Una promessa di felicità di Fabiano Spessi, nota di Federico Cerminara

il_camaleonte_ part_risultato

Una promessa di felicità di Fabiano Spessi, Giuliano Ladolfi Editoe, 2016. Nota di Federico Cerminara.

    

    

Quando mi è stato proposto di leggere le poesie di Fabiano Spessi, ho trovato nel titolo della raccolta più di una buona ragione per accettare. La bellezza è una promessa di felicità, dice Stendhal, e seppure il titolo della silloge non riportasse per intero la citazione, ero fiducioso che il percorso di ricerca dell’autore trovasse nella scoperta di un’idea di bellezza, inattesa, fulminante o eventualmente amara, immorale, ma in ogni caso reale e tangibile nella suo manifestarsi, un epilogo naturale. Fabiano Spessi è un osservatore attento, allo stesso tempo generoso nell’ascolto e capace di percepire i desideri e le speranze delle persone con cui entra in contatto. Il palcoscenico che dà vita e forma ai suoi versi è composto da spazi e oggetti ordinari: la piscina di un centro sportivo, la fermata del pullman, le tazzine prese con i punti del supermercato; la poesia di Spessi parla di me, delle persone che incontro a lavoro o nelle riunioni di condominio, e soprattutto parla del nostro bisogno di incontrarci, di comunicare. Forse per sentirci un po’ meno soli, forse per andare incontro a quella promessa di felicità che alberga nei nostri desideri.

A distanza di un paio di mesi, sollecitato dalla redazione di Versante ripido alla consegna -nello specifico, mi è stato chiesto come mai tardassi nel consegnare la nota di lettura-, ho messo a fuoco che la mia difficoltà nel formulare un’opinione non era dovuta al linguaggio o al bagaglio di immagini e ricordi da cui il poeta andava a pescare, quanto piuttosto alla scelta di Spessi di non proteggere i suoi personaggi dalle insidie del microcosmo in cui li aveva collocati. Così lucido nel raccontare la crisi che li ha colpiti, così limpido nel mettere a fuoco una via di fuga, una forma di redenzione, così metodico e puntale nell’abbandonarli alle proprie ansie, alla propria solitudine, al ricordo inutile di una sequenza di occasioni sfumate. Non c’è possibilità di riscatto, nemmeno per due persone sole e disperate che sull’uscio di una porta provano a stringersi la mano.

Ragazza alla pari
col viso cosparso di fiori,
nella quiete del primo pomeriggio
qualcuno bussa alla tua porta
ed è un’estranea
che non ti chiede solo del sale
ma proprio da mangiare
e un tetto
e un letto.
Non è casa mia
io lavoro per la famiglia
mi occupo dei bambini
facciamo insieme i compiti
e li vado a prendere a scuola.
Mi dispiace.

L’estranea si dirige
verso un’altra porta
e ripete la sua litania:
pane
casa
un letto per la notte.
Ricordi? Guardare fisso negli occhi
l’interlocutore
usare un linguaggio semplice
e andare subito al punto.

Proprio quello che
ti hanno insegnato all’università,
corso di marketing
primo anno.

cover libro Fabiano Spessi
in apertura Ivo Mosele, Il camaleonte, particolare

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: