Una sfortuna di selvaggia luce di Rosa Gallitelli

Branciforte, "Paesaggio fluviale", #6, 2014, olio su tavola

Una sfortuna di selvaggia luce di Rosa Gallitelli.

    

    

Nata a Pisticci (Matera) nel 1969, Rosa Gallitelli vive dai primi anni novanta tra Italia (Padova) e Costa Rica, dove ha trascorso lunghi periodi a stretto contatto con le popolazioni native del Guanacaste tra la foresta vergine e l’oceano Pacifico, esperienza cui è dedicato questo libro, cooperando poi nel tempo a progetti di tutela del patrimonio naturale.
Dal 2007 ha tradotto con Tomaso Pieragnolo noti poeti ispanoamericani nella rivista Sagarana, con particolare attenzione alla ricerca di autori da proporre in anteprima in Italia, confluiti poi negli ebooks “Nell’imminenza del giorno” (La Recherche, 2013) e “Ad ora incerta” (La Recherche, 2014), e curato la prima antologia italiana bilingue della grande poetessa costaricana Eunice Odio “Come le rose disordinando l’aria” (Passigli, 2015, finalista Premio Morlupo), definita da Giuseppe Bellini “un’opera importante di traduzione, resa con encomiabile fedeltà, tale da ricreare il clima dell’originale”.

Nel 2015 ha pubblicato con Passigli ed. la raccolta di poesie “Selva creatura leggera” dalla quale proponiamo un testo.

In quarta di copertina della raccolta leggiamo:

Selva creatura leggera si muove catarticamente attraverso accavallate realtà, che tutte convergono nel vissuto come in un caleidoscopio che a volte avvicina e a volte allontana, colorando con forza o dolcemente sfumando il molteplice paesaggio che ne forma la cosmogonia. La dualità che appare subito evidente è il raffronto complesso tra il luogo reale della Selva vergine del Costa Rica (dove l’autrice ha abitato a lungo) e la selva dei ricordi originali e degli inediti simboli sorti da questa singolare e travagliata esperienza.
In queste selve perennemente osmotiche, celate e svelate da un’ancestrale alternanza di apparizioni e perdite, il tempo e la natura risuonano con tutta la loro universale potenza, nell’insanabile contrasto con una modernità che sembra condannare all’estinzione la loro inviolata bellezza.
La testimonianza di una purezza primigenia e della sua silenziosa scomparsa si esprime nei contrari precipizi di oscurità e di corporea letizia, che nei testi si alternano in sequenze fotografiche attraverso l’uso di punteggiatura e inarcatura come volano dell’espressione.
Un libro sorprendente e notevole, che fonde reale ed irreale attraverso suoni e visioni autenticati da una peculiare ricerca linguistica e ritmica, i cui versi appaiono sempre sul punto di traboccare in altri che li rammentano o li attraggono, coniugando l’attitudine onirica ed ermetica dell’autrice con la ricca polisemia delle parole e la versatilità dei concetti.”

    

UNA SFORTUNA DI SELVAGGIA LUCE

Se tutto poi disgiunse i corsi,
resta una coesistenza, un pendolo,
di un tempo stretto mai dimenticato
che estranei chiamano lascito;
io so solo di un danneggiato sguardo,
di quella danneggiata confidenza,
di grandi grida e incendi che nel sonno
mi portano le Selve gravi.

Ma piombare nel fascino in quel fiume
fra l’ansa e il nidiace nudriti
dove volando si accoppiavano le ali,
danzavano mancando nella chioma,
frusciandola nel cembalo di piogge
e fra i postumi di rugiade grandi,
vacillavano poi sognando forse
cromatico un suono mai udito,
non più tardo del bambù lungo,
non più largo di felci in fondo,
e in cui instancabilmente calavano,
diliberi, coda, dementi,
quasi deposti risvegliando,
striscio trasfigurando,
tutta una fiamma di Selve blu,
blu folle, non rivelabile.
                 Cancellata. Di colpo mai rivedibile.

È come essere lasciati, non appena infiammati,
da fuochi acerbi giunchi e uccelli verdi,
da iridi fissità allontanarsi
in bestie che si stavano accudendo,
ferme al buio e inscindibili, giuncheto,
che ti dicono porta tu questi occhi,
di eclissati l’ormai scoperta
pupilla ingente e espansa nell’esile,
un’ultima luce di scimmia
che lo smeraldo accese e cela,
sfolgorante slegarsi dal neonato,
dall’innocenza e dall’alto
cordone di vento di prima:
tutto un girone degli uccelli
che ormai ruota in miei risvegli vuoto e lontano,
come un’abissale rosa di guano e luce.
                 Cancellata. Di colpo mai rivedibile.

     

da SELVA CREATURA LEGGERA di Rosa Gallitelli, Passigli ed. 2015.

                         

Branciforte, "Rovi e canneti", 2014, olio su tavola - in apertura "Paesaggio fluviale", #6, 2014, olio su tavola
Branciforte, “Rovi e canneti”, 2014, olio su tavola – in apertura “Paesaggio fluviale”, #6, 2014, olio su tavola

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: