Ova di l’àrvuli (Uova degli alberi), cinque poesie di Rino Cavasino

john robertson reid, fatica e piacere, 1879

Ova di l’àrvuli (Uova degli alberi), cinque poesie di Rino Cavasino con breve nota introduttiva di Silvia Secco.

   

   

 

Spesso le parole d’altri sulla parola poetica di un autore, si spendono per poi spegnersi quasi contemporaneamente e sarebbero superflue ed anche perfettamente inutili, se non costituissero un privilegio per chi, come me in questo caso, ha il vero onore di presentarle.
Capita quando la poesia di un autore, com’è la poesia di Rino Cavasino, è matura, colta e preziosa, in grado di esprimersi con la sua sola voce, senza bisogno di preamboli. Per questo mi limiterò ad aprire la porta per farla entrare, dicendo che siamo al cospetto di una poesia di rara densità, dove la parola è quasi materica e dove la materia è il suono, vera radice e vera pasta madre nelle mani del poeta (pasta di mandorle, albume montato a neve ferma, in forma di natura).
A noi il compito di prenderla, portarla dalle sue alle nostre mani e (permettetemi il consiglio) alla bocca ed alla voce: Rino Cavasino va letto in siciliano, ad alta voce. Più e più volte.
Cominciamo. S.S.

Rino Cavasino, nato a Trapani nel ’72, ha studiato ad Urbino e lavora a Firenze nella Galleria degli Uffizi. Collabora con l’Istituto nazionale di ricerche “Demopolis”. Ha pubblicato versi in italiano e siciliano su riviste e antologie, tra le quali Nodo sottile (Crocetti, 2004), Oltre il tempo (Diabasis, 2004), Tratti (2006), Atelier (2007), L’Italia a pezzi. Antologia dei poeti italiani in dialetto e in altre lingue minoritarie (a cura della rivista Argo, 2014). Ha vinto, fra gli altri, il premio “Giacomo Noventa e Romano Pascutto” per la poesia dialettale. Nel 2013 ha pubblicato la raccolta Il tempestario (Giraldi Editore; premio “Navile – Città di Bologna” per opere inedite, a cura del Comune di Bologna, e premio “Elena Violani Landi” per l’opera prima, a cura del Centro di Poesia Contemporanea dell’Università di Bologna).

   

Na spìngula c’un parpagghiuni

 Scrissi nnâ lingua di me matri, e-mmancu
idda capìu, ma soccu ntisi
cci parsi àrabbu turcu ggirmanisi.
Ogni-llittra, ogni stizza chi-ssazzài,
ch’arricugghivi dâ so ucca,
dâ mia niscìu bbabbeli siccitusa,
mutàngula, orva e-ssurda. Idda
taliàu senz’accanùsciri
un fìgghiu stravïatu,
annïatu, arrivisciutu. Ogni-llittra,
ogni-vvìrgula era
na spìngula c’un parpagghiuni.

*

Dal siciliano di Trapani:

Uno spillo con una farfalla

Scrissi nella lingua di mia madre, e neppure
lei capì, ma quello che ascoltò
le parve arabo turco tedesco.
Ogni lettera, ogni goccia che assaggiai,
che raccolsi dalla sua bocca,
dalla mia uscì babele siccitosa,
mutastra, orba e sorda. Lei
guardò senza riconoscere
un figlio smarrito,
annegato, redivivo. Ogni lettera,
ogni virgola era
uno spillo con una farfalla.

***

Àrvulu ri ùmmira

Mprisusu nturciunìa rràrichi
r’ùmmira, n terra alivi,
ciuri r’ùmmira etta,
un ògghiu munciuniatu r’ùmmira,
pû stràniu ch’addumanna
è àrvulu ri ùmmira l’alivu
saracinu, siccagnu,
immurutu ri suli.

*

Albero d’ombra

Tenace attorciglia radici
d’ombra, per terra olive,
fiori d’ombra getta,
un olio sgualcito d’ombra,
per lo straniero che domanda
è albero d’ombra l’olivo
saraceno, seccaticcio,
gobbo di sole.

       

Saracinu, o saraciniscu: antichissimo, imponente, gigantesco. Alberi, ulivi, quelli più annosi e possenti, che si fanno popolarmente risalire al tempo dei saraceni… E torri, vestigia, finanche i templi, chiesi saracinischi (la storia siciliana comincia con gli arabi?). Insomma, cose che spesso nulla hanno di “saraceno”, salvo ciò che più conta: il nome…

***

Latti di mènnula
a 瞳, Hitomi: Pupilla lontana

La force éjaculatrice de l’œil.
Robert Bresson

M’abbrùcia ncapu a lingua u spinnu
dâ lingua di ciamma fricata
nt’ârìcchia, dâ peddi surata, lustra,
amaròstica, ggiarnu
tumazzu primusali, còccia
di spezzi, larmi d’ogghiceddu, meli
e-fficu bbìfari di minni
cû latti stravïatu. Nzinu
ô pizzu dî vini, comu s’i vini
fùssiru tutti sciuti, mi bbuttìa
a frevi dû stìcchiu duciazzu, atta
sarvàggia ê peri dû cufuni, china
e-ssicca di l’anchi, dî rrini. L’occhi
a-vvanidduzza sguàttiri
e-llatri sunnu di na facci
scurdata, a frunti chiazza,
taverna, bbàgghiu, sponza
di lettu, u nerbu tisu
di l’occhi ammàtula si teni, ammàtula
nta-ll’occhi veni, si spacchìa
ntê pàrpibbri. Ma si-ttuccari
a peddi è-ccògghiri, munnari
mènnuli frischi; sèntiri na uci
senza ciàuru, taliari
pirneddi ntê scorci, cugghiuna
chi ùncianu ntê rrami ô scuru è bbìviri
sali di làcrimi, sucari latti
chianciutu, nculluratu,
maliutu di mènnuli amari.

*

Latte di mandorla

Mi brucia sulla lingua la voglia
della lingua di fiamma spalmata
nell’orecchio, della pelle sudata, lustra,
amarognola, pallido
formaggio primosale, grani
di pepe, goccioline d’olio, miele
e fichi primaticci di mammelle
con il latte perduto. Sino
in cima alle vene, come se le vene
fossero tutte uscite, mi palpita
la febbre della vulva dolcigna, gatta
selvatica ai piedi del braciere, flusso
e riflusso d’anche, di reni. Gli occhi
a feritoia sguatteri
e ladri sono d’una faccia
scordata, la fronte piazza,
taverna, cortile, sponda
di letto, il nervo teso
degli occhi invano si trattiene, invano
negli occhi viene, eiacula
sulle palpebre. Ma se toccare
la pelle è cogliere, sgusciare
mandorle fresche; sentire una voce
senz’odore, guardare
pupille nei malli, testicoli
che gonfiano sui rami a notte è bere
sale di lacrime, succhiare latte
rimpianto, stizzito,
marcito di mandorle amare.

    

In giapponese hitomi, che vuol dire pupilla, è anche nome femminile di persona.

***

Ova di l’occhi

L’alivi sunnu l’ova
di l’àrvuli, dicìa
Impìducli; st’ova di l’occhi scorci
di rrizzi spurpati, nnê vrazza
dî matri ch’i rraperu spini
ggìgghia di l’occhi, fogghi
di pàrpibbri, di ciuri
nnê rràmura; st’alivi di pirneddi
alivuzzi, uviceddi,
u pani siccu niurinciolu, a mmerda
di crapi nnê scogghi puntuti,
nnê trazzeri, pirsepi, rutticeddi
funnuti, ciunnati, pirciati,
ncap’u sdirrupu unni lassamu
ddagghiusu a-mmari l’occhi,
i sònnura chi-ll’occhi nostri
di tannu sunnaru annurvati.

*  

Uova degli occhi

Le olive sono le uova
degli alberi, diceva
Empedocle; quest’uova d’occhi gusci
di ricci spolpati, sulle braccia
delle madri che li schiusero spine
ciglia degli occhi, petali
di palpebre, di fiori
sui tralci; queste olive di pupille
olivelle, ovicini,
il pane secco nerognolo, la merda
di capre sugli scogli aguzzi,
nei viottoli, presepi, grotticelle
profonde, graffiate, sfondate,
sul dirupo dove lasciammo
laggiù nel mare gli occhi,
i sogni che i nostri occhi
d’allora accecati sognarono.

***

U pani m-mezzu i petri

Finisci l’omu e-ffinisci lu nnomu.
Anonimo siciliano

– Stanotti cci l’avìa nta-ll’occhi.
                                                        – Avivi
u maludòrmiri.
                               – Dicìa amuninni
ntê rròcculi nostri, lu sai
accanùsciri u pani m-mezzu i petri?
– I rràdichi ntê scogghi
funnuti.
               – I rranfi a-ppinnuluni
di matri purpu.
                        – Ddu tappitu
cilestru d’alivari.
                               – L’ova
di l’àrvuli.
                   – A mmerda niurinciola
dî crapi, na dumìnica
senza scurata?
                         – Idda era tutta
amurusanza.
                         – U prïatòriu n terra
si fici.
             – Avi di tannu
ch’un-z’hannu vistu facci
di paradisu.
                      – ’Un-zulu
ch’unn-a viu cchiù, ma sparti
iò mancu la pozzu chiamari.
– Morsi arrubbata e-ffù
nnomu arrubbatu.
                                    – Chi-mmacari i nnòmura
si futti u malumòriri.
                                       – Però
na lingua nova, i so
palori, ciuri mm-ucca, vonnu
cchiù-ppicca tempu a-nnàsciri
chi-nnutricari un fìgghiu
ntâ panza.
                    – Figghi ’un mi lassàu, palori
cci l’app’âscippari di mm-ucca,
e-ssu-mmuddichi sicchi
ammucciati ntê petri,
furmentu m-mezzu a rrina.

*

Il pane fra le pietre

– Stanotte ce l’avevo negli occhi.
                                                – Avevi
il malsonno.
                        – Diceva andiamocene
alle rupicelle nostre, lo sai
riconoscere il pane fra le pietre?
– Le radici negli scogli
profondi.
                  – I tentacoli penzoloni
di madre polpo.
                             – Quel tappeto
celeste d’ulivi.
                          – Le uova
degli alberi.
                     – La merda nerognola
delle capre, una domenica
senza tramonto?
                               – Lei era tutta
amorosanza.
                        – Il purgatorio in terra
si fece.
              – È d’allora
che non ho visto facce
di paradiso.
                     – Non solo
che non la vedo più, ma pure
nemmeno la posso chiamare.
– Morì rubata e fu
nome rubato.
                          – Che finanche i nomi
si fotte la malamorte.
                                       – Però
una lingua nuova, le sue
parole, fiori in bocca, vogliono
meno tempo a nascere
che nutrire un figlio
in pancia.
                   – Figli non me n’ha lasciati, parole
gliel’ho dovute strappare di bocca,
e sono molliche dure
nascoste fra le pietre,
frumento nella sabbia.

                                

james tissot, vacanza, c. 1876 - in apertura john robertson reid, fatica e piacere, 1879
james tissot, vacanza, c. 1876 – in apertura john robertson reid, fatica e piacere, 1879

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: