NUIA DIBANT – Ridîs, poesie di Luigina Lorenzini

francis danby, il diluvio, esposto 1840

NUIA DIBANT – Ridîs, poesie di Luigina Lorenzini.

   

  

Luigina Lorenzini, nata nel 1972, abita a Pielungo di Vito d’Asio (PN). Ha partecipato a serate e Luigina foto _nmostre, a letture e  raccolte di poesie con i Poeti della Val  d’Arzino, a trasmissioni radio e TV, ha ottenuto riconoscimenti in numerosi concorsi letterari regionali e nazionali. Scrive in italiano e in friulano asìno. Del giugno 2008 il suo primo libro Pavéa un’eštât – La luna tal codâr, scritto a quattro “ali” assieme a Fernando Gerometta (Edizioni Omino Rosso, PN). Del giugno 2009 la prima raccolta di poesie “In cerca di falsamente spietata verità” (Ellerani Editore), vincitrice ex aequo del premio San Vito. Suoi testi sono apparsi nell’ antologia Tiara di Cunfìn (Biblioteca Civica di Pordenone, 2011),  nel catalogo L’Idea e la forma – gli manca solo la parola (2012), nei libri Dagli occhi al cuore e Acqua Aria Terra Fuoco, nelle antologie Notturni di_versi – L’ozio e Notturni di_versi – La Crisi, Piccole storie d’aria, Agenda Friulana, Clapadoria Peravoladoria, l’Almanacco del Ramo d’Oro (2014) e L’Italia a pezzi (2014).  Sempre assieme a F. Gerometta ha scritto e interpretato i testi degli spettacoli:  Tutto l’azzurro del cielo in un unico filo d’erba, DiaLogos, Su la puarta da la not e Era anche Lorena, e scritto i testi delle canzoni giunte in finale al Premi Friûl 2009, al Festival della Canzone Friulana 2010 e vincitrice del premio CEM – Scrivere in musica 2010.
L’inchiostro che non stende sul bianco del foglio brilla sul bianco dei suoi occhi.

*     

CORRENDO
Su strade di cemento
non tracciate da noi

Ciuffi di bambagia
i cespugli ai bordi della ferrovia
sotto un sole contrario

il vecchio lungo sedeva
dipinto di grigio sull’orlo della strada
dietro, un prato di settembre

una bambina piccola e rosa
alta fino alle sue ginocchia
socchiuse,

è piu facile, a volte
vedere la bellezza da fuori.

*

’TANT C’AL RIVA IL CAFÉ

Cjàlal cui sia vùai, il mont.
Ìa a é lontana.
Cuatri cjasas di là di un’âga
di cualchi banda, šviers Mišdì
Una faméa forzit
cjera rossa, bru∫ada.
E a ši é cjatada uchì
mieštis vištîts intor
c’ai la fa∫in štrana
– musa lungja, špičota
fada regjina maya
a šcoltâ ordens di int par ìa fôr dal mont.
A no l’à su cun lùar, noma a ši é cjatada uì
cenča capî, forzit
e cimuat c’a po
a va indenant.

Al tavulin
tu tu la cjalas, e tu rits
– vùai di celešt e lûš.
Parcé?

____________

ASPETTANDO IL CAFFE’

Guardalo con i suoi occhi, il mondo./ Lei è lontana./Quattro case al di là di un oceano/ da qualche parte, a Sud/ Una famiglia forse/ terra rossa, bruciata./
E si è ritrovata qui, familiari vestiti addosso/ che la fanno (apparire) strana/ – viso lungo, appuntito/ fata regina maya – ad ascoltare richieste di gente per lei incredibile./ Non ce l’ha con loro, solo si è ritrovata lì/ senza capire, forse/ e come può/ va avanti.
Al tavolino/ tu la guardi, e ridi/ – occhi d‘azzurro e luce./
Perché?

*

ŠPIANT TAL BOMBŠ

Il rumùar da l’âga.
Il sunâ di un riu
sul bruî dal Ar∫ìn:
a noi ši mešedan.

Ai colan flocš.
Ai ši piert par cjera.
Gotas
as reštan tacadas
tor las pontas dai ramaz
as deventan lignas.

Il štoc di un floc
tor la mê ombrena:
a no fâš rumuar
la niaf c’a ši poia tai claš.

Un floc ridint al ven jù a zig zag
šmenant la šchena.
Chel âti al passa via dret: “Rivât! Prin!”

Da un čoc di zesâr muart
un biel fonc blanc al šponta
coma anima
a forma di nivula.

Doi cjavroi ai traviersan l’âga
dal Ar∫ìn:
tal mieč dai flocš c’ai colan
doi pontuts blancš ai saltan
su, par trois
co noma luar ai san.

____________

SBIRCIANDO NELLA BAMBAGIA

Il rumore dell’acqua. / Lo squillare di un ruscello / sul ruggire dell’Arzino: / non si (con)fondono. // Cadono fiocchi. / Si perdono in terra. / Gocce / restano attaccate / alle punte dei rami / diventano / perle. // La stoccata di un fiocco / sul mio ombrello: / non fa rumore / la neve che si posa sui sassi. //
Un fiocco ridendo scende a zig zag / scodinzolando. / L’altro passa giù dritto: “Arrivato! Primo!” // Da un ceppo di ciliegio morto / un bel fungo bianco spunta / come anima / a forma di nuvola. // Due caprioli attraversano l’acqua / dell’Arzino: / fra i fiocchi che cadono / due puntini bianchi saltano / su, per sentieri / che solo loro sanno.

*

NUIA DIBANT
– Ridîs –

Uìa lei a gno pari dal Vajont
un toc dal libri.
Al é seriu, la musa šmagrida
šcura.
Ši juat c’a nol šcolta da un toc
il cjâf štrac, cjapât denta
tai sìa pensêrs.

Pi tart
li sint cjecarâ cu la gar∫ona forešta
c’a li ten a ments.
Al é cua∫i ingropât.
A j šta contant
dal Vajont.

____________

NULLA INVANO
Radici

Oggi leggo a mio padre del Vajont/ un pezzo del libro. / E’ serio, il viso dimagrito / scuro./ Si vede che non ascolta da un pezzo/ la mente stanca, presa/ nei suoi pensieri.
Più tardi/ lo sento parlare con la ragazza straniera / che lo segue. / E’ quasi commosso./ Le sta raccontando / del Vajont.

*

FERMA TA L’ARIA

Ferma ta l’aria la ploia, coma un mûr di veri
pandût dal soreli,
dopo l’ultim arbol dal bošc, prin dal prin fîl di erba
dal prât c’al comenča,
una tindina di seda c’a ven jù dal cêl, ma no duta insiema
coma gotas di lûš t’una partida di dama
dulà co una no po moviši fin co che âta no é tal siò puešt
e la cjasa a é la cjera,

gotas di štelas, c’as ven su dal fonz dal lât
a daj una bušada al cernêli da l’aria, as cjapan flât
e po as tornan sot,

un falchét fer ta la buera,
al da un colp di ∫uala par no colâ jù
par reštâ fer in tal nuia, poiât t’un pensêr
un fîl cussì fin da deventâ trašparint
coma un acuilon leât ta la cjera…

____________

FERMA NELL’ARIA

Ferma nell’aria la pioggia, come un muro di vetro
svelato dal sole
dopo l’ultimo albero del bosco, prima del primo filo d’erba
del prato che comincia,
una tendina di seta che scende dal cielo, ma non tutta insieme
come gocce di luce in una partita di dama
dove una non può muoversi finché l’altra non è al suo posto
e la casa è la terra,

gocce di stelle, che salgono dal fondo del lago
a dare un bacio alla fronte dell’aria, prendono fiato
e tornano sotto

un falchetto fermo nel vento
dà un colpo d’ali per non cadere giù
per restare fermo nel nulla, posato su un pensiero
un filo così fine da diventare trasparente
come un aquilone legato a terra…

   

____________                     

(testi tratti da Pavéa un’eštât – In cerca di falsamente spietata verità e Tiara di cunfìn )

                        

william westall, l'inizio del diluvio, esposto 1848 - in apertura francis danby, il diluvio, esposto 1840
william westall, l’inizio del diluvio, esposto 1848 – in apertura francis danby, il diluvio, esposto 1840

One thought on “NUIA DIBANT – Ridîs, poesie di Luigina Lorenzini”

  1. conosco personalmente Luigina. E’ una voce molto piacevole e caratteristica del nostro territorio. Il dialetto usato dalla poetessa ha una musicalità incredibile.

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: