Tornar casa / Tornare a casa, di Giacomo Sandron

z 4 Rimanenze 70x60 - 2_risultato

Tornar casa / Tornare a casa, di Giacomo Sandron.

    

   

Vi proponiamo qui tre poesie del veneziano Giacomo Sandron, selezionate per noi dall’autore dal suo “Cossa vustu che te diga”, Samuele Editore 2014.

    

Xe ‘l tren che passa da ‘na vita
da drio casa mia
ch’el fa un casin, quando ch’el passa,
che se te son drio ‘scoltar
a radio o vardar a teevision
no se sente pì ninte
gnanca a tirar e recie
e a musica te ga da imaginartea
e quel che i dise ta ‘l schermo
te te lo inventi ti.

      

C’è il treno che passa da una vita
dietro casa mia
cha fa un casino, quando passa,
che se stai ascoltando
la radio o guardando la televisione
non si sente più niente
neanche tirando le orecchie
e la musica devi immaginartela
e quello che dicono sullo schermo
te lo inventi tu.

***

Co’ torno casa in tren
ghe passo sempre da drio casa mia
da l’altra banda xe i campi
dove se ‘ndava de scondiòn a far i furbi
a magnar bàmpoi
ciavarghe pomi e panoce
i fossi ‘ndo che ‘ndevimo pescar.
Pescavimo ‘ndò che stava ’l zio Ciccio
che iera un de quei mati che va in bicicleta, su e so
co la so musa de tera brusada, sempre un baret in testa
e quel che saveva dir iera sol che “Bon”
co che l’andava, “Bon” co che ‘l tornava.
E ierimo lì, un dì, a cavar fora bissi da la tera
davanti casa sua, e lu se ga messo a pissarne in fronte
e no son sta bon, chea volta,
a no vardarlo che se menava l’osel
a sintirlo che ne domandava
se lo gavevimo longo come ‘l suo.

    

Quando torno a casa in treno
passo sempre dietro casa mia
dall’altra parte ci sono i campi
dove si andava di nascosto a fare i furbi
a mangiare bàmpoi
rubare mele e pannocchie
i fossi dove andavamo a pescare.
Pescavamo dove stava lo zio Ciccio
che era uno di quei matti che vanno in bicicletta, su e giù
col suo muso di terra bruciata, sempre un berretto in testa
e quello che sapeva dire era solo “Bon”
quando andava, “Bon” quando tornava.
Ed eravamo lì, un giorno, a tirare fuori lombrichi dalla terra
davanti a casa sua, e lui si è messo a pisciare di fronte a noi
e non sono stato capace, quella volta,
a non guardarlo mentre si menava l’uccello
a sentirlo che ci domandava
se l’avevamo lungo come il suo.

***

Co’ torno casa in tren
ghe passo sempre da drio casa mia
prima de rivar in stassion
e buto l’ocio par veder se xe qualchi d’un fora
in giardin ch’el fa qualcossa,
me pare che taja l’erba
me mare che la sgaruma in orto
me fradel che se fuma ‘na paja
o che altro che ‘l lese,
ma tuto quel che rivo veder
– el tren ga ‘pena tacà a ralentar,
el va ancora un fià massa veoce –
xe la macia bianca del saresèr
cò buta fora i fiori
che sbrissia sul vero del finestrin
e xe ‘na vose che me dise
Movite dai, che semo drio spetarte.

     

Quando torno a casa in treno
passo sempre dietro casa mia
prima di arrivare in stazione
e butto l’occhio per vedere se c’è qualcuno fuori
in giardino che fa qualcosa,
mio padre che taglia l’erba
mia madre che traffica nell’orto
mio fratello che si fuma una sigaretta
o quell’altro che legge,
ma tutto quello che riesco a vedere
– il treno ha appena iniziato a rallentare,
va ancora un po’ troppo veloce –
è la macchia bianca del ciliegio
quando butta fuori i fiori
che scivola sul vetro del finestrino
e c’è una voce che mi dice
Muoviti dai che ti stiamo aspettando.

                      

oro 50x30,5 -riflesso _risultato

3 thoughts on “Tornar casa / Tornare a casa, di Giacomo Sandron”

  1. Che poi, per un po’ pensi che a tornare a casa c’è’ sempre tempo….poi, improvvisamente, per tornare a casa e’ già tardi…bella…

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: