mia vita e la mia morte.
E’ l’elemento assorbente
– lo zero gravido d’infinito –
poi mi penetra e apre radure
tra il mio corpo e la mia anima,
crea un luogo che non è dell’uno
né dell’altra.

***

Di spalle mi affido al suo abbraccio
mi fido del suo corpo contro il mio corpo
nel sonno che porta a compimento
l’opera della materia e fonda l’invisibile.
Lui mio settimo giorno
– mia terra promessa,
altare consacrato dal canto
che dalla mia bocca
riverso nella sua bocca – tabernacolo
di baci e di parole a custodia delle braci
per le ceneri da cui siamo risorti

                     

Ingmar Bergman, Persona 1966
Ingmar Bergman, Persona 1966

 

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: