Per le oche, inediti di Gabriella Sica

12__dsc28182801

Per le oche, inediti di Gabriella Sica.

    

    

Le vedo al laghetto a Villa Borghese
le oche bianche di stile e di lana
beate non sentono il tempo che passa
umili nel mistero sorelle
di fede e più limpide nella forma.
Non le ferisce la spada del sole.

Stanno tra i fili d’erba verde paghe
prese dalle fatiche del giorno
lì a crocchiare il grano e strepitare
con gran schiamazzo di gridi e piume
a tuffarsi nell’acqua e sbucare su
unite in fila diritte e svagate.

Si dondolano inermi aspettando
un’esca la morbida gola alla luce
con il pudore arreso degli uccelli
che non volano, incedono sul prato
foglie d’acero le zampe arancione
o sacri stemmi, esitano sull’abisso

un che di ottuso e lento le trattiene
non hanno la fierezza del pavone
solo la perseveranza che salva.
Scrutano immobili l’esigua aria
nell’attesa non parlano quiete
ma portano per noi il lutto liete.

***

Non tutta la carne sarà salvata
si capisce è una nota di tristezza
che trapela appena una sfumatura
nel tuo cipiglio nel becco protratto

che non è affatto segno di sussiego
nel disagio che ti fa barcollare
un palpito incessante nell’aria
di questa mattina grigia senza sole

tra le querce e i bei pini romani.
È un prudente assestamento di versi
l’atroce consuetudine dell’aspettare

e fare a meno di quello che manca.
È uno scialo coraggioso di vocali
l’accenno di un adagio un’apertura

le ali gonfie le vele aperte nell’azzurro.

***

Un’oca di gabbia è anche cattiva!

Matta e il cuore secco sbatte le ali
chi porta il cibo del giorno assale
ma è con chi l’ha chiusa a chiave buona
e sempre lei vigila sulla casa
sua e del nemico. Coraggiosa
nel becco tiene una triste penna
per dire che è ancora gaia e viva
e invocare la pietà d’una riva.

 

12__dsc2801_vert2818

One thought on “Per le oche, inediti di Gabriella Sica”

  1. questa mattina ho aperto la finestra e non ho visto le mie oche, allora le ho chiamate “père père” la loro risposta unanime è stata “qua qua qua”
    E’ il saluto del mattino che fa compagnia è incanta per la sua puntualità. Mi sono piaciute le tue poesie che parlano di loro. Un saluto
    Marilena

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: