O ài robis di fâ, un lavôr indaûr, poesie di Cristina Micelli (Friuli)

1975.1.691

O ài robis di fâ, un lavôr indaûr, poesie di Cristina Micelli (Friuli).

    

    

Micelli 2018Cristina Micelli, nata a Udine nel 1965, vive a Basiliano (UD).
Considera la poesia una forma di resistenza umana. Ha pubblicato le raccolte poetiche: A chi scorre, Ed. qudulibri, 2017 (menzione al Premio InediTO Colline di Torino 2016); Stato di veglia, Ed. Dot.com Press – Le voci della luna, 2011 (seconda classificata al Premio Internazionale Renato Giorgi 2011); Nuvola del pensiero, Ed. Culturaglobale – 2011.
Partecipa a rassegne e reading di poesia. Suoi testi sono presenti in siti web e antologie, fra cui “Poeti e poesia”, “Non ti curar di me se il cuor ti manca” Ed. qudulibri e “Parole Sante – Vol. 3” Ed. Kurumuny.

     

     

 

 

Vi proponiamo poesie tratte dall’antologia Parole sante 3, ed. Kurumuny:

    

Al à di sei par vê lis mans compagnis
lis liniis dai claps ingropadis par agns
te palme, tal ledrôs des mans
lis venis dai pols fondudis
tes arteriis dal torint.
Al à di sei ce che il sanc al dîs
a fuarce di sei guado e sorzint.

     

Dev’essere per avere uguali le mani / le linee dei sassi incrociate per anni / nel palmo, nel dorso / le vene dei polsi fuse / nelle arterie del torrente. / Dev’essere quello che il sangue dice / a furia di essere guado e sorgente.

*

Tal meti a fûc le tô muse
il ricuart al è picjât a une strente rude
i ramaçs vierts dai olnârs
lis spalis coladis dai simprivîfs.
Tal ros di tiaris sutis
il cîl al sbreghe lis lamieris
là vie il to cjalâ al poie valîs
al clame un segn se l’ore e podès
se e fôs une albe di tignî.
Une sdrume di cjartis adun dai vistîts
i peçots fracâts e une strache pleade a vignî.

    

Nella messa a fuoco del tuo volto / il ricordo è appeso a un abbraccio rude / i rami aperti degli ontani / le spalle caduche dei semprevivi./ Nel rosso di terre asciutte / il cielo squarcia le lamiere / là il tuo sguardo appoggia valigie / reclama un gesto se l’ora potesse / se fosse un’alba da tenere./ Un fitto di carte addossate ai vestiti / i panni pigiati e una stanchezza piegata a venire.

*

O ài robis di fâ, un lavôr indaûr
no facebook, no virtual life
o stoi un tic allein.
Sentâmi parsore il pugn dal morâr
cjalâ crop circles in sompbearz
spietâ se l’aiar usgnot
al è bon di stelâ il prât.

    

Ho cose da fare, un po’ di arretrato / no facebook, no virtual life / sto un po’ allein. / Sedermi sopra il pugno del gelso / guardare crop circles in fondo all’orto / aspettare se stanotte il vento / è capace di stellare il prato.

*

         

Auguste renoir, "Mare e Scogliere", ca 1885 - in apertura "Paesaggio", 1889, Metropolitan Museum New York
Auguste Renoir, “Mare e Scogliere”, ca 1885 – in apertura “Paesaggio”, 1889, Metropolitan Museum New York

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: