L’infinito matematico, poesia di Giuseppe Martella

http://www.metmuseum.org/art/collection/search/56396

L’infinito matematico, poesia di Giuseppe Martella.

    

    

37554806_10212745805302549_255448179271532544_oGiuseppe Martella ha insegnato letterature anglofone nelle Università di Messina, Bologna e Urbino. Si è interessato in particolare del modernismo inglese, di ermeneutica letteraria e filosofica, dei rapporti tra scienza e letteratura, e fra letteratura e nuovi media. Di recente, avendo lasciato l’insegnamento, si occupa anche di poesia italiana contemporanea.
Fra le sue pubblicazioni: Ulisse: parallelo biblico e modernità, Bologna, Clueb, 1997; Ciberermeneutica: fra parole e numeri, Napoli, Liguori, 2013; Tecnoscienza e cibercultura, ARACNE, Roma, 2014; Martella, E. Ilardi, Hi-story. The rewriting of History in Contemporary Fiction, Napoli, Liguori, 2009.

    

     

      

        

L’infinito matematico

     

L’infinito ci attende e il senza forma 

l’assenza di figura l’infinito sottende 

ogni intervallo matematico 

l’infinito ci fa un po’ paura.  

Per i greci era un difetto di natura 

nella forma bella del numero 

nella perfezione dei rapporti 

fra due grandezze. 

Dopo la scoperta dell’incommensurabile, ad esempio 

del rapporto fra il raggio e la circonferenza del cerchio, 

Pitagora ne fu sconvolto tanto che voleva tenere segreto 

quel numero mostruoso pi greco dalle infinite cifre 

dopo la virgola, quella progressione senza un punto d’arrivo 

che metteva in crisi il principio di esattezza del calcolo e lo affidava all’approssimazione. 

Ma non ci fu verso di fermarlo questo demone perverso: 

l’infinito come il diavolo si travestiva in 1000 diverse forme, 

appariva nei luoghi più inattesi, spostava l’asticella della sfida, 

tentava la fantasia dei matematici migliori. 

Infinito e infinitesimo sono gli a priori 

per la matematica e la scienza che ci ha resi signori dell’universo. 

Si guardano come inversi speculari, nella tabula rasa della mente 

sono i penultimi fra il tutto e il niente, l’ostinazione gravitazionale. 

Stringhe corpuscoli quanti di luce, derivate integrali matrici, salti energetici, 

curvature dello spazio-tempo non si possono neanche immaginare 

senza la terribile simmetria elementare tra infinitesimi e infiniti. 

Si guardano nello specchio della mente 

questi due ordini ai limiti della ragione 

simboli che hanno mero valore di posizione tra 1 e 0 

fra l’essere e il niente. 

E in mezzo,  tutti gli alfabeti del mondo 

tutto il caleidoscopio degli eventi 

il gioco inconcepibile dei quanti, la dispersione entropica dei mondi, 

la stupenda deriva dei corpi, umani e celesti, 

le galassie in espansione, la varietà delle stelle: 

le nane bianche, le rosse giganti vicine all’esplosione, 

l’attrazione crescente dei buchi neri che trattiene la luce 

e ci nasconde tre quarti di materia dell’universo. 

E’ il questo e non c’è altro verso che la combinatoria universale 

il cuore impazzito irregolare di quel numero primo che compare

a suo talento e a nostra insaputa, l’aritmia divina,

il dio bambino che gioca a dadi e a nascondino

su una distesa vuota e incolore, senza forma,   

il residuo battito del cuore dell’universo,  questo basso continuo 

che arriva come un pellegrino che si è perso 

ai confini dell’infinito e che attende da noi l’ultimo invito.

*

         

Katsushika Hokusai, "Negozio Mitsui a Surugacho, Edo" - in apertura "Honganji a Asakusa, Edo" - MET Museum New York
Katsushika Hokusai, “Negozio Mitsui a Surugacho, Edo” – in apertura “Honganji a Asakusa, Edo” – MET Museum New York

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: