Fòi e sòi, poesie di Lussia di Uanis (Friuli)

2_Arthur Dove, La ferrovia di Fall Brook, 1934 copia

Fòi e sòi, poesie di Lussia di Uanis (Friuli).

    

     

27785909_1962094857157284_307537301_oLussia di Uanis è lo pseudonimo di Lucia Pinat, nata nel 1964, madre di due figli, scrive e si occupa di poesia, lettura. Ha creato eventi e reading di Slam Poetry. Ha lavorato per diversi anni con i bambini creando laboratori creativi in lingua friulana nelle scuole dell’infanzia e primarie. Ha fatto parte di gruppi musicali “K’Ramar” e Eletrike Skeletriche Poetiche e del movimento di Usmis e dei Trastolons. Ha pubblicato due libri per l’infanzia, e poesia su alcune antologie poetiche. Ha curato trasmissioni di racconti tradizionali per bambini e di poesia per Radio Onde Furlane. Dipinge e ha fatto alcune mostre personali e collettive.
Ha pubblicato: un libro per bambini “Intal sac da fantasia” e un libro di poesie “Rivocs sul Cormôr” (nell’universo dei “Quanti” privi di ISDN), un audiolibro per bambini “L’arbul Feliç” edizioni Serling Soc coop. Ha pubblicato un cd per Musiche Furlane Fuarte con Eletrike Skeletriche Poetiche.
Sue poesie sono presenti sulle antologie “Amalârs” Ed KappaVu; “Tananai”del gruppo poetico Trastolon; “L’italia a pezzi” antologia di poeti italiani in dialetto e lingue minoritarie; “Luoghi d’Europa” antologia poetica internazionale, ed. La vita Felice 2016; “Parole Sante – umide ampate t’aria, Kurumuny Ed. 2017.

     

EMIGRANTS       

Stradis fredis e fraidis
epur luzôr par gnôfs pîts
di emigrants
in larc e in lunc
di cà e di là dal flun
di cà e di là dal mâr
in ta ète dal seglâr.

Stradis fredis e fraidis
epur luzôr par pîts
di emigrants
culì ta chist pissul
mont siarât
che fronta l’onda
dal là e tornâ.

Stradis sioris di conquistâ
pa l’orda di puars di avuè
nô, emigrants di aîr
lôr emigrants di avuè:

Cingalês sintât t’una pocje di ploie cun tô fî devant dal supermarket lidl di Mortean,
African boy camionist su la route Aris Teor,
Rumen che tu davuelsis la tiara da bassa,
Polacca che tu assistis i vecjos full-time,
muradôr albanês che tu impastis maltis madôns e madonis sacrosantis,
cjnês che tu vendis pezzots pai marcjats di ogni villa,
argofurlans reinpastâs tal levan,
furlosvizzars, fransês, peruvians, cilens… 

Stradis fredis e fraidis
epur luzôr par gnôfs pîts
di emigrants
òrdis sporadichis e disordenadis
individualis
di cà e di là dal mâr
in ta ete dal seglâr.

(l’ete dal seglâr l’è un schers trastolon di RafBB e S.Morat par dì l’acuari)

      

Emigranti
Strade fredde e avariate / eppure luce per nuovi passi / di emigranti / in largo e in lungo / di qua e di là del fiume / di qua e di là del mare / nell’era dell’acquario. // Strade fredde e marcite / eppure luce per passi / d’emigranti / qui in questo piccolo / mondo chiuso / che affronta l’onda / dell’andare e tornare. // Strade ricche da conquistare / per l’orda di poveri d’oggi / noi qui emigranti di ieri / loro lì emigranti di oggi: // Bengalese seduto in una pozzanghera con tuo figlio in grembo, davanti al supermarchet lidl di Mortegliano, / ragazzo africano camionista sulla “route” Aris-Teor, / Rumeno cherivolti la terra della pianura, / Polacca che assisti i vecchi full-time, / muratore Albanese che impasti malte mattoni e Madonne sacrosante, / cinese che vendi abiti a poco prezzo nei mercati di ogni paese, / Argentini-friulani reimpastati nel lievito, / friul-svizzeri, francesi, peruviani-cileni… // Strade fredde e marcie / eppure luce / per nuovi passi di emigranti / orde sporadiche e disordinate / individuali / di qua e di là del mare / nell’era dell’acquario.

*

FÒI E SÒI   

O fòi fruta e
‘o fòi fantata.
‘o fòi femina e
on e femina.
‘o fòi mari e
‘o fòi dùt,
sensa savê altri che
al desideri di jessi,
sensa pensâ,
cul cûr disin.

Ma al fòi, un dì
s’ingropa come una cuarda
“miôr che rompi la cuarda…”  *
Miôr!
A’nd ai rot la cuarda e
ài tignût se ch’al restava,
che no vevi sielta
parsè che j fòi mari e sòi femina.

Daspô ‘o fòi principessa
‘o fòi salvadia
‘o fòi poeta
‘o fòi pitôra
‘o fòi agana
‘o fòi stria
‘o fòi putana
‘o fòi mari
e ancjamô sòi
alc ogni dì.

*riferiment   “al luzour” di PPP

     

FUI e SONO  
Fui bambina / e fui ragazza. / Fui donna e / uomo e donna. / Fui madre e / fui tutto, / senza sapere altro che / il desiderio di essere, / senza pensare / con il cuore, dicono. // Ma il fui, un giorno / s’annoda come una corda, / “meglio ch’io rompa la corda” / Meglio! / Ho rotto la corda e / ho tenuto ciò che rimaneva, / non avevo scelta / perché fui madre e sono femmina. // Dopo fui principessa / fui selvaggia / fui poeta / fui pittrice / fui fata / fui strega / fui puttana / fui madre e / ancora sono / qualcosa ogni giorno.

*

         

Arthur Dove, "Target Rock", 1931, in apertura "La ferrovia di Fall Brook", 1934 , Metropolitan Museum New York
Arthur Dove, “Target Rock”, 1931, in apertura “La ferrovia di Fall Brook”, 1934 , Metropolitan Museum New York

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: