Trittico del distacco di Pasquale Di Palmo, recensione di Miriam Bruni

'Goccia', olio su tela, 2013_risultato

Trittico del distacco di Pasquale Di Palmo, Passigli ed., 2015, recensione di Miriam Bruni.

    

     

Questo Trittico del distacco  di Pasquale Di Palmo è un libro che celebra l’addio al proprio padre e ad altre persone conosciute dall’autore nella sua giovinezza. Nella nota finale si premura egli stesso di esplicitare a chi o cosa appartengano determinati nomi (e nomignoli) di persone, strade o negozi incontrati dal lettore nelle pagine precedenti. A dire quanto quest‘opera si origini e sviluppi attorno al germe della veridicità e della concretezza, come anche sottolineato da Maurizio Casagrande nella accurata postfazione („P. Di Palmo si ripropone ai lettori con una nuova raccolta – a lungo meditata e dettata dal daimon dell’autenticità“).

Lo immaginiamo seduto su quella “panchina di un parco suburbano„ (p.61) citata nell’ultima prosa poetica del libro da cui Di Palmo sembra tessere un memoriale che raggiunge tempi e luoghi recenti e meno recenti, episodi autentici del proprio passato come ad esempio quello legato al raccapriccio per la pallonata con cui colpì Franchino, provocandone il pianto (p.57), o alla pasticceria  dove andava con gli amici d’infanzia e in cui portò anche il padre negli ultimi tempi, quando era ormai “sempre più svogliato e abbruttito dopo l’ictus„(p.25).

Proprio il testo su cui si chiude questo „Trittico“ mi sembra compendiare le peculiarità maggiori che ho potuto scorgere nell’intera opera. Si tratta di due rovesciamenti del sentire comune. Il primo riguarda il sole: viene perlopiù descritto come una fonte di sensazioni sgradevoli – anziché come un simbolo di forza e vitalità, a cominciare dal primo testo in cui l’aggettivo scelto è „allucinato“ (p.17) e in quello immediatamente successivo un aggettivo dello stesso campo semantico: „luce ubriaca“…

Strettamente correlato al sole, ecco che il cielo tutto viene anch’esso definito attraverso immagini che evocano un disagio : „ha un colore schiacciato“, (p. 22), „si divincola fra i rami (p.25)

Il secondo sorprendente rovesciamento è interiore, psichico: la sovvrabbondanza  di suoni e parole che attraversano la mente risulta più un pesante fardello che una ricchezza, e viene difatti contrapposto al “bianco su verde„(p.60) dei cimiteri silenziosi. So per esperienza che solo chi sperimenta una profonda e prolungata sofferenza può arrivare ad agognare la „felicità degli ebeti“, e invocare un „sonno senza più voce“.

Ho trovato commoventi le numerose pagine che costituiscono „il pannello centrale“, numerate come una „via crucis“, specialmente la IX, la XI, la XIII e la XIV. La tredicesima stazione è densamente poetica e al contempo altamente descrittiva, un testo duro e tenero, amaro e dolce, affusolato e ossuto come la vera poesia sa essere.

“Perché te ne sei andato
Se non potevi neanche camminare?
Sei uscito dalle tue labbra
Per dissolverti in aria,
diramarti e fiorire
come un pesco
nel giardino del piccolo ospedale
lasciandoci soli
nella notte di un’estate qualsiasi,
increduli contro la tua bocca
spalancata. Infermiere
ti fasciano il volto di sasso
prima dell’ultimo
elettrocardiogramma“ (p.45)

Alcune informazioni sull’autore le troviamo nella poesia dedicata al padre che „non c’è più“, che chiude la seconda sezione, un testo scritto dal “figlio più anziano“ (p.49) anche in dialetto veneto, la lingua parlata dal suo papà. Umile e sincera confessione da cui trapela il dispiacere per quel distacco mantenuto per ragioni „culturali“ e caratteriali quando ancora era possibile „parlarsi“ o darsi un bacio. Ecco la strofa centrale:

Papà, adesso che non ci sei più,
vorrei dirti
quello che non sono mai riuscito a dirti
per pudore
per superbia
perchè mi credevo, io che leggo
e scrivo tanti libri,
di esserti superiore

Concordo con Giancarlo Pontiggia quando definisce questo libro con i tre aggettivi seguenti: „essenziale, lucido, pietoso“ (cfr. prefazione). E mi piace pensare che sì, anche Cosimo abbia „sognato una volpe“ quella notte precedente al suo trapasso (cfr. p.34) e che possa davvero indirizzare ancora, „dall’alto“, i passi di suo figlio (p.46)

Ho già parlato dell’ultima prosa poetica del „Trittico“. Una riga ancora mi concedo per evidenziare la tenue musicalità che il lettore può avvertire in quella che invece sta in apertura di quest’ultima sezione; ascoltate:

„Chissà se esiste ancora quella minuscola bottega di ciabattino incassata in una viuzza di Marghera di cui non ricordo il nome. Via Scarsellini, forse, via Ca‘ Zorzi… Palazzi come falansteri. E chissà dove sarà finito quel ragazzo ritardato che, dietro montagne di scarpe sfondate, scartò con gioia il suo panino imbottito con gli avanzi della cena del giorno precedente, traboccante di spaghetti attorcigliati al pomodoro.“ (p.53)

Forse che davvero l’intima partitura della vita, di ogni vita, abbia a che fare con la Poesia?…

cover_trittico_del_distacco

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: