Nostalgia, di Giorgina Busca Gernetti

Alberto Cini, tecnica mista

Nostalgia, di Giorgina Busca Gernetti.

    

    

Giorgina Busca Gernetti, scrittrice, è nata a Piacenza, si è laureata con lode in Lettere Classiche all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano ed è stata docente di Italiano e Latino nel Liceo Classico di Gallarate, città dove tuttora vive. Ha studiato pianoforte nel Conservatorio musicale di Piacenza. Ha composto poesie fin dall’adolescenza ma, nonostante i consensi, le esortazioni e qualche pubblicazione su rivista, ha iniziato tardi a renderle note. Di poesia ha pubblicato i libri Asfodeli (Genesi, Torino 1998), Nell’isola dei miti (ALAPAF, Bagheria-Palermo 1999), La luna e la memoria (Genesi, Torino 2000), Ombra della sera (Genesi, Torino 2002), La memoria e la parola (ETS, Pisa 2005), Parole d’ombraluce (Genesi, Torino 2006), Onda per onda (Edizioni del Leone, Spinea-Venezia 2007), L’anima e il lago (Pomezia-Notizie, Pomezia-Roma 2010, Youcanprint, Tricase-Lecce 2012²), Amores (Youcanprint, Tricase-Lecce 2014). In prosa: il saggio su Cesare Pavese nel Centenario della nascita Itinerario verso il 27 agosto 1950 (in Annali del Centro “Pannunzio”, Ed. Pannunzio, Torino 2009; in estratto Youcanprint, Tricase-Lecce 2012) e la raccolta di racconti Sette storie al femminile (in Dedalus n.1, Puntoacapo, Novi Ligure 2011; in estratto Youcanprint, Tricase-Lecce 2013). Il suo decimo libro di poesia, Echi e sussurri, Polistampa, Firenze 2015, è in corso di pubblicazione.

***

NOSTALGIA

in volo da Atene 

Eccoti qui, dolente ed improvvisa,
mia nota nostalgia:
ecco la grigia veste del rimpianto.
Non ti avevo sconfitta
tra le rovine di città vetuste?
Ero felice nel sole e nel vento
dell’ellenica terra,
tra le colonne doriche corrose
dal tempo edace, spezzate e riverse
in luoghi arcani cinti di silenzio,
di serena bellezza ancora pregne.
S’effondeva nell’aria l’armonia:
nell’aria trasparente, luminosa
come l’anima fremente di vita.
Ora è svanita l’aura di bellezza
che m’avvolgeva quasi in una nuvola
dall’effluvio d’ambrosia.
O nostalgia romantica di ieri,
perché ritorni a stringermi d’assedio?
Vattene ancora via, fuggi lontano
dall’anima dolente che ricorda,
che rimpiange l’ineffabile gioia
di quegli attimi simili all’eterno.
Vattene via; su, vattene
mia nostalgia nemica!
No. Resta, dolce amica.

Dal libro Ombra della sera, Genesi, Torino 2002

***

ELEGIA PER IL MIO FIUME

Scorre lento il mio fiume tra i piloni
del ponte che due terre opposte unisce
mentre l’acqua le scinde e le lambisce
con lutulenta e grigia onda fluente.
Rapidi e vorticosi mulinelli,
gorghi paurosi e rapide improvvise
l’acqua torbida muovono nel mezzo
dell’ampio letto tra sponde fangose.
Mio fiume amato che la mia città
lambisci dolcemente e segni il termine
della mia terra fertile di frutti,
rammentami l’infanzia mia lontana,
l’adolescenza e i primi dolci amori
il tuo corso a ritroso percorrendo,
riportando alla luce come fragili
festuche i miei ricordi evanescenti.
Padus paterno, specchio di mia vita,
tu scorri come il Tempo irrefrenabile.
Una goccia è un istante dell’eterno,
un nulla dentro il tutto immenso e vago.
Mio fiume, scorri eterno da millenni;
non ti fermare quando io t’imploro
di riportarmi le dolci memorie.
Tu sai che tutto scorre come un fiume.
Eraclito di Efeso, “πάντα ῥεῖ”

Dal libro Echi e sussurri, Polistampa, Firenze 2015 (in c. di st.)

                 

Alberto Cini, tecnica mista
Alberto Cini, tecnica mista

One thought on “Nostalgia, di Giorgina Busca Gernetti”

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: