Fermati anima, haiku dell’inquietudine di Giovanna Iorio

Theda Bara 1985 - 1955

Fermati anima, diciassette haiku dell’inquietudine di Giovanna Iorio.

   

  

”Fermati anima”  è un esperimento ovvero la traduzione in haiku del  “Libro dell’inquietudine” di Fernando Pessoa. Di prossima pubblicazione. G.I.

*

le imbarcazioni
passano nella notte
senza un saluto

vivono insieme
in un unico corpo
il re e il suo schiavo

è terribile
ma solo in apparenza
la monotonia

il saggio è colui
che rende monotona
la sua esistenza

e tra luci e ombre
il mattino si scioglie
sulla mia città

è domenica
anche in me, il mio cuore va
in una chiesa

tutti i rumori
tagliati  da un coltello
silenzio freddo

solo le nuvole
sono reali oggi e il cielo
inesistente

assurda e fredda
la tenerezza che provo
per un passante

la strada è un libro
colgo conversazioni
ombre di discorsi

un gallo ignaro
che canta nella notte
come un bambino

vivere è essere
un altro, essere nuovo
a ogni alba 

il vecchio cielo
dove tutte le stelle
ricominciano

e comincia in noi
l’autunno, un vago sonno
ci invade i gesti

un fiammifero
è il suono del primo tram
illumina il buio

siamo dei climi
aleggia la minaccia
di un temporale

e ho voglia di
gridare nella testa:
Fermati anima!

                       

Theda Bara 1985 - 1955
Theda Bara 1985 – 1955

 

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: