La conoscenza indiretta, le “cose rutte” di Sergio Rotino (Salento)

WakeUpAndSleep, Seven Days of Falling (Bombing Pills)

La conoscenza indiretta, le “cose rutte” di Sergio Rotino (Salento).

    

    

LA CONOSCENZA INDIRETTA
ROTINO-immaginelibro1Non conosco il dialetto della terra in cui sono nato. Non conosco il salentino, non conosco la sua variante a me più vicina: il leccese. O meglio: lo riconosco quando qualcuno inizia a parlarlo. Ma io non lo riesco a parlare. Devo forzarmi per riuscire a creare alcune, brevi frasi di senso compiuto.
Il perché è semplice. I miei genitori non volevano parlassi in dialetto. Si rivolgevano a me in italiano, lasciando la lingua intima, il dialetto, a una sfera privata, personale da cui ero così escluso per metà.
Quindi, ho sempre capito il salentino (uno dei salentini che si parlano nella mia zona), ma non l’ho mai saputo parlare. Men che meno scrivere, o meglio, men che meno riuscire a recuperare la lingua di per se orale del dialetto in una forma scritta che avesse una sua forma accettabile per i linguisti e per gli studiosi delle lingue dialettali.
Solo dal 2016, e grazie a un invito fattomi da Milena Magnani e Mino Specolizzi, per il progetto antologico Parole Sante nato per sostenere un altro progetto, quello dell’Orto dei Tura’t, ho rincontrato la lingua del Salento.
Non avendo nessun bagaglio se non quello labile del ricordo orale, queste poesie sono nate e cresciute assemblando parole prese dai vari dialetti salentini, con cui sono entrato in contatto negli anni, fino a quando non ho stabilito definitivamente la mia residenza in Emilia, a Bologna, perdendo con gli anni la maggioranza dei rapporti con la mia terra di origine. Sono quindi testi che usano un dialetto spurio, un sovra-dialetto, se così posso dire.
Se mi si chiede però il perché di un simile lavoro, nato da una costola di un altro lavoro poetico che sto portando avanti, non so bene cosa rispondere.
Diciamo che sono poesie sorte dal bisogno di scendere ancora più a fondo dentro il magma di un dolore, incapace a manifestarsi in altro modo se non così. Sono poesie che inoltre incrementano, per sottrazione, la loro componente ritmica (elemento che appartiene alla mia scrittura da sempre). Sono infine poesie che si dovrebbero leggere “stracciandole”, per singulti, quasi con rabbia. SR

    

Cose rutte/Cose rotte

    

a nui bruçia n’ha

bruçiati a nui
sta cosa
ca stae
sta

cosa ca ni
ugghia e stae
intru

e scura se
façe stu
scigghiu
te cosa ca stae
sta

cosa ca se
façe rosa a
culure rosa

morta moi

none craj n
non mai l

lassa lassame

ca ete oçe
lu sai lu

giurnu se façe

comu lu sacciu
jeu
lu sacciu te
sulu jeu
tici
lu sai lu
sapimu nui

none mai
oçe stai

sulu stai
e mesca e
stae sulu
ete giurnu ete
sira

cce ni ugghia a
nui cosa qua

dintra ni
ccite lu
sangu lu
sai lu
sienti moi lu
sienti

tuttu

lu sangu

ugghia c

culure
a culure ugghia ca
ete fittu lu
scuru

chinu te cose

nijuru

     

a noi brucia ci ha//bruciati a noi/questa cosa/che sta/questa//cosa che ci/rode e sta/dentro//e scura si/fa questa/confusione/di cosa che sta/questa//cosa che si fa/rosa di/colore rosa//morta adesso//non domani n/non mai l//lascia lasciami//che oggi è/lo sai il//giorno nasce//come lo so/io/lo so da/solo io/dici/lo sai lo/sappiamo//non mai/oggi stai//solo stai/e mischia e/sta solo/è giorno è/sera//cosa ci rode a/noi cosa qua/dentro ci/uccide il/sangue lo/sai lo/senti adesso lo/senti//tutto//il sangue// rode c//colore/a colore rode che/è fitto il/buio//pieno di cose//nero

*

umbra quiddru ca simu
umbra imu
b’essere ca
mancu simu
l’arberi le
fronde facenu suenu
facenu
te quai
simu essuti te
lu scuru fra le
petre mare
e surde
fuciuti a
quisti amu
turnare scuri

intru lu cantu
te autri autre
petre e muffa ca
mancu
nu cane ni
ite n’indora

la malora a
nui ni
face uessu senza
culure te ccene ni
face cussine
janchi cussì
tuce la corolla
se face ca ni
crepa la parola

sine lu sangu
sine gli uecchi
nijuri ma
nenzi simu e puru

quistu ete nenzi

lliati ranu o sementi

    

ombra quel che siamo/ombra dobbiamo/essere che/nemmeno siamo/gli alberi le/foglie fanno suono/fanno/di qua/siamo usciti dal/buio fra le/pietre amare/e sorde/fuggiti a/questi dobbiamo/tornare bui//dentro il canto/di altri altre/pietre e muffa che/nemmeno/un cane ci/vede ci annusa//la rovina a/noi ci/trasforma in osso senza/colore di cosa ci/fa così/bianchi così/dolce la corolla/si fa che ci/crepa la parola//va bene il sangue/va bene gli occhi/neri ma/niente siamo e pure//questo è niente//tolti grano o semi

*

jentu ca

stae
muertu subbra
sti ddoi lingua
subbra àutra
lingua ca stae
senza

ucca senza
li tienti la
raggia te le
petre ca nienzi
cangia e

raggia

rimane ritta
intru e citta
le ntrame
toi e nu se
mmoe lu
sangu puru
lu sangu te
una all’àutru
mmescatu ca
nu face nenzi
dici nenzi dici
sangu e cu
crepa dici
puru

cittu s’ha
stare lu mundu
senza pacenzia ave
stare cittu cu
crepa quai
cu crepa moi

onza onza

     

vento che//sta/morto sopra/questi due lingua/sopra altra/lingua che sta/senza//bocca senza/i denti la/rabbia delle/pietre che niente/cambia e//rabbia//rimane dritta/dentro e zitta/le viscere/tue e non si/muove il/sangue anche/il sangue da/una all’altro/mischiato che/non fa niente/dici niente dici/sangue e che/crepi dici/anche//zitto deve/stare il mondo/senza pazienza deve/stare zitto che/crepi qui/che crepi adesso//goccia a goccia

*

tienitelu terra
cu nu bite
cchiui cu
denta surdu alla
petra
ca ni

parla ca
dice nenzi

nenzi tieni
tie malatia
tie culure

oppuru tuermi
statte citta
statte muta

a’n terra rimani
e sbocca

     

tienitelo terra/che non veda/più che/diventi sordo alla/pietra/che ci//parla che/dice niente//non hai nulla/tu malattia/tu colore//oppure dormi/stattene zitta/stattene muta//rimani a terra/e vomita

*

stu musu ca
rrigna na
stidda na
onza te
tienti ca
rrigna ca
rite a
musu strittu

jentu
rittu a’n
facce a
mienzu la
facce nu
tice nu parte
cittu stae
e se ite te
sulu mpisu a
stu njiuru te
rosa te
spine te
sangu mpisu
onza onza
e nienzi e
rrigna pe’ cosa ca
sulu
sape
suntu

cose rutte suntu

spezzate mienzu

le petre
lu sule

scure suntu

e tutte

       

questo muso che/ringhia una/stilla una/goccia di/denti che/ringhia che/ride a/muso stretto//vento/dritto in/faccia in/mezzo alla/faccia non/dice non parte/se ne sta zitto/e si vede da/solo appeso a/questo nero di/rosa di/spine di/sangue appeso/goccia a goccia/e niente e/ringhia per cosa che/solo/conosce/sono//cose rotte sono//spezzate in mezzo//le pietre/il sole//sono scure//e tutte

*

               

WakeUpAndSleep, Seven Days of Falling (Bombing Pills)
WakeUpAndSleep, Seven Days of Falling (Bombing Pills)

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: