‘n toch da mì ch’am manca, poesie di Antonella Lucchini (Mantovano)

WakeUpAndSleep, HollyFood (welcome to)_01

‘n toch da mì ch’am manca, poesie di Antonella Lucchini (Mantovano).

     

    

12238089_1086392771373296_8281844849319678938_oAntonella Lucchini nasce a Mantova nel 1964.
Agli inizi del 2013 pubblica la sua prima raccolta poetica, “Tra morsi e strida”, seguita da “Il margine bianco”. A breve uscirà “Il femminino e la sua voce”, una raccolta delle sue ultime poesie, per la casa editrice Il seme bianco.
Scrive in italiano, francese, inglese e in dialetto mantovano cittadino.
Fa parte del collettivo poetico Bibbia d’Asfalto ed è redattrice dell’omonima rivista. Insieme ad alcuni membri del collettivo ha curato l’antologia “Aleppo c’è”, che raccoglie testi di circa 60 autori: progetto a scopo umanitario e benefico pro-Siria, la raccolta andrà a breve in stampa. Il ricavato delle vendite verrà devoluto a Medici Senza Frontiere. Fa parte dell’organizzazione del Festival di poesia di Mantova, nel ruolo di referente per le scuole.
Gli ultimi progetti sono la traduzione di un romanzo saffico/erotico francese dei primi del ‘900 e di una silloge di una poetessa guatemalteca; non ultima, la definitiva stesura di un testo teatrale.

    

Cosa è il dialetto se non un tuffo indietro alla placenta? Succhiare di nuovo le radici, ritornare come semi alla terra.
La lingua italiana è la lingua istituzionale, la lingua della scuola, del lavoro, ciò che ci identifica come nazione. Il dialetto è ciò che ci riconosce nativi di quel preciso fazzoletto di territorio e di quello soltanto.
Il vernacolo del mantovano (cittadino o puro) è l’eco della mia infanzia (ma anche un’identità linguistica che continuo a portare avanti). Le voci delle mie nonne, di mia madre, di papà, i profumi: la lisciva, il bussolano, i tortelli, la polenta; le viole ai bordi dei fossi, il calicantus, i cani, le rose di nonna, le sgridate colorite.
Ricordi – Nostalgia – Natura – Amore. La lingua italiana non mi permette di rendere tutto così plastico, tridimensionale, come il mio dialetto.
Niente sa più di casa come il dialetto.
Di seguito, quattro poesie delle cose mie: il mare dentro, la morte di nonna Maria, l’arrivo dell’estate, il ritratto di una bimba fragile. AL

     

LA PÚCIA

A vurìa puder cantar
quel ch’i mè òc i ved.

La belesa salvadga
‘dla campagna dadrè ‘dle mè spale
quand i papàvar i è da sangue
e pu i mör in dal fen catà su a butulùn.

I ram sütii dle betùle
chi par di da vèc cha trema
quand l’aria l’as möv ‘pena ‘pena.

Puder cantar le litgade ‘dle gase
le cicale quand le se impìsa

al cald ch’al par l’inferan
ch’al s’è gni a catar.

A vurìa, puder.

Ma a go na pùcia funda
in dal stomach
sensa ‘na fin

e mi, cha so mia nudàr

a go da dirla
sa vöi mia negaram.

     

LA POZZANGHERA

Vorrei poter cantare
quello che vedono i miei occhi.

La bellezza selvatica
della campagna alle mie spalle
quando i papaveri sono di sangue
e poi muoiono nel fieno raccolto a botoloni.

I rami sottili delle betulle
che sembrano dita tremanti di vecchi
quando l’aria si muove appena appena.

Poter cantare i litigi delle gazze
le cicale quando si accendono

il caldo che sembra l’inferno
venuto a trovarci.

Vorrei, potere.

Ma ho una pozzanghera profonda
nello stomaco
che non ha fine

e io che non so nuotare

la devo dire
se non voglio annegare.

*

NÒNA, 13 LÜI

L’era n’istà come questa, buienta e sensa fià
al sul at lasava le sò màn insima la pèl.
Nòna, ‘t seri senpar moia negàda
‘n cicìn in dal tò let da quei cha pasa la mutua
par i malà ch’as möv  pü.
I di dal tò pé dèstar màgar e magnà dla cancrena
(‘n diaol ch’at porta via a toch).
Le màn in sla pasiensa, incrusiade (pregàvat?)
magre e cun i usdìn  tüti stort
na candelina che giùran par giùran la sa smursava
‘n poctin da pü
na bambulina coi cavei bianc da lavar, da pednar
d’inbucar, senpar.
Pu l’è rivàda cla dumènica da lüi
al trèdas (ch’l’è propria an brüt nümar)
prima dle diés,
l’è rivada na vecia negra cun la fàcia d’òs
e la s’è sentàda in sal tò pet, pesa come na bala ‘d fen.
Mì e la màma (to fiöla) ema vist ‘n respir cürt,
al silensi
e pu l’ültim in fund ala gula.
T’agh seri pü.
Tì, la soca dla familia
dopo nuant’ani da sgubuna, in dle risère
ale spasadüre, in campagna, in cà
tì e la tò crèma Venus, al tò fasolet bianc e negar in testa
quand in bicicleta t’am purtavi a scöla
u t’andavi da dun Etore al Asiun Catolica.
Forse t’è mia pregà bastansa
parchè al signur al t’ha fat sbraiar dal mal tante nòt,
trope, par mì.
At séri anca ‘n bèl arsari veh, nòna?
Tante litgàde, quanti müs lungh e quante
sigàde ta m’è fat far.
Però, at s’è senpar ‘n toch da mì ch’am manca
e ‘m fa caminar sopa.

      

NONNA, 13 LUGLIO

Era un’estate come questa, bollente e senza fiato
il sole ti lasciava le sue mani sulla pelle.
Nonna, eri sempre bagnata fradicia
un pulcino nel tuo letto, di quelli che passa l’Asl
per i malati che non si muovono più.
Le dita del tuo piede destro secche e mangiate dalla cancrena
(un diavolo che ti porta via a pezzi).
Le mani sulla pazienza, incrociate (pregavi?)
magre e con le ossicina tutte storte
una candelina che giorno dopo giorno si spegneva
un po’ di più
una bambolina coi capelli bianchi da lavare, da pettinare
da imboccare, sempre.
Poi è arrivata quella domenica di luglio
il tredici (che è proprio un brutto numero)
prima delle dieci,
è arrivata una vecchia nera con la faccia di ossa
e si è seduta sul tuo petto, pesante come una balla di fieno.
Io e mamma (tua figlia) abbiamo visto un respiro corto,
il silenzio
e poi l’ultimo in fondo alla gola.
Non c’eri più.
Tu, la zocca della famiglia
dopo novant’anni da sgobbona, nelle risaie
ai rifiuti, in campagna, in casa
tu e la tua crema Venus, il tuo foulard bianco e nero in testa
quando in bicicletta mi portavi a scuola
o andavi da don Ettore all’Azione Cattolica.
Forse non hai pregato abbastanza
perché il Signore ti ha fatto gridare dal dolore tante notti, 
troppe, per me.
Eri anche un bell’elemento veh, nonna?
Tanti litigi, quanti musi lunghi e quanti
pianti mi hai fatto fare.
Però, sei sempre un pezzo di me che mi manca
e mi fa zoppicare.

*

L’ISTÀ CHA NÀS

La lüna l’as fa istà
e l’as cava so fin ai òs.

Na nòt da lüs cha vula
a fil ad pèl,

nüd al corp dla tèra
nüd i sigh dle pene al scür.

I grii bagulun i ferma i sò salt
intùran al pé cald cha straca tüti i ganb.

L’è al mument par nualtar
d’ésar nüd nüdent

quand na màn la pöl pasarat da part a part
e stricar tüt da ti

e ‘l dulur
al sa spaca in dò burèle d’usigeno ad men.

      

L’ESTATE CHE NASCE

La luna si fa estate
spogliandosi fino alle ossa.

Una notte di luci volanti
a filo di pelle

nudo il corpo della terra
nudi gli strilli delle piume nel buio.

I grilli garruli fermano i loro salti
attorno al piede caldo che sfibra ogni stelo.

E’ il momento della nostra nudità
più nuda

quando una mano può passarti attraverso
e stringere di te tutto

e il dolore
si spacca in due biglie di ossigeno in meno.

*

LA PÜTINA E AL PALTUDIN

Al tö vestidin a fiur
al gha al num ‘d tùte le stagiun

al tö paltudìn rosa ‘d velü lis
l’ è trop alser par tegnart al cald
(al par na secunda pèl).

Ti ‘t sé senpar ‘d natra banda
senpar püsè in là,
indoa, t’al sé sul tì e la tö trésa
acsita negra ch’al negar al gà vargugna.

Sala mia tö madar
che da nuantar l’inveràn l’è fred?

Che chi a sema a Mantua e mia in India?

Ch’al velu al tegn fred
e na sfilarada ‘d pene
la sarìa mèi?

La sa gnanca che ta stè poch sentada
insima a cle scragne da fer

ch’li gà mia cusìn
ma sul ‘dle paüre
ch’le gà mia d’ èssar lasade daparlore.

I tö disegn i è mai fini

i resta cume nuantre
in cla tèra da mès
indoa s’incuntrema
indoa ti ‘t pasi e t’am tuchi la spala e ‘t ridi
e mi at carési la facìna ruspia e sbrasenta
e ‘t vardi i och, l’umbra ‘dla tö malatìa:
a so mia cum l’as ciama

ma l’è listés

parchè l’at fa sul püsè sblisiusa di putìn
cun i piümin

chi sa mia che ti ‘t ghè fred
in dal tö paltudìn.

    

LA BAMBINA E IL CAPPOTTINO

Il tuo vestitino a fiori
ha il nome di tutte le stagioni

il tuo cappottino rosa di velluto logoro
è troppo leggero per tenerti al caldo
(sembra una seconda pelle).

Tu sei sempre da un’altra parte
sempre più in là,
dove, lo sai solo tu e la tua treccia
così nera che il nero si vergogna.

Non sa tua madre
che da noi l’inverno è freddo?

Che qui siamo a Mantova e non in India?

Che il velluto tiene freddo
e che una sfilza di piume
sarebbe meglio?

Non sa nemmeno che ci stai poco seduta
su quelle sedie di ferro

che non hanno cuscino
ma solo paure
che non devono essere lasciate sole.

I tuoi disegni non sono mai finiti

restano come noi
in quella terra di mezzo
dove ci incontriamo

dove tu passi mi tocchi la spalla e ridi
e io ti accarezzo il viso ruvido e paonazzo
e ti guardo gli occhi, l’ombra della tua malattia:
non so come si chiama

ma fa lo stesso

perché ti fa solo più scivolosa dei bambini
con i piumini

che non sanno che hai freddo
nel tuo cappottino.

*

             

WakeUpAndSleep, HollyFood (Waitin' for Mrs. Thompson to eat up her breakfast) - in apertura (welcome to)
WakeUpAndSleep, HollyFood – Harold is looking bac(k)on us – in apertura Waitin’ for Mrs. Thompson to eat up her breakfast

 

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: