Nuàra, poesie di Patrizia Sardisco (Sicilia)

WakeUpAndSleep, H(andy) Bomb

Nuàra, poesie di Patrizia Sardisco (Sicilia).

    

    

Estratti dalla silloge inedita nuàra (orto) di Patrizia Sardisco:

   

# 1

mi scappi ‘i mmucca
sustanziusa parola allivitata
parola travagghiata caddiata
parola vruricàta parola di nuàra
abbivirata

fora d’u siminatu foru
favara ri paroli e china i mmernu

ca crita, omu
a furma è fari
sustanza è annintuari

    

mi scappi di bocca/sostanziosa parola lievitata/parola lavorata battuta con le mani/parola coperta di terra parola di orto/irrigata//fuori dal seminato furono/sorgenti di parole e piene invernali//con la creta, uomo/la forma è fare/sostanza è nominare

     

#2

cu mi nninga

e mi ncunna a taliari
a cu
sutt’accupunatu lustru ‘i cu
u surdatu di cu
l’ancilu chi chianci a cu
rarreri a porta
di ggigghia

‘i cu?

     

chi mi incarica/ chi mi disordina a guardare/chi/sotto l’ammantata luce di chi/il soldato di chi/l’angelo che piange chi/dietro la porta/di ciglia//di chi?

    

# 3

a finuta d’a stati
ammucciata nto ciàviru
ri pruna a vuci è

a prescia d’irisìnni
e un cummentu di sacchi
chini i nuci

iu ca mi cuntu e smuntu
e cantu a n’atra banna
quannu m’attrova idda

iu ca p’annintuvàrimi
haiu a smarrari u ciatu
di mia a pizzuddicchia

    

sul finire dell’estate/nascosto nel profumo/dei susini la voce è//la fretta di andar via/e un convento di sacchi/ pieni di noci//io che mi racconto e smonto/e canto altrove/quando mi trova lei/io che per nominarmi/ devo liberare il fiato ostruito/di me stessa fatta a pezzetti

    

# 4

cuscienza ‘i per’aliva
nta ‘stu siccu parrari
e nzoccu e gghiè m’abbrazza
                          àghiru e duci

mi tuppulìa nte ràrichi
                           na porta

e ciuscia ciuri ‘i mènnula
e un pizzuddicchiu ‘i mari
arrisacca i sacchetti
                           ntrita e riti

ncudduriata nte ìrita
                           na chiavi

     

coscienza di ulivi/in questo secco parlare/e ogni cosa mi abbraccia/agro e dolce// mi bussa alle radici/una porta//e soffia fiori di mandorli/e un pezzetto di mare/scuote per fare posto nelle tasche/mandorle sgusciate e reti//attorcigliata alle dita/una chiave

     

# 5

si’ nura, parola
e china r’acqua
nt’aricchi ‘i cu ti senti
i l’ura
‘mmucca a matri

c’è tempu pi vistìriti
na vita
p‘i mmilinari u puzzu

mi putissi spugghiari
avissi vuci
i gebbia e ddi nuara

ciàviru
‘i virità pizzuta
‘i petra r’allammicu
‘i petra r’acqua

     

sei nuda parola/e piena d’acqua/negli orecchi di chi ti sente/per la prima volta/ in bocca alla madre//c’è tempo per vestirti/una vita/per avvelenare il pozzo//se potessi spogliarmi/avrei voce/di vasca e orto// profumo/di verità pungente/di stalattite/di pietra d’acqua

*

               

WakeUpAndSleep, H(andy) Bomb
WakeUpAndSleep, H(andy) Bomb

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: