Poesie dell’uccidere in volo di Alberto Rizzi, note e selezione a cura di F. Almerighi

Alberto Cini, tecnica mista

Poesie dell’uccidere in volo di Alberto Rizzi, note e selezione a cura di Flavio Almerighi.

   

    

Alberto Rizzi ha appena pubblicato via Youcanprint, versione cartacea ed e-book, “Poesie dell’uccidere in volo”: raccolta di poesie per niente celebrative e per niente nostalgiche, scritte attraverso gli occhi di un pilota d’aereo della I Guerra Mondiale, un libro che si distingue. Anzitutto per la figura anticonvenzionale dell’autore. Alberto Rizzi è anzitutto uomo libero poi poeta. Libero da ogni obbligo e da ogni convenzione nei confronti del mondo asfittico della poesia italiana. Un autore in grado di contribuire a renderla più dignitosa restandone fuori. Le poesie si stendono sulla pagina, su tutta la pagina, creando gli stessi vortici d’aria e parole che un aviatore di cent’anni fa poteva sentire e scorgere dal suo biplano di stoffa e legno più pesante dell’aria. Cronaca delle visioni di un aviatore dal suo arruolamento al suo congedo. Traggo la sequenza di una poesia non ripiegata su sé stessa, per niente autoreferenziale, ma ben viva. L’autore piega, aggrega, storpia le parole come materia prima in un modo di intendere poesia non convenzionale e comunque in un moto di ricerca inarrestabile, creativo per niente masturbatorio. Ripercorrere un tempo di cui quest’anno ricorre il centenario, sciagurate celebrazioni le definisce il poeta e non certo a torto, visto che è celebrare l’inutile strage. C’è nostalgia non nostalgica nei colpi d’occhio di quell’aviatore lassù, unici irripetibili, e nelle immagini che porta giù fino a stenderle in pagina sviluppandole in nitrato d’argento com’era una volta in fotografia. Una bellezza.

“Cerchiamo di coltivare in tutti i modi la bellezza che abbiamo dentro e che è il tesoro più grande che abbiamo; specie in un Paese come l’Italia e in tempi come questi.” Alberto Rizzi

Per saperne di più sull’autore: http://www.seautos.it/

*

INTUIZIONE

Riconobbi amico lo spessore delle nubi
fino da bimbo
                        quando nel prato dietro casa
ne conoscevo il respiro dall’andare e dal venire
e questo anche tu con me
                                            giovane amica
a cui spesso ancórpènso
                                          tu pure bimba
allora

Erano sguardi in alto
                                    ciò che sèmprecercàvo
negli occhi mùtili degli adulti
                                                 ciò che cercavamo
un assopirsi lieve di immagini
                               di suoni
ma fiducioso
                    lo sai

Un presagio di ali malsicure
abbullonate agli omeri d’un uccellonuòvo
ed un gesto frenetico di bimbo
che muove gli altri al riso incomprendenti

***

NORMALE VOLO DI GUERRA

Ho appreso un mestiere guardingo

volare da un punto a un punto di cielo
                                                                    il tornarne
e il tornare a farlo più volte
e più ancora

ho appreso a muover le ali
sovra schemi precisi
                                    segnalando qualcosa
a chi guarda da inbàsso

a fuggire il nemico
                                sapendomi inane
o ad attendere un colpo
                                        sudando imparziale
poi sentirlo arrivare

                                  (già intuito dal suolo)

lo schiocco del legno tranciato di netto
e di netto lo stringere i denti
                                                  il quasicadére

Il tornare invece a un respiro profondo
e l’abbracciando la terra
                              la quiete
                              un’occhiata in silenzio
al compagno seduto ancora d’accanto

e già teso qual croce

***

PER NON SCORDARMI DI RICORDARE

Tu la vedi scendere
                                 la morte

ma non sai
                   non credi
lentascènde e pianorùlla per un poco
e non capisci
                      ancora non capisci quel gesto disperato
ed il gridarci appoggio

Poi noti come la mano d’uno
                                                  immobile della carlinga al bordo
immobile non sia in gesto di saluto
                                                             ma perché giàscòria
di chi ha lontano il viaggio già spiccato

e senti il colore del tuo sangue
                                                     nel sangue ch’è lì attorno

Sì che mesti ci si ristà
                                      ormai noi fattici a crocchio
a rivolgerci gli occhi all’uno all’altro
                                                               muti
or brividendo un scampato pericolo d’ieri
                                                                      ora giurandoci che al domani
noi si sarà più rapidi, astuti, fortunati

***

PAUSA

Vi penso tutti
                        in questa mezz’ora di passo sulla branda
vi son vicino a tutti quanti voi
                                                    che rauchi e ciechi
portate di quéstaguèrra veco il peso
sovra di ciuco stolida pazienza
                                                     vi voglio bene in fondo
quanti di voi curate le cose attorno a me
                                                attorno a tutti noi
perché il mestier di morte che ci siamo scelti
ci sia più piano
          più rapido
          indolore soprattutto

e con acroma certezza
privi di emozioni in sigurtà
                                                per quanto sia possibile
noi ci si compia l’opra

Vi voglio bene in fondo
                                        a voi che così rauchi e ciechi siete
da imaginar diversa la faccia a l’inimico
                     diversa in chissàcòsa poi
quasi a stupirvi

                              (come quest’oggi, proprio poco fa)

che comprenda e parli nostralìngua
                                                             quello che sorte ha avuto
di non finir straziato fra li cavi
                                   fra i legnami
ma quas’intatto di cadérc’inmàno

Voi stolti ch’altro non capite o peggio
                                                                 se capite
poi nulla fate a fuggire ‘sto carnaio ‘nfame
                        a tentar di porci fine

Come me

                   (per questo – non capite? – bènvivòglio)

che altro non so che esservi vicino

***

ULTIMA LETTERA A CASA

Arrivo nel giorno e col treno che sapete

Non è dato invece di sapere
                                              se il peggio sia ancor venuto
o se già ci attenda innanzi

Ma per l’ieri e per l’oggi che consumo
                                                             questo ricordo s’è divenuto sfinge
e io feci il mio dovere fino al fondo

6366079_391364

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: