Euridice alla stazione, editi e inediti di Anna Cascella Luciani

z 10491985_621761217940514_3405793496061536742_n_risultato

Euridice alla stazione, editi e inediti di Anna Cascella Luciani.

    

    

(incontrario edipo)

avendo avuto mia madre –
assente – negli anni
dell’infanzia e alcuni
altri – non la ricordo
in cucina – per me –
ragazzina – come credo
càpiti a famiglie intere –
e a farlo – per me bambina –
erano la nonna materna –
e la zia – Paola –
sorella di mia madre –
erano anni di guerra
e dopoguerra – mamma
insegnava vicino
Roma – città dove
ero nata – e più sicuro –
altrove – per la piccola –
pensarono tutti – meno
il padre – che non c’era –
così fu che una primavera
– già più grande – su un treno
verso sera – per la via ferrata
– Adriatico nord – verso
Venezia – vidi dal treno
che se ne andava sempre
più a nord – incontro
alla laguna – schiusa
una finestra – illuminata –
e passare – in corsa – la scena
materna in nutrimento:
una donna – una madre
pensai – stava la cena
preparando – potrei ancora
giurare fossero uova
quelle che vidi aprirsi
in un lampo – mi rimase
negli occhi quel che vidi
e sorrisi – certo e per forza
avevo visto – negli anni –
mia zia e mia nonna
cucinare – ma quell’unica
donna – al crepuscolo –
apparsa oltre un treno
– a mezzo tra acqua
e colline di costa – mi parve
un segno pieno – tant’è
che ancora netto
mi appare il tavolo
della cucina ignota
– chi sa in quale tratta
della ferrovia – una sfinge
di luce – maternale –
chi sia stato mio padre
poi chi sa – in nessuna
stazione – della vita –
l’ho incontrato – un esilio
perenne del suo nome –

Inedito, 7 aprile 2016

***

(euridice alla stazione)

venni la volta d’un saluto
a Roma Termini – “vado
a Milano, per lavoro” avevi
detto – non so come
all’ultimo momento trovai
il binario – il vagone –
il treno – e ti vidi – tu
molto alto – di spalle
al finestrino – ti girasti –
non scomparii – la scomparsa
fu dopo – in altri mesi –
era quasi Natale – ti diedi
– oltre il vetro abbassato –
non so più quali oggetti
– natalizi – e dissi “diglielo
a Milano, che sei stanco”
eri stupito ch’io avessi
avuto quell’idea
d’arrivare al binario –
nell’incertezza di trovarti
al treno – non ti era mai
capitato nell’età tua
più adulta – e credo
inconsulto – fuori luogo
nel luogo deputato dei saluti
ti sembrò il mio arrivo
– né io aspettai la partenza
di quel treno – me ne andai
prima – per la città di Catullo
che si ama – poi la trama
dei giorni aggiunse l’altro
verbo – ma era acerbo
il primo – in citazione –
e rimaneva il solo
– secondo – a Termini –
in stazione –

Inedito, 7 aprile 2016

***

scriverlo
grande sui muri:
“ti amo – sta
attento – non siamo
sicuri” graffiti
detriti – roveti
confusi – ricordo
disastro
morte – reclusi –
le carte si spiccano
dal melograno (mischia
di nuovo – il seme
è la mano) angelo
verde diventa
l’annuncio – sollievo
diaspro pietra
natura – albero
pieno alberga
frutteti – muschio
limoni – i gialli
aranceti – la metro
arriva sulle rotaie
la gente si accalca
l’odore solleva
bande di armate –
inutile fingere –
entro – mi giro –
la scritta scompare –
Orfeo è redivivo –

Da Tutte le poesie (1973-2009), Roma, Gaffi Editore, 2011

                       

z 10 Natasha Bondarenko - Ombra, 30x30, olio tecnica mista su tela_risultato

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: