Gli obbedienti e Affondata sul lavoro, reportage di Clery Celeste

Fast Food Nation, Richard Linklater, 2006

Gli obbedienti e Affondata sul lavoro a Forlì, reportage di Clery Celeste.

    

    

Francesca Del Moro e Giorgia Monti
Francesca Del Moro e Giorgia Monti

Quello che è avvenuto mercoledì 6 giugno a Palazzo Romagnoli a Forlì, a soli quattro giorni dalla giornata della Repubblica Italiana, è la dimostrazione pratica che la poesia e l’arte sono in stretta connessione con la realtà. La poesia è qualcosa di quotidiano, che parla dei problemi e della vita di tutti. Sono state realizzate in uno dei luoghi più preziosi di Forlì due performance poetiche, a cura dell’associazione Lestordite di Giorgia Monti e Serena Piccoli per il Festival Internazionale di Poesia e Arti Sorelle.

La serata si è aperta al piano terra del palazzo con l’evento poetico performativo di Francesca Del Moro, in quello che è stato un percorso conoscitivo e sensoriale attraverso la visita della collezione Verzocchi. L’intera serata è stata incentrata sul tema del lavoro, centrale sia in tutta la preziosa collezione forlivese, il lavoro come diritto e privazione, sia nelle poesie lette, che sono testimonianze di una difficoltà reale (spesso a carattere principalmente femminile). Francesca ha scelto per ogni sala un quadro con cui ha trovato particolare connessione con i suoi testi e davanti al quale ci ha recitato le sue poesie tratte da Gli obbedienti (Cicorivolta edizioni, 2016), raccolta intensa e diretta incentrata sulla fatica di trovare e mantenere una posizione propria nel mondo. La voce poetica di Francesca è stata un saldo ponte temporale tra le opere dello scorso secolo esposte e la narrazione dei disagi attuali, cambiano le forme ma certi dolori e certe fatiche sono restati purtroppo immutati.  I testi da Gli obbedienti dicono tutto, non lasciano niente in sospeso, il ritmo è deciso e i versi sono precisi e taglienti. Francesca scrive le cose come stanno, dando il giusto nome, anche se duro e doloroso, non mette veli o patine. Sono testi che vanno alla radice più intima del problema, esattamente come le opere della collezione Verzocchi. Mostrano quello che c’è da far vedere, senza premura e senza abbellimenti inutili.

Serena Piccoli
Serena Piccoli

Dopo questo intenso momento la serata si è spostata nella ampia e ambrata sala al primo piano del palazzo, la Sala dell’incontro, dove ci attendevano Serena Piccoli e le musiche splendide di Fabio Strada. Una seconda parte di ascolto e di silenzio.

Per Serena Piccoli le questioni importanti vanno affrontate direttamente e andando a cercare personalmente chi ha vissuto e vive il rifiuto e il sopruso in ambito lavorativo. Serena ci introduce in quella che è la preparazione che sta dietro a una performance teatrale: l’autrice ha intervistato per mesi tantissime persone che hanno vissuto forti difficoltà lavorative, raccogliendo così una rosa di testimonianze importanti da parte di voci di età, strato sociale e identificazione sessuale differenti. Parole che sono di tutti noi, in una recitazione sentita ed emozionante che veniva alternata agli haiku di Maria Laura Valente, alle poesie di Francesca Del Moro e alle musiche di Strada. Un dialogo diretto quello tra Serena e il pubblico, dove chiunque si può essere identificato in almeno una delle storie e dei dettagli raccontati.
L’arte quindi è quel filo che ci permette di non sentirci soli, di legarci tutti insieme in un nodo di esperienze e vissuti comuni. Una serata all’insegna dell’empatia, del dono e della testimonianza in due forme artistiche differenti ma sincere, dove la parola assume una valenza necessaria, di verità. Mi auguro e auguro alle autrici che questa esperienza si possa ripetere ancora.

         

Fast Food Nation, Richard Linklater, 2006
Fast Food Nation, Richard Linklater, 2006

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: