I miei compagni sulle torri, poesie di Ferruccio Brugnaro

Un posto sicuro, Francesco Ghiaccio, 2015

I miei compagni sulle torri, poesie di Ferruccio Brugnaro.

    

     

Ferruccio Brugnaro, operaio a Porto Marghera dagli inizi degli anni Cinquanta, è nato nel 1936 a Mestre, è autodidatta e vive a Spinea (VE). Ha fatto parte per molti anni del Consiglio di Fabbrica Montefibre-Montedison, ed è stato per decenni uno dei protagonisti delle lotte del movimento operaio. Con il 1965, Brugnaro comincia a distribuire nei quartieri, nelle scuole, fra i lavoratori in lotta, i suoi primi ciclostilati di poesia, racconti, pensieri. È uno dei primi in Italia a diffondere la poesia in forma di volantino. Tra i murales di Orgosolo si possono leggere sue poesie scritte ancora negli anni Settanta. I suoi lavori sono apparsi su molte riviste. Parte degli scritti, tirati al ciclostile e diffusi come volantini, sono stati raccolti dall’Editore Bertani e pubblicati nei volumi: “Vogliamo cacciarci sotto”, 1975; “Dobbiamo volere”, 1976; “Il silenzio non regge”, 1978. Nel 1977 un gruppo di sue poesie è stato musicato dal cantautore Gualtiero Bertelli. Brugnaro è presente in numerose antologie, tra cui “Il pubblico della poesia”, “Poesie e realtà”, “Scrittori e industria”, “Centanni di letteratura”, “del dissenso”, “L’altro novecento. Con altri lavoratori”, nel 1980 dà vita a Milano ai quaderni di scrittura operaia “abiti-lavoro”. Nel 1984 esce “Poesie” per conto della Cooperativa Punti di Mutamento. Nell’ottobre del 1990 vengono fatti affiggere sui muri di Venezia e di Mestre oltre cinquecento manifesti con una sua poesia contro la guerra. Lo stesso manifesto nel gennaio del 1991 è stato affisso sugli spazi pubblici di Roma. Nel 1993 esce il volume “Le stelle chiare di queste notti”, Editore Campanotto. Nel 1996 su Viceversa, una rivista di Barcellona, appare un gruppo di suoi testi poetici con traduzione in spagnolo di Carlos Vitale. Nel 1997 undici sue poesie, tradotte in inglese da Kevin Bongiorni e Reinhold Grimm, vengono incluse nel n. 29 di Pembroke Magazine, una pubblicazione internazionale dell’Università del Nord Carolina. Nel 1998 esce negli Stati Uniti, per conto della casa editrice Curbstone, “Fist of Sun”, un volume antologico della sua produzione poetica con traduzione del poeta americano Jack Hirschman. Nell’ultimo decennio sue poesie sono state pubblicate anche in Germania e in Inghilterra. Nel 2002 appare in Francia, a cura dell’editore Editinter, il testo antologico “Le Printemps murit lentament” nella traduzione del poeta Jean – Luc Lamouille e in Italia l’editore Campanotto pubblica “Ritratto di donna”. Nel 2004 è uscito in Spagna il libro “No puedo callarte estos dìas” nella traduzione di Teresa Albasini Legaz. Nel 2005 esce a Berkeley “Portrait of a woman”, tradotto da Jack Hirschman. 
Ha partecipato alle celebrazioni per i 75 anni di Jack Hirschman, organizzate da Casa della poesia, il 13 dicembre 2008 e a settembre 2009 agli Incontri internazionali di poesia di Sarajevo.
Nel 2011 esce a Berkley per l’editore Marimbo un testo antologico “The days will come” con la traduzione di Jack Hirschman e a Francoforte, a cura dell’editore Zambon appare “Eine faust voll sonne” con la traduzione di Felix Ballhause e Letizia Fuchs-Vidotto.
E’ del 2014 “Le follie non sono più follie” nelle Edizioni Seam. Nel 2016 nel corso del Morning Art Festival, riceve il Premio Naim Araidi alla carriera.  Suoi testi appaiono spesso anche su varie riviste e giornali internazionali.

Qui vi proponiamo 4 poesie selezionate per noi dall’autore:

      

I MIEI COMPAGNI SULLE TORRI

Troppo a lungo è durata questa storia
                            di insulti, di aggressioni
                                           di morte.
          La luna in queste notti
                  di dicembre
             mostra alla terra
     gli ossari bianchi
          dei nostri corpi
       martoriati.
Troppo a lungo abbiamo gridato
                         abbiamo sperato secoli
ci siamo opposti con dolorose
                                  laceranti lotte
dentro uno sfruttamento bestiale insaziabile
                                       ai piedi di montagne
                    di profitti  banche cattedrali
                        che stanno seppellendo
               ogni sguardo, ogni sorriso.
Troppo a lungo è durata questa storia
abbiamo sbattuto ogni segreta gioia
                            ogni nostro sogno
                                               più grande
                        contro muri alti
                                      di sanguinarie
                                                vuote coscienze.
Non può reggere, non può reggere.
Troppo a lungo abbiamo combattuto
troppo a lungo abbiamo amato
                            oltre ogni confine
                                ogni misura
              schiacciati da disumane attese
                          infiniti disprezzi
                      umiliazioni
                   disperazioni.

*

NON DIRE CHE MI SPIEGHI

Dentro questa notte d’inverno
                       il mio cuore
                         in giro per Roma
                      è una belva scatenata.
Non dire che mi spieghi
               quei fagotti umani
           distesi per terra sul cemento
                  sotto cartoni scatoloni
                          dentro coperte
                           lacere e sporche.
             Non dire che mi spieghi
                    quelle dita
                             quei piedi
                    che sbucano neri dagli stracci
                                            come coltelli.
Le mie vene, le mie ossa, i miei
                                           pensieri ora
                  sono belve inarrestabili
                                       affamate.
                        Non dire che mi spieghi
                 quelle giovani donne
                          attorno ai cessi
                     distrutte come novantenni.
Non spiegatemi niente
                     dentro questa aspra pioggia
                          e questa notte di pietra
          le mie mani
sono belve con le zampe
                               alzate
                                 decise
                                       a tutto
                                sono belve feroci
                                                      folli
                                     state lontani.
Quei fagotti umani e la belva
                             ho davanti
                                    dentro
                             assetata
                                    cieca
               che azzanna
                 che addenta
                         furiosa
                 decisa
              nel profondo.

*

TUTTI ASSOLTI AL PROCESSO
PER LE MORTI AL PETROLCHIMICO

Lavoravamo tra micidiali veleni
                  sostanze terribili
                             cancerogene.
Non affermate ora
                         furfanti
                               ladri di vite
        che non c’era alcuna certezza
           che non c’erano legislazioni.
Non dite, non dite che non sapevate.
Avete ammazzato e ammazzate ancora
                                      tranquilli indisturbati
          tanto
                       il fatto non sussiste.
I miei compagni morti non sono
                                       mai esistiti
                               sono svaniti nel nulla.
               I miei compagni operai
                                    morti
                                 non possono tollerare
                                     questa vergogna.
Non possiamo sopportare
                                      questo insulto.
                       Nessun padrone
                                      nessun tribunale
           potrà mai recingerci
                               di un così grande
                             infame silenzio.

    

(5 novembre 2001)

*

MALVAGIO, SONO MALVAGIO E BESTIA

Mi accorgo ancora del biancospino
                               che fiorisce
                      e della rondine che ritorna.
           Malvagio, sono malvagio
                       e bestia.
Non dimentico, non posso dimenticare
                       il crescere dell’erba
il tempo imbandierato di fiori
                              e di nidi
                         il profumo del mondo.
                   Malvagio e bestia
                          selvaggio
                                incorreggibile.
Mi batterò per sempre
                   per questa terra,
                 mi batterò per sempre
                 per questi pianeti
fino l’ultima ferita
fino l’ultimo abbandono
fino l’ultima
           angosciosa amputazione.
      Malvagio
      mille volte malvagio
      bestia senza briglie
                           selvaggio.
Dentro una storia di morte
               dentro uno spazio
                           di morte
             il mio lavoro di sole
          non avrà mai fine.

*

         

Un posto sicuro, Francesco Ghiaccio, 2015
Un posto sicuro, Francesco Ghiaccio, 2015

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: