Un’esplosione non è un temporale, poesie di Luca Ariano

Ivo Mosele, La conversazione

Un’esplosione non è un temporale, poesie di Luca Ariano.

    

   

Fu un fortino militare
– ancora rimangono mura –
ma di quelle battaglie
solo polverosi documenti d’archivio.
Con Nena passeggiate
come se il mattino fosse infinito
tra alberi secolari
che videro promesse d’amore,
baci portati via dalle stagioni
come foglie dopo il vento.
Rivedi le stesse giostre
di trent’anni fa…
non ci sarà tuo padre a portarti
in lunghi giri:
«Ancora uno… l’ultimo
Questa sera un’altra partita
persa tra urla di corpi calpestati,
vetri infranti:
«Un attacco! Un attacco
Lontano… sempre così lontano
un’esplosione non è un temporale.

*

Dovevi essere preparato
ma poi… mai pronti
quando arriva il momento:
lo dissero…
Ancora ti perdi su raccordi,
cavalcavia, stazioni dismesse
e i fiori ai funerali uno strano
profumo, quasi fuori stagione,
fuori tempo massimo.
Quante volte Giggino l’aspettò
sul binario e tu attendi Nena:
bianche pareti e specchi
riflettono i vostri visi
come se la vita dovesse terminare,
come l’amore ansioso
del primo appuntamento.
Baci rubati dal vento di un treno
in transito che parte rapido…
Lo stesso vento porta fiamme
su boschi che vedesti bambino
accanto al vulcano,
cenere come i resti del tuo corpo.

*

È come se dalla morte improvisa di mio padre,
io fossi rimasto lo stesso. La morte, che si annida in me
da allora, mi ha improntato di sé, e io non posso sbarazzarmene.”
Elias Canetti

    

Hai scelto l’estate Giggino
per andare via…
A te che piaceva per il mare,
il suo compleanno…
quella crociera sull’isola greca:
case bianche ormai colme
di turisti ma il tramonto
è rimasto lo stesso che vedesti
sull’Egeo.
Il piccolo Alessandro passò
giorni felici su quel ramo di lago:
nessuno cura più l’antica dimora,
il sole che cala celato dal cemento.
Troppo presto smise di giocare
il piccolo Elias arrampicato
su un albero quando la madre
dalla finestra gridò:
«È morto tuo padre!»

*

              

Ivo Mosele, La conversazione
Ivo Mosele, Guardando il Mantegna: La conversazione

One thought on “Un’esplosione non è un temporale, poesie di Luca Ariano”

  1. non so che dire caro Luca, questi testi sono sempre talmente ricchi di fascinazione che sembrano favole. sei bravissimi

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: