Signorinella talia u cielu, poesie di Fabio D’angelo (Sicilia)

WakeUpAndSleep, HollyFood (Welcome to), Our meeting at Cake Canaveral monument

Signorinella talia u cielu, poesie di Fabio D’angelo (Sicilia).

     

     

fabio_d_angeloFabio D’Angelo nasce come illustratore e artista visivo sperimentale. Vive e opera a Catania. I suoi lavori, realizzati con programmi digitali, stanano l’incoerenza che caratterizza l’animo contemporaneo. Nel 2010 vince il primo festival del cortometraggio creativo a Lentini (Ct) e  nel 2011 il primo riconoscimento artistico nella mostra “tracce di vita” presso il museo Faggiano di Lecce. Si segnalano i corti ” Buttitta” per ” Megakles Ballet teatro danza”, “Una raggiante Catania” dal libro di Domenico Trischitta, “Il volo di Gal” per la rassegna astronomica “Gal Hassin ” di Isnello (PA), due videoclip per la band musicale “Disiu” di Ezio Noto “Sugnu Libero” e “Sicilia” , il videoclip “Oggetti smarriti” della band virtuale “SonuPueti” di Fabio e Dario D’Angelo, il videoclip “Vaiu Circannu” con Valentina Gaglione e il gruppo musicale “Vorianova” . Con Valentina Gaglione ha realizzato “Illusion my religion” una raccolta poetica illustrata ( poesie di V. Gaglione – illustrazioni di F. D’Angelo) uscita nel 2014. Nel 2015 gli viene assegnato il premio della giuria con la poesia “Tu e sti paroli” nel concorso internazionale di poesia “ Premio Antonio Corsaro”. Adesso  è impegnato in reading di poesia e slam poetry  a declamare la sua poesia “popolana che sbatacchia l’anima”. E’ in preparazione il suo primo libro di poesie dal titolo “Buccàllapepè”.

   

*

O scuru

O scuru
i paroli si ponu tuccari
comu suddu avissuru ’n corpu
o comu na mela
mangialli a muzzicuni.
Chistu vulissi sempri
stari a stu livellu di cuscienza
suspisu tra u matarazzu e u linzolu.
Si pò aviri tuttu chiddu ca sevvi
aviri l’idea do pussessu
incucchiallu, curvallu, allisciallu,
unni tuttu avi na raggiuni d’esistiri
unni tuttu casca sutta
unni tuttu arrisutta.

Trad.
Al buio le parole si possono toccare/ come se avessero un corpo / o come una mela / mangiarli a morsi. / Questo vorrei sempre / stare a questo livello di coscienza / sospeso tra il materazzo ed il lenzuolo. / Si può avere tutto quello che serve / avere l’idea del possesso / unirlo, curvarlo, lisciarlo, / dove tutto ha una ragione d’esistere / dove tutto cade giù / dove tutto risulta. 

*

Signorinella talia u cielu
i stiddi ca toccunu a luna
e u ventu ca ioca che cannizzi
e ci scummogghia u pettu .
Quannu l’occhi addivintunu a pampinedda
signorinella si stenni ‘ndo lettu.

Signorinella s’ammuccia  n’do linzolu
pi sugnari ci aggiuva u scuru fittu
è dda ca ‘ncontra signorinello
vicinu ‘n ciumi d’acqua cilistina
ci passi beddu e ‘ndisideriu di tuccallu
signorinella non s’affrunta cchiù.

Signorinella s’arrusbigghia cu alligrizza
megghiu arristari che peri n’terra
ca taliari supra  a non cogghiri nenti
stari ‘ndo riccamu do mari a passiari e addipingiri pinzeri
ca semu nenti e ‘ndo nenti si po’ anniari
signorinella si cunotta

Signorinella talia u cielu
u suli c’allucia e accarizza
u ventu ca smovi u mari
‘ndo nenti spuntunu gabbiani
Quannu l’occhi addivintunu a pampinedda
signorinella attrova l’amuri.

Trad.
Signorinella guarda il cielo / le stelle che toccano la Luna / ed il vento che gioca con i cannizzi e gli scopre il seno. / Quando gli occhi si chiudono e le palpebre sbattono / Signorinella si corica sul letto. / Signorinella si nasconde sotto le lenzuola / per sognare  serve buio fitto / è li che incontra Signorinello / accanto ad un fiume di acqua celestina / gli sembrò bello e un desiderio di toccarlo / Signorinella non si vergogna più. / Signorinella si sveglia felice / meglio restare con i piedi a terra / che guardare sopra e non prendere niente / stare sul ricamo del mare a passeggiare dipingendo pensieri / perchè siamo niente e nel niente si può annegare / Signorinella trova conforto. /  Signorinella giarda il cielo / il sole che ferisce e accarezza / il vento che muove il mare / dal niente spuntano gabbiani. /  Quando gli occhi si chiudono e le palpebre sbattono / Signorinella trova l’amore. 

*

O pub

O pub
tuttu si movi
i bicchieri co ghiacciu
comu campani
arricogghiunu cristiani
a sgrusciu di paroli.
Pinzeri scecherati,
scellerati, ammiscati,
leggi, sculati, scurdati.
O pub
tuttu si movi
si taliunu occhi co bicchieri
facennu finta di nenti.
Manu disegnunu curvi
ita mettunu punti
vucchi sucunu
l’ultimi gocci di paroli.
O pub
tuttu si movi.

Trad.
Al pub / tutto si muove / i bicchieri con il ghiaccio / come campane / richiamano gente / al rumore di parole. / Pensieri scecherati, / scellerati,mischiati, /vuoti,scolati,scordati. /  Al pub / tutto si muove / si guardono occhi con i bicchieri / facendo finta di niente. / Mani disegnano curve, / dita mettono punti, / bocche succhiano /  le ultime gocce di parole. / Al pub / tutto si muove.

*

Motti buttana

 Su c’è a materia c’è l’antimateria,
allura antimateria,
abbia tempesta
na me nica città,
pulizia, strascina l’anima,
pi fozza appoi a spuntari l’arcobalenu
a fare arririri u cori.

Su c’è l’amicu c’è u nemicu,
allura nemicu,
isami i manu,
no me corpu fragili,
fammi nesciri u sangu,
pi fozza appoi a spuntari
l’amuri a abbissari i feriti.

Su ci si sugnu iu non ci si tu,
allura tu,
non mi scantu di tia,
fai chiddu ca voi,
pi fozza appoi a spuntari,
e quannu spunti, motti buttana,
Iu, iu non ci sugnu.

Trad.
Se c’è la materia c’è l’antimateria / allora antimateria / butta tempesta /  nella mia piccola città / pulisci e trascinami l’anima / per forza deve poi spuntare l’arcobaleno / a far ridere il cuore. / Se c’è l’amico c’è il nemico / allora nemico / alzami le mani / sul mio corpo fragile / fammi uscire il sangue / per forza devepoi spuntare / l’amore a sistemare le ferite. / se non ci sono io non ci sei tu / allora tu / non ho paura  / fai quello che vuoi / per forza poi devi spuntare /  e quando spunti, morte puttana / io, io non ci sono.Ci su iorna scunchiuruti / scappunu via. / Assumigghiunu ai treni / di sicunna classi, / comu gallerie finisciunu. 

*

Si voi amuri

Si voi a Luna
non ta pozzu dari,
si voi u Suli
non tu pozzu dari,
si voi a stidda
non ta pozzu dari,
si voi u cielu
non tu pozzu dari,
si voi a vita
non ta pozzu dari,
si voi amuri
iu ci pozzu tintari
a acchianari `nda Luna,avvicinari u Suli,
piscari na stidda, acculurari u cielu.
E cu tutti sti cosi ca ti rugnu a vita
si voi amuri.

Trad.
Se vuoi la Luna / non te la posso dare / se vuoi il sole / non te lo posso dare / se vuoi una stella / non te la posso dare / se vuoi il cielo / non te lo posso dare / se vuoi la vita non te la posso dare / se vuoi amore / io posso tentare / a salire sulla Luna / avvicinare il sole / pescare una stella / colorare il cielo. / Con tutte queste cose che ti do la vita / se vuoi amore.

*

A vistii

Ci pigghiai a notti
e a vistii
di stiddi e luna
ci pigghiai u mari
e a vistii
di onde e sali
ci pigghiai a muntagna
e a vistii
di ciuri e nivi
ci pigghiai u cielu
e a vistii
di nuvuli e favuli
ci pigghiai a rosa
e a vistii
di fogghi e ciauru
ci pigghiai n’aquilone
e a vistii
di aria e ventu
ci pigghiai u faru
e a vistii
di luci e silenziu
ci pigghiai u cori
e a vistii
di l’occhi me.

Trad.
Gli ho preso la notte / e l’ho vestita / di stelle e Luna / gli ho preso il mare / e l’ho vestita / di onde e sale /  gli ho preso la montagna / e l’ho vestita / di fiori e neve / gli ho preso il cielo / e l’ho vestita / di nuvole e favole / gli ho preso la rosa / e l’ho vestita / di foglie e odore / gli ho preso un aquilone / e l’ho vestita  / di aria e di vento / gli ho preso il faro / e l’ho vestita / di luce e silenzio / gli ho preso il cuore / e l’ho vestita / degli occhi miei.

*

Comu na rosa

Stai accussì
femma comu na rosa
e non parrari
ca i paroli fanu mali
isari a prissioni
e culurari a facci
russa comu na rosa.

Stai accussì
femma comu na rosa
e non parrari
ca i cicattrici sunu tagghi
po nesciri sangu
russu comu na rosa.

Stai accussì
femma comu na rosa
e non parrari
ca u ciauru non si senti
e u ventu non si senti
e u mari non si senti
ca iu ti vogghiu
finu o tramuntu
russu comu na rosa.

Trad.
Stai così / ferma come una rosa / e non parlare / che le parole fanno male / alzare la pressione / colorare la faccia / rossa come una rosa. / Stai cosi / ferma come una rosa / e non parlare / che le cicatrici sono tagli / può uscire sangue / rosso come una rosa. / Stai così / ferma come una rosa / e non parlare / che l’odore non si sente / il vento non si sente / il mare non si sente / che ti voglio / fino al tramonto / rosso come una rosa.

*

          

WakeUpAndSleep, HollyFood (Welcome to), Mrs. Parker and Peter under the moon - in apertura Our meeting at Cake Canaveral monument
WakeUpAndSleep, HollyFood (Welcome to), Mrs. Parker and Peter under the moon – in apertura Our meeting at Cake Canaveral monument

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: