Vummarìje, poesie di Sergio Pasquandrea (Puglia)

8_Ernest Lawson, Shadows, Spuyten Duyvil Hill, ca 1910

Vummarìje, poesie di Sergio Pasquandrea (Puglia).

     

     

Sergio Pasquandrea è nato a San Severo (FG) nel 1975. Dai primi anni Novanta vive a Perugia, dove insegna Lettere in un liceo.
SergioPasquandreaNel 2014 è uscita la sua prima silloge, intitolata Approssimazioni (Pietre Vive/iCentoLillo) seguita da Oltre il margine (Fara, 2015) e Un posto per la buona stagione (Qudu, 2016). Nel 2017, è apparsa la seconda edizione, riveduta e ampliata, del suo primo libro, intitolata Approssimazioni e convergenze (Pietre Vive).
Ha inoltre pubblicato due plaquette: Topografia della solitudine (in “Pubblica con noi”, Fara 2010; seconda edizione, in e-book: Pietre Vive, 2017) e Parole agli assenti (in “Contatti”, Smasher 2011). Suoi testi sono stati stati pubblicati in riviste (“Scuola di poesia” de “Lo specchio”, a cura di Maurizio Cucchi; “Gradiva. International Journal of Italian Poetry”), su blog letterari (“Via delle Belle Donne”, “Carte sensibili”, “Poetarum Silva”, “La dimora del tempo sospeso”, “Words Social Forum”) e in varie antologie.
Collabora come giornalista e critico musicale con il bimestrale “Jazzit”; ha scritto anche per i blog “Nazione Indiana”, “La poesia e lo spirito”, “Jazz nel pomeriggio”, “Words Social Forum”, “Artmaker”, “Carte Sensibili”. Ha pubblicato nel 2014 il volume di racconti Volevo essere Bill Evans (Fara) e nel 2015 il saggio Breve storia del pianoforte jazz. Un racconto in bianco e in nero (Arcana Editrice). In preparazione, per EDT, un saggio dedicato al pianista Brad Mehldau.
Nel 2007 ha conseguito un dottorato in Linguistica presso l’Università di Pisa; dal 2007 al 2010 ha lavorato come assegnista di ricerca presso l’Università per Stranieri di Perugia, dal 2010 al 2015 è stato cultore della materia in Sociolinguistica presso l’Università di Perugia.
Gestisce due blog: “Ruminazioni” (http://ruminazioni.blogspot.it) e “Gusci di noce” (http://guscidinoce.wordpress.com).

    

Vummarìje

E ti raggione pure tu nu poche
apedù c’avessa fa
ma ha ditte nende – u uide
iè già nu mùcceche
d’acquasèle u scagliuzze da spartì

i già mo mme na fide
a priezze è scungète tutta quande
ce chièghene i spezzèle.

     

L’avemaria // E hai ragione anche tu un poco / ciascuno si dovrebbe fare / ma hai detto niente – lo vedi / è già un boccone / di acquasale* lo scagliozzo** da spartire // io già adesso non ce la faccio / l’allegria si è tutta guastata / si piegano i malleoli.

    

* Acquasale: piatto contadino, a base di pane biscottato inumidito, condito con sale, olio e
** Scagliozzo: frittella di granturco.

*

Ce vóte e ce rrevóte

Teneve raggióne tatagnóre
so’ sembe i struppiète ca carrèiene i sène
i vòlepe ca fanne sckattà i chène arraiète.
U uì mo ca putèsseme fa
nu poche d’armunìe
iè u mumende ca te scòcchiene i rine.
(Te voie vedè a te a pazzià
c’u musse pe nderre
c’a vocca ndurzète de pène toste).
T’i rrecurde i belli fèmmene ca ièvene
freschianne a dumèneche de Pasque
cu quilli cosse longhe i menne pezzute.
Cum’iè ch’è tutte allascùrete
n’denime ndo ce puluzzà l’occhie
quann’iè ca ce sime fatte ccusì pèseme?

     

Si gira e si rigira // Aveva ragione mio nonno / sono sempre gli storpi che portano i sani / le volpi che fanno schiattare i cani arrabbiati. / Lo vedi adesso che potremmo fare / un po’ di festa / è il momento che ti spezzano la schiena. / (Vorrei vedere te a scherzare / col muso per terra / con la bocca strozzata di pane duro). / Te le ricordi le belle donne che andavano / a godersi il fresco la domenica di Pasqua / con quelle gambe lunghe i seni puntuti. / Come mai è tutto buio / non abbiamo dove pulirci gli occhi / quand’è che siamo diventati così pesanti?

*

Parole parole

Madonna d’u Carmene certi vóte
pare ca te spìane tutte quand’a te
e ndanne ca mmine i vracce pe ll’arie
t’è già rrevate u sanghe nganne.

Certi vóte t’ha rrengemà
parole parole
pe na meza bushìa
na uangia rangechète.

   

Di parola in parola // Santo cielo certe volte / pare che tutti quanti guardino te / e mentre getti le braccia in aria / ti è già arrivato il sangue in gola. // Certe volte devi arrampicarti / di parola in parola / per una mezza bugia / una guancia graffiata.

*

Requia materna

Ndanne sì ca cia truàvene sembe pe nnanze
c’a chèpe de morte c’u faveciune
ciu rrecurdàvene ch’amma chiegà u colle
tal’e quèle accum’i iallucce

u sa u sckande
a sendì a vocca ca ce ndoste
l’arie ca te sciosce jinde pe jinde
a sduacarce accum’e nna checòcce

      

Requiem aeternam // Una volta sì che se la trovavano sempre davanti / con il teschio con il falcione / se lo ricordavano che piegheremo il collo / tale e quale come i pollastri // pensa lo spavento / a sentire la bocca indurirsi / l’aria soffiarti da parte a parte / svuotarsi come una zucca.

*

I cumbagne

ad Antonio Lillo

Mo ce vulèssene i cumbagne
pe ce gemendà
pe straccà a chiazza nzìmmere
pe ce spartì u magnà
e i iastéme
“babbie” “caccavone” “ndelenò”
quelle ca te cògghiene pe ddret’i rine
“fra’ tu si fesse e n’de n’addune”
te fanne dderrezzà l’occhie.

    

I compagni // Adesso ci vorrebbero i compagni / per prendersi in giro / per oziare insieme / per spartirsi il cibo / e le parolacce / “babbeo” “tonto” “coglione” / quelle che ti colgono dietro la schiena / “fratè tu sei fesso e non te ne accorgi” / ti fanno raddrizzare gli occhi.

*

       

Ernest Lawson, "Il fiume Bronx", ca 1910 - in apertura "Ombre", ca 1910, Metropolitan Museum New York
Ernest Lawson, “Il fiume Bronx”, ca 1910 – in apertura “Ombre”, ca 1910, Metropolitan Museum New York

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: