Spattannu, poesie di Daniela Liviello (Salento)

1_Paul Klee, Colonne nere in paronama, 1919 copia

Spattannu, poesie di Daniela Liviello (Salento).

    

    

livielloDaniela Liviello è nata a Taviano, nel Salento leccese. Suoi interventi e testi di narrativa sono apparsi su riviste e lavori collettanei. E’ presente in varie antologie poetiche tra cui A SUD DEL SUD DEI SANTI, LietoColle edizioni, che raccoglie le voci più significative della poesia pugliese degli ultimi cento anni e PAROLE SANTE, antologia dell’orto dei Tu’rat, edizioni Kurumuny già alla sua terza pubblicazione. Per Manni edizioni E madonne sorridenti e Il rovescio delle foglie. Suoi ultimi lavori sono Litanie dell’acqua, LietoColle e I semi del silenzio, all’interno di un lavoro a piu’ voci dal titolo Tetrakis per la collana di poesia Rosada diretta da Milena Magnani e Sergio Rotino per Kurumuny.

  

   

        

ROSA NFRIZZULATA

A mmenzu stu niurume fracitu te acqua,
ssutta sta murgarìa te cosa ca se chiama cielu,
a mmenzu stu sonnu scuru te tutti l’elementi
aggiu pertu a porta e quasi nu critia,
aggiu zatu l’occhi cu nu bisciu nenti e,
…mamma mia…
nna rosa maje risu e riverita.

L’aggiu cuardata mancu fosse nu fantasma
e quiddha m’aje fattu na prechiera: cojme, tice,
nu me lassare cquai.
E tanìa na culureddha ca m’ha fattu pena.
Cojme e nu te ne curare ci poi
tajànnume me senti suspirare.
Te cquai nu passa mai ciuveddhi e jeu me sentu triste
e ca nu servu a nenzi.
Nu me ne curu ca spazzata moriu prima
ma sacciu ca tie me cuardi e si’ cuntenta.

Jeu l’aggiu cota, ddha fore chiove
ma sta vernata è ‘na primavera.

    

Traduzione approssimativa

ROSA INFREDDOLITA
In mezzo al buio gonfio d’acqua/ sotto questa morchia che vuol dirsi cielo/ in mezzo al sonno triste di tutti gli elementi/ ho aperto la porta e quasi non ci credevo,/ ho guardato per non accorgermi di niente e/…mamma mia…/ una rosa mi ha sorriso salutandomi riverente. / Io l’ho guardata pensando fosse un’apparizione/ ma quella mi ha rivolto una preghiera: raccoglimi,/ non lasciarmi qui./ Aveva un pallore che mi ha mosso a compassione./ Raccoglimi e non badare se poi/ tagliando mi senti sospirare./ Da qui non passa mai nessuno, sono triste/ e penso di non essere utile per niente./ Non m’importa se tagliata dal mio ramo muoio prima del tempo/ mi basta sapere che tu guardandomi sei contenta. Io l’ho raccolta, fuori piove/ ma il freddo inverno è diventato primavera.

* 

SPATTANNU* 

Mo’ su’ vint’anni ca oi me canti ‘na canzune
Ogni giurnu me cuardi e me mpruminti.
Nu sacciu te cci tonu è stu componimentu
nu m’hai tittu ci ete amore o se cimentu,
mo’ ca nci penzu su’ puru cchiui te tanti anni
ca mancu jeu era nata e tie già me mprumintivi.

E osci, e crai, cisà, sarà t’a cantu ‘sta canzune.
Jeu ogni mane apru l’occhi e cuntu u tiempu
spettu ca moi, ca moi rriva stu bellu ccumpagnamentu
e osci, e crai, me cuntu i fili janchi e ‘ncora spettu.

E cantala sta canzune, te ne preu!
nu la lliccare cchiui st’aspettativa
ca osci, o crai, sentu ca me ne vau
me nne vau cu nu nci tornu e cchiui nu spettu.

     

Traduzione approssimativa 

ASPETTANDO
Già da vent’anni dici di volermi cantare una canzone/ ogni giorno mi guardi promettendo./ Non conosco nemmeno il tono del componimento/ non hai mai detto se si tratta di amore o cimento,/adesso che ci penso son passati anche più di vent’anni/ che ancor prima che io nascessi tu già promettevi./ Oggi, domani,chissà, forse ti canterò la mia canzone./ Ogni mattina io apro gli occhi e conto il passare del tempo,/ aspettando di sentire la tua bella canzone/ oggi, domani, domani ancora, conto i capelli bianchi e aspetto ancora.// Ti prego di cantarla presto la canzone!/ non allettare più l’attesa che oggi, o domani sento di dover andare via/ vado via per non tornare.

     

* SPATTANNU musicata da DONATELLO PISANELLO, fondatore di OFFICINA ZOE’, gruppo di musica tradizionale viva del Salento, è nel cd MALEDETTI GUAI.

*

SULI

Quanti pariti su’ rimasti suli…
ogni mmane ‘na porta se chiute.
U sule nu sape quale angulu scarfare
Ca ciuveddhi cchiui lu secuta sse scarfa
Culla seggia nnanzi a porta.
Se ne vannu ‘ncora, ttorna panzannu a mijurìa.

Veni tie cquai…jentu.
Nc’è tantu largu e poti fiscare comu oi
ci oi, quannu oi, cu ccinca oi.
Cquai nci suntu sbunnori te stanze,
càmmare una nfila ll’addha
e tocca stai ‘ccortu cu nnu sbaj ‘ntrata.

Nci su’ castelli culle torri tise
muraje erte comu a dire “guai a tie”
ma poi se strazzane nnu picca cquai-dhai.

Veni jentu, scunfunna lu palummu
rufula quantu te pare-piace
ca ciuveddhi ole ssape cci sta faci.
Porta dh’umitu t’a mane, ‘u sarenu t’a sira.
Ssettate ogni tantu, fisca culli ceddhi
scioca ncarizzi a luna culli coriandoli
ca sulu tie sai ffaci.

Veni jentu. Chiamate faugnu sciaroccu
levantinu tramuntana. Veni jentu.
Fanni e curcitumbule ca oi.

      

Traduzione approssimativa

SOLI
Tanti muri son rimasti soli…/ogni mattina si chiude un’altra porta./Il sole non ha più angoli da scaldare perché più nessuno segue il suo raggio in cerca di calore./Se ne vanno ancora pensando ad una vita migliore.// Allora vieni tu qui…vento./ C’è tanto spazio e puoi fischiare a piacimento./Ci sono qui stanze grandissime/una in fila all’altra/ e bisogna stare attenti a non perdersi.//Ci sono castelli dalle alte torri/ muraglie altissime che sembrano dire “guai a chi osa”/ma poi si lacerano qua e là.// Vieni, manda via l’umido stantio/ ruggisci quanto ti pare tanto nessuno vuol sapere cosa fai./ Porta il fresco della mattina, fai calare la rugiada della sera./ Poi siediti ogni tanto a fischiare con gli uccelli/ gioca a carezzare la luna con i coriandoli che soltanto tu sai fare// Vieni vento. Chiamati col nome che preferisci. Vieni e fai tutte le giravolte che vuoi.

*

        

Paul Klee, "Giardino al Sud", 1919 - in apertura "Colonne nere in panorama", 1919, Metropolitan Museum New York
Paul Klee, “Giardino al Sud”, 1919 – in apertura “Colonne nere in panorama”, 1919, Metropolitan Museum New York

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: