L’estate ormai finita disegna un cono d’aria, poesie e opere di Mirella Crapanzano

asimmetrie lunari

L’estate ormai finita disegna un cono d’aria, poesie e opere di Mirella Crapanzano.

     

     

Mirella Crapanzano è artista, pittrice, ricercatrice nel campo della poesia, delle arti pittoriche e visive. Archetipi, forme e scritture antiche, colori e simboli sono alla base della sua pittura e scrittura poetica.
Sue poesie sono state selezionate in vari concorsi e pubblicate in antologie poetiche, tra le altre Lietocolle e Fara editore. Nel 2014 pubblica con Lietocolle “Le stanze del Fiore Nero” e nel 2016 con Terra d’ulivi edizioni “Terracqua”,  che vince il primo premio, sezione edita, al Concorso “L’Iguana” dedicato ad Anna Maria Ortese. Nel 2018 arriva seconda al Premio Pietro Carrera per sillogi inedite e pubblica con Il Convivio editore il poemetto “Il Labirinto”.

     

Da  “Andrea”  tre inediti di Mirella Crapanzano.

   

accade
che lo sguardo si posi
oltre la terra arida
dove hai piantato radici
nel luogo originario
l’ombra che vedi
è quel confine
la venatura che la sera
incide sugli alberi
la musica quieta che coltivi

*

l’estate ormai finita
disegna un cono d’aria
alla malinconia
è la luce che resiste
a un passo dal crepuscolo
l’attesa della terraferma
consuma alla finestra
il mare si è mosso appena
ma non è più lo stesso viaggio

*

ti muovi, generi spazio
col rumore del mare
le brevi serpentine di lampi
vedi, oltre l’orizzonte,
fanno eco sulla spina dorsale
come tamburi risplendenti
di terra nei lucidi giardini
dov’è ancora possibile la grazia

*

             

Mirella Crapanzano, "Time" - in apertura "Asimmetrie lunari"
Mirella Crapanzano, “Time” – in apertura “Asimmetrie lunari”

     

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: