La terra arù su natu, poesie di Matteo Greco (Salento)

TAF-05-HiRes + 2

La terra arù su natu, poesie di Matteo Greco (Salento).

     

     

matteo-grecoMatteo Greco nasce a Gagliano del Capo, in provincia di Lecce, nel 1982. Studia a Bologna e a Limoges, in Francia, dove consegue un dottorato in semiotica. Svolge a Milano attività di ricerca nell’ambito dello studio dei linguaggi pubblicitari, presso l’Università IULM e Istituti di Marketing internazionali. È attualmente assegnista di ricerca presso l’Università del Salento.
È ideatore e autore dell’applicazione Sherazade, il cantastorie digitale per viaggiare in Puglia con parole nuove, e del Parco Narrativo di Fine Terra. È direttore artistico del festival internazionale dell’arte di strada “A Cappello” e della collana di storytelling In viaggio con Sherazade.
Coltiva da bambino la sua passione per la poesia. Partecipa a numerosi festival nazionali ed internazionali, nel 2007 vince il Certamen del Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna e nel 2012 il premio Subway Letteratura di Milano.
Nel 2013 pubblica la sua prima antologia di poesie, Giorni fatti a mano (Subway edizioni, Milano).
Nel 2014 firma la drammaturgia di due spettacoli teatrali: Raccontami Sherazade, dedicato al Salento e al suo patrimonio narrativo, e Penso che un sogno così, spettacolo di teatro-canzone ispirato alla figura del Domenico Modugno.
Nel 2015 pubblica C’era infinite volte il Sud. Percorsi narrativi alla scoperta del Salento (Il Raggio verde Edizioni).
Nel 2016 è stata pubblicata la nuova antologia poetica in italiano e dialetto salentino Da grande voglio fare il Meridione, presentata al Salone Internazionale del libro di Torino.
Ogni giorno cerca di tener fede al principio di Jodorowski, per cui “vivere come un autentico poeta significa non avere timore, avere il coraggio di dare, possedere l’audacia di vivere con una certa dismisura”.

*

La terra arù su natu

Su natu ntra na terra
ca no se capisce
ca no la capisciu.
Face comu certe fimmane
te vole e no te vole
e tie no sai
ci l’hai secutare
o ci te n’hai futtire.
Su natu ntra na terra
ca ogni giurnu vulìa
cu me la sposu
e no nci riesciu.

Fa’ te baciu sti pedi de vulia
a uno a unu!
Famme restare, quannu passu
e russisci ntra li fori!
Fa te vardu
quannu te cali la veste
e te stenni nanzi mare,
famme tuccare
quannu te ntunni
sulle chiante de cucuzze e de pummadori!

Eppuru pe qualcunu
l’hai llavatu sctu bellu friscu nanzi casa
ca no su zanzare
ste cantilene ntra le ricchie
si tie
ca me cusi la canzuni
e me dici «resta,
minti la capu sulla ventre,
ca te ncarizzu!»

    

La terra dove sono nato
Sono nato in una terra / che non si capisce / che non la capisco. / Fa come certe donne / ti vuole e non ti vuole / e tu non sai / se la devi seguire / e se devi fottertene. / Sono nato in una terra / che ogni giorno mi vorrei sposare / ma non ci riesco. / Fatti baciare questi alberi di ulivo / uno ad uno! / Fammi restare, quando passo / e arrossisci in mezzo alle campagne! / Fatti guardare / quando ti abbassi la veste / e ti stendi davanti al mare, / fammi toccare / quanto ti arrotondi / sulla piante di zucchine e di pomodori! / Eppure per qualcuno / l’avrai lavato questo bel fresco / davanti a casa / che non sono zanzare / queste cantilene nelle orecchie, / sei tu / che mi cuci le canzoni / e mi dici «resta, / metti la testa sulla pancia / che ti accarezzo!»

*

È ca si fatta strana.
Cu tutte ste petre e sti pariti, c’hai cucciare?
Cu tutte ste cradate de vagnoni ntra le vie
cci m’ha’ vannire?
E ste chiesie, citte citte
cu l’orologiu a ncoddu
e lu sciroccu ca li batte sulla spadda,
e lu crocifissu mpisu mpettu
ca me varda, quannu passu
e iei no sacciu
cci l’aggiu dire.

Su natu ntra na terra
ca sembra ca pote solu ricurdare
ca se li chiedi de lu crai
se gira de l’otra vanna
e te dice «senti,
tocca te cuntenti
de chiri dieci giurni
ca te mpennu le parazioni ntri paisi
e te frisciu lu pisce ntra le chiazze
e me levu le scarpe, e te fazzu bballare.
Poi,
te n’ha’ partire!»

Su natu ntra na terra
ca dicene ca è già mutu se resiste
chiri quattru misi all’annu!
E cigg’è stu dduma e stuta?
e cigg’è stu cazzu de malannu
ca no tene medicina?

     

È che si fatta strana / con tutte queste pietre e questi muri, cosa devi nascondere? / Con tutte queste grida di bambini per le strade / cosa vuoi vendermi? / E queste chiese, zitte zitte / con l’orologio al collo / e lo scirocco che gli batte sulle spalle / e il crocifisso appeso al petto / che mi guarda, quando passo / e io non so / cosa gli devo dire. / Sono nato in una terra / che sembra possa solo ricordare / che se gli chiedi del domani / si gira dall’altra parte / e ti dice «senti, / di devi accontentare / di quei dieci giorni / che ti appendo le luminarie nei paesi / e ti friggo il pesce nelle piazze / e mi tolgo le scarpe, e ti faccio ballare. / poi, / te ne devi partire!» / Sono nato in una terra / che dicono che è già molto se resiste / quei quattro mesi all’anno! / E cos’è questo accendere e spegnere? / E cos’è questo cazzo di malanno / che non ha medicina?

*

M’aggiu straccatu fazzu feste:
a furia de partire
a forza de saluti e de ccumpagnamenti sulli treni
certe vote
quannu tornu
e me bagnu li pedi nanzi mare
me sembra ca non è mancu veru,
e pensu
ca su natu ntra na terra
ca forse non esiste.

    

Mi sono stancato di far feste: / a furia di partire / a forza di saluti e accompagnamenti ai treni / certe volte / quando torno / e mi bagno i piedi davanti al mare / mi sembra che non è neanche vero / e penso / che sono nato in una terra / che forse non esiste.

*

Canzune de l’amore rraggiatu

Tania n’amore e l’aggiu persu.
Ha d’essere successu nu marisciu
sutta nu velu de risate
nu giurnu ca stia bella scuscitata
o na notte, chianu chianu
m’aggiu fatta picca a picca scanusciuta.

Amore beddhu ca no stai chiù annanzi,
tie moi m’ha capire
se t’aggiu spriculatu ntr’i frantoi
se t’aggiu sbattutu susu l’aiare
se t’aggiu scannatu intra li curtii.
Tie lu sai, puru ca no tu pozzu dire:
ogni castignata
è sutta sutta na benedizione
ognu frustata de lu mare ntra lu pettu
è alla fin fine na carizza,
e non è pe punizione
ogni tronu ca cade sulla terra:
è
nu schiantu de scinucchie
nu scarrare de case ntra lu core.

Ulìa te nchianu susu, amore
e t’aggiu sotterrare,
ulìa te baciu
e t’aggiu fare guerra.

     

Canzone dell’amore adirato
Avevo un amore e l’ho perso. / Deve essere successo un pomeriggio / sotto un velo di risate / un giorno in cui ero bella rilassata / o una notte, piano piano / mi sono fatta poco a poco sconosciuta. /Amore bello che non mi stai più davanti / tu adesso mi devi capire / se ti ho sbriciolato ne frantoi / se ti ho sbattuto sulle aie / se ti ho sgozzato nei cortili. / Tu lo sai, anche se non te lo posso dire: / ogni bestemmia / è sotto sotto una benedizione / ogni frustata del mare nel petto / è alla fin fine una carezza / e non è per punizione / ogni tuono che cade sulla terra: / è / uno schianto di ginocchia / un crollare di case dentro al cuore. / Vorrei salirti addosso, amore / e ti devo sotterrare / ti vorrei baciare / e devo farti guerra.

*

Pe’ l’eternità

Me ne su sciutu puru ieu
ca no tania nenzi chiù de dire
ca idda se n’era sciuta l’annu prima
e a casa erene rimasti nu vantile
na punta de tabaccu
a na vula cchianciu, allu scurire.

Quantu me sapìa diversa chira sigaretta
quannu se facivene le ottu ed erene già manciatu
e tie scivi cu te curchi senza na parola.
Lu silenziu moi è lu stessu, ma
lu ndoru su ogni cosa de la terra,
Signore, me l’hai llevatu.

Lampu! Ieri n’imu canusciuti
e ntra na notte n’imu spusati, imu fattu cinque fii
e s’imu nvecchiati
e stammane m’aggiu zzatu sulu
mmenzu le lenzola!

Ma mo, sai ci facimu?
Ne profittamu ca tuttu Gaianu sta bae allu funerale
e ne sciamu scusi scusi
sutta mmare.

Mena, mena,
damme la manu
ca pe’ l’eternità
t’aggiu baciare!

    

Per l’eternità
Me ne sono andato anch’io / che non avevo più niente da dire / che lei se n’era andata l’anno prima / e a casa erano rimasti un grembiule / un po’ di tabacco / e una voglia di piangere, all’imbrunire. / Quanto mi sembrava diversa quella sigaretta / quando si facevano le otto ed avevamo già mangiato / e tu andavi a coricarti senza una parola. / Il silenzio adesso è lo stesso, ma / l’odore di ogni cosa della terra, Signore, / me l’hai tolto. / Diamine! Ieri ci siamo conosciuti / e in una notte ci siamo sposati, abbiamo fatto cinque figli / e siamo invecchiati / e stamattina mi sono svegliato solo / in mezzo alle lenzuola. / Ma adesso, sai che facciamo? / Ne approfittiamo che tutto Gagliano sta andando al funerale / e ce ne andiamo di nascosto / giù al mare. / Dai, sbrigati, / dammi la mano / che per l’eternità / ti devo baciare!

*

Insegnamenti

L’arburu de fiche me mpara cu resistu
puru quannu fiatene refili di vientu
e cadene
una dopu l’otra le speranze
e no me sentu.

La prevula me dice
ca a quarche cosa alla fin fine
m’aggiu nturtijare
e forse quannu te trovu cu li pedi ntra lu lettu
mieru
mieru novu
n’imu ffare.

Lu ranu ca fusce fenc’a mare
me dice ca sì, me pozzu fare
ranne
e giallu
cu lu pettu sterminatu
pozzu stare faccia a faccia cu le stelle
senza scornu
senza piccatu.

L’arburu de maranci
scusu e profumatu intra lu sciardinu
me dice ca nci su fiuri retu ogni parite
e giurni de Masciu
pe ogni core.

Insegnamenti
L’albero di fichi mi insegna a resistere / anche quando soffiano raffiche di vento / e cadono / una dopo l’altra le speranze / e non mi sento. / La vite mi dice / che a qualche cosa alla fin fine / mi devo attorcigliare / e forse quando ti trovo con i piedi dentro al letto / vino / vino nuovo / dobbiamo farci. / Il grano che corre fino a mare / mi dice che sì, mi posso fare / grande / e giallo / con il petto sterminato / posso stare faccia a faccia con le stelle / senza vergogna / senza peccato. / L’albero d’arancio / nascosto e profumato nel giardino / mi dice che ci sono fiori dietro ogni muro / e giorni di Maggio / per ogni cuore.

*

             

WakeUpAndSleep, Thats All Folks
WakeUpAndSleep, Thats All Folks

One thought on “La terra arù su natu, poesie di Matteo Greco (Salento)”

  1. Conosco un altro Greco, poeta dialettale salentino, ma non conoscevo Matteo, mi ha sorpreso la freschezza della sua poesia e mi son ritrovato pianamente nelle emozioni che questa terra sa dare! Deve tanto a Bodini, ma la dimensione dialettale è deliziosa “comu la pasta fatt’a casa”. Giancarlo Serafino

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: