Testi operai, poesie di Fabio Franzin

Metropolis, Fritz Lang, 1927_6

Testi operai, poesie di Fabio Franzin.

    

    

Fabio Franzin è nato nel 1963 a Milano. Vive a Motta di Livenza, in provincia di Treviso. E’ redattore della rivista di civiltà poetiche “Smerilliana”.
Ha pubblicato le seguenti opere di poesia: Il groviglio delle virgole, Stamperia dell’arancio, 2005 (premio “Sandro Penna”), Pare (padre) Helvetia, 2006, Mus.cio e roe (Muschio e spine), Le voci della luna, 2007 (premio “San Pellegrino”, premio “Insula Romana” e premio “Guido Gozzano”) , Fabrica, Atelier, 2009 (Premio “Pascoli”, Premio “Baghetta”), Rosario de siénzhi (Rosario di silenzi – Rožni venec iz tišine) Postaja Topolove, 2010, edizione trilingue con traduzione in sloveno di Marko Kravos, Siénzhio e orazhión (Silenzio e preghiera) Edizioni Prioritarie, 2010, Co’e man monche (Con le mani mozzate) Le voci della luna, 2011 (premio “Achille Marazza”, finalista al premio “Antonio Fogazzaro”, Canti dell’offesa, Il Vicolo, 2011, Margini e rive, Città Nuova, 2012, Bestie e stranbi, Di Felice (I poeti di Smerilliana), 2013, Fabrica e altre poesie, Ladolfi editore, 2013, “Sesti/Gesti” Puntoacapo, 2015, Erba e aria”, Vydia, 2017 (Premio “Thesaurus” 2017, premio “Luciana Notari” 2018).

I testi, editi, che vi proponiamo in questo articolo sono stati selezionati per noi dall’autore e sono scritti nel dialetto Veneto-Trevigiano parlato nell’Opitergino-Mottense.

      

Cachi e schiti

Tut chel pestìzh de cachi marzhi
là, longo a ranpa de cimento largo,
cascàdhi dae rame che spiove alte
sora ‘a paeàdha de confìn fra l’ort
de Aldo e ‘l magazìn del mobiìficio,
schinzàdhi dae ròdhe basse dei muéti,
ciapàdhi a speazhàdhe dai camionisti
strachi de sbrissàr te chel paciòt dolzh,
de netàrse ‘e scarpe drio ‘a muréta.

Oh Veneto, tèra mia, senpre manco
tèra e sempre pì vento che para via
memoria e natura; carica, carica i tó
container, conta i tó schèi, ‘scondìi
benón, là, tea cort, rovèsseghe sora
cariòe de ciàcoe e bestéme, i rosari
e i santini mìe volte pregàdhi e diese-
mìe tradìdhi, i venchi e ‘e fòjie grande
dei morèri, ‘a góndoea e’l león co’e àe,
‘a forca e ‘a calièra. ‘Àsseme sol chel
cachèr, el dispèt de chee burèe rosse,
past de vèci senza denti e de oseéti,
‘i só schiti grisi tel griso dei capanóni.

   

Cachi e guano
Tutto quel pacciume di cachi sfatti / lì, lungo la vasta rampa di cemento, / caduti dai rami che spiovono alti / sopra la rete di recinzione a confine fra l’orto / di Aldo e il magazzino del mobilificio, / schiacciati dalle tozze ruote dei carrelli, / presi a calci dai camionisti / stufi di scivolare in quella fanghiglia dolciastra, / di pulirsi le scarpe contro il muro. // Oh Veneto, terra mia, sempre meno / terra e sempre più vento che porta via / memoria e natura; carica, carica i tuoi / containers, conta i tuoi soldi, nascondili / bene, lì, nella concimaia, rovesciagli sopra / carriole di chiacchiere e bestemmie, i rosari / e i santini mille volte pregati e dieci- / mila traditi, i vincastri e le foglie ampie / dei gelsi, la gondola e il leone alato, / la forca e il paiolo. Lasciami solo quel / caco, il dispetto di quelle bocce rossastre, / pasto di vecchi sdentati e di uccelli, / il loro guano grigio nel grigiore dei capannoni.  

da “Margini e rive”, Roma, Città Nuova, 2012

*

Varda chii operai, varda
come che i se perde via
fra i só pensieri intant che
i se fuma ‘na cica sentàdhi
contro ‘l muro dea fabrica

vàrdii, stràchi e spazhi,
co’i gins che ‘na volta
i ièra quei boni, e ‘dess
i ‘é sol un pèr de bràghe
màssa curte e taconàdhe

co’ chee camise smarìdhe,
‘e scarpe zhòzhe de còea
o de ojàzh, zhéjie e cavéi
zai de segadùra. I par squasi
dei pajiàzhi scanpàdhi via

da un circo, cussì, ridìcoi
e maincònici come i comici
del cinema mut, e muti i ‘é
anca lori parché ‘a fadìga
ghe ‘à portà via ‘a paròea

vàrdii ‘dèss che i schinzha
‘a cica soto i pie e a testa
bassa i torna dae machine
che spèta ‘ncora i só sèsti
servi; i sogni soeàdhi lontani.

     

Guarda quegli operai, nota /  come sono assorti / fra i loro pensieri mentre si / concedono una sigaretta seduti / contro il muro della fabbrica // guardali, stanchi e sporchi, /  con i jeans che un tempo /  erano alla moda, ed ora /  sono solo un paio di brache /  troppo corte e rattoppate // con quelle camicie sbiadite, / le scarpe lerce di colla / o di morchia, ciglia e capelli // gialli di segatura. Sembrano quasi / dei clown fuggiti // da un circo, così, ridicoli / e malinconici come i comici / del cinema muto, e muti sono / anche loro perché la fatica / gli ha estirpato la parola // guardali ora mentre schiacciano / la cicca sotto i piedi e a capo / chino ritornano dalle macchine / che attendono ancora i loro atti / servili; i sogni volati altrove.

Da “Fabrica e altre poesie”, Ladolfi editore, 2013

*

El posto de ieri

El posto de ieri. Storie
rasteàdhe via. Inmuciàdhe
tute da ‘n’antra parte. Lontan.

Qua resta feri storti, rosegàdhi,
el cóeor rùspio dea rùdhene,
scajie, croste, righe scure…
L’é trist, ma no’l pòl far pecà,
parché el pecà l’é finìo ‘lora
e no’ iera tenpo pa’ndarghe drio
(el deo troncà daa lama, el brazh
masenà dae roste, o ‘l conpagno
che ‘à portà messéte su in oficio).

Qua resta el muso ross coi lastroni
roti (archeoeógia industriàe i ‘a ciama)
‘na onbra sbièga te un piazhàl grando.

Tea riga de erba alta, spenotàdha
che trema te ‘na crepa del ‘sfalto,
‘a gresta de un soldà del lavoro
sepoìo massa de pressa, né capo,
né guerièro. ‘N’antra onbra
passàdha sguelta fra veri e lamiere.

O sol un rut dea tèra, soto, un só zhigo.

       

Il luogo passato
Il luogo passato. Storie / rastrellate via. Ammucchiate / tutte da un’altra parte. Lontano. // Qui restano ferri storti, corrosi, / la tinta ruvida della ruggine, / schegge, croste, righe scure… / Fa tristezza, ma non può far pena, / perché la pena finì allora / e non c’era tempo per contemplarla (il dito troncato dalla lama, il braccio / straziato dagli ingranaggi, o il collega / che fece la spia in direzione). // Qui resta il muso rosso coi lucernari / infranti (archeologia industriale è definita) un’ombra obliqua su un piazzale vasto. // Nella traccia d’erba alta, / stenta, che tremola su una crepa dell’asfalto / la cresta di un soldato del lavoro / seppellito troppo in fretta, né capo, / né guerriero. Un’altra ombra / passata svelta fra i vetri e le lamiere. // O solo un rigurgito della terra, sotto, un suo grido.

Da “Sesti/Gesti”, Puntoacapo, Pasturana, 2015

*

Conpleàno 

Incùo a dó mé coèghi de lavoro
– precari come mì: ‘na fémena
co’ tre fiòi, e un tosàt bravo
e sguèlto – no’ i ghe ‘à rinovà
el contràto. El ghe scadéa a fine
mese, fra tre dì. E ’dèss ciao.
I iera co’ noàntri da sie mesi,
i se ‘à dat da far, e tuti ghe ‘ven
vussù ben. No’é colpa de nissun.
Purtròpo i ordini i ‘é caeàdhi,
e no’é pì posto par tuti. Li ‘ò
visti vègner fòra sòchi da l’oficio.
No’ i se ‘o ‘spetéa nianca lori.

Li ‘ò vardàdhi lavoràr pa’ chea
ora che manchéa prima dea sirena,
in banda al mé reparto, de spàe.
‘E só teste ‘ndar su e zo, intant
che i scocetéa ‘e scàtoe, seri
e veòci come se fusse un zorno
come altri, el bancàl da finìr
prima de sera, mèjio dó minuti
prima, cussì  da riussìr a darghe
anca ‘na scoàdha, ‘na bea netàdha.

Stamatina ‘ven festejà insieme
i mé zinquantun àni, tii zhinque
minuti de pausa – ‘ò portà un pochi
de pasticini, e coca-còea e fanta.

‘Dèss, intant che scrive, son casa.
I mé dó fiòi i me ‘à regaeà un libro
parón: quel grando un de poesia,
el pìcoeo un pa’ sméter de fumàr.

Come che fae a dighe che le tante
de chee robe che fa pì mal de ‘na
cica, romài, te ‘sta realtà che sòfega?
Come che pòsse dirghe che poesia
ghin vede senpre manco, te ‘sto
mondo de squai e de pòri s.ciavi?

      

Compleanno
Oggi a due miei colleghi – / precari come me: una donna / con tre figli, e un ragazzo / bravo e svelto  – non è stato rinnovato / il contratto di lavoro. Gli scadeva a fine / mese, fra tre giorni. Ed ora ciao. / Erano con noi da sei mesi, si sono dati da fare, e tutti gli abbiamo / voluto bene. Non è colpa di nessuno. /  Purtroppo gli ordinativi sono calati, / e non c’è più posto per tutti. Li ho / visti uscire mesti dall’ufficio. / Non se lo aspettavano neanche loro. // Li ho guardati lavorare per quell’ora / che mancava prima del suono della sirena, / accanto al mio reparto, di spalle. / Le loro teste seguire il ritmo, mentre / tiravano il nastro adesivo sulle scatole, seri / e rapidi come se fosse un giorno / come altri, il bancale da finire / prima di sera, meglio due minuti / prima, così da riuscire anche a rassettare, / pulire per bene il posto. // Stamani abbiamo festeggiato insieme / i miei cinquantun anni, nei cinque / minuti di pausa – ho portato un vassoio / di pasticcini, e coca-cola, e fanta. //  Ora, mentre sto scrivendo, sono a casa. / I miei due figli mi hanno regalato un libro / ciascuno: il maggiore uno di poesia, / il piccolo un manuale per smettere di fumare. // Come posso dirgli che ci sono tante / di quelle cose che fanno più male di una / sigaretta, ormai, in questa realtà soffocante? / Come posso dirgli che poesia / ne scorgo sempre meno, in questo / mondo di squali e di poveri schiavi?  

Da “Sesti/Gesti”, Puntoacapo, Pasturana, 2015

Pochi minuti prima dea pietà 

(per Denis Silvestrin)

Ancora pochi minuti, forse te iera
drio netàr ‘e piastre de chea pressa
màedeta, forse de pressa, pa’assàr
tut a posto prima che sonesse ‘a sirena,
farlo fin in fondo el tó dovér,  chissà
che i te tornesse ciamàr, pì  ‘vanti,
a setenbre…Ancora pochi minuti
e dopo te saràe ‘ndat al bar a béverte
un spriz, ‘na bireta… che ‘e presse va
a zhento e passa gradi, lo so, se suda,
in istà, ‘a sé vien da sóea, ‘a góea arsa…

O forse te iera drio pensar aa tó vita
da precario, un mese qua, dó de ‘à,
co’a va ben, co’l teèfono sona, a come
che sie possìbie farse su un futuro,
cussìta… che te stea ‘ncora co’ i tó
vèci, un banboción che no’ assa ‘l nido,
che ‘l sta ben là, sot’e àe dea mare.

Po’e piastre li ‘à schinzhàdhi, chii
pensieri, insieme a tute ‘e boiàdhe
dite da ministri, paróni, sindacaisti.

Resta ‘l tó corpo soto un nizhiòl, fra
i mùeti e ‘e rulière. Resta chea carne
zóvana al mazhèo de un lavoro can,
bésteme missiàdhe ai segni dea crose
de man cavàdhe via dal domàn. Resta
chea manciàdha de minuti prima che
el contràto finisse, che ‘a pietà rinasse.

       

Pochi minuti prima della pietà
Ancora pochi minuti, forse stavi / pulendo i piani di quella pressa / maledetta, forse di fretta, per lasciare / tutto a posto prima che la sirena suonasse, / farlo fino in fondo il tuo dovere, chissà / che ti richiamassero, più avanti, / a settembre… Ancora pochi minuti / e dopo saresti andato al bar a berti / uno spritz, una birretta… che le presse vanno / a cento e passa gradi, lo so, si suda, / in estate, la sete viene da sé, la gola arsa… // O forse stavi pensando alla tua vita / da precario, un mese qua, due là, / quando va bene, quando il telefono squilla, a come / sia possibile costruirsi un futuro, / così… che stavi ancora con i tuoi / genitori, un bamboccione che non lascia il nido, / che sta bene là, sotto le ali della madre. // Poi le piastre li hanno schiacciati, quei / pensieri, insieme a tutte le cazzate / dette da ministri, padroni, sindacalisti. // Resta il tuo corpo sotto a un lenzuolo, fra / muletti e rulliere. Resta quella carne / giovane al macello di un lavoro cane, / bestemmie mischiate ai segni di croce / di mani estirpate al domani. Resta / quella manciata di minuti prima che / il contratto finisca, che la pietà rinasca.  

Da “Sesti/Gesti”, Puntoacapo, Pasturana, 2015

*

        

Metropolis, Fritz Lang, 1927
Metropolis, Fritz Lang, 1927

One thought on “Testi operai, poesie di Fabio Franzin”

  1. In ultimo venne il giorno
    dei ricordi condivisi,
    resoconti attivi
    del lavoro che fummo, della nostra
    ipocrisia. Della classe andata
    e di tutto il postsessantotto
    che a mala pena comprendemmo.

    Si erano fatti attivi i varchi
    e nelle segreterie spente
    le luci degli addobbi rilucevano come inservienti.

    Fu presto fatto il resoconto.

    A destra gli uomini, le donne al centro.
    La perenne quota rosa.

    I bimbi in fila per le audizioni.

    L’ operaio in somma per la risoluzione.

    Grazie, Versante Ripido

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: