100 mila poeti per il cambiamento di Pina Piccolo

100 thousand poets for change: secondo movimento a Bologna, di Pina Piccolo.

   

   

L’appello a formare un movimento internazionale di poeti che si impegnino simultaneamente a utilizzare la poesia come strumento per cambiare il mondo  (il nocciolo del progetto 100TPC) è partito dalla California nel 2011 ma chiaramente rispondeva ad un’esigenza diffusa. Da Santa Rosa, quella che potrebbe essere definita una ridente cittadina  nella sonnolenta provincia californiana, i poeti  Michael Rothenberg e Terri Carrion sono riusciti a dare forma a tale esigenza ideando gli eventi simultanei 100Thousand Poets for Change che l’anno scorso si sono svolti in oltre 800 città e 125 paesi del mondo. Aderendo a quell’appello, qui a Bologna, l’anno scorso più di 120 poeti hanno “occupato” per la giornata del 29 settembre il centro di Bologna, dividendosi in 14 “locations”. E’ stato un risultato che noi come comitato promotore non ci aspettavamo e che ci ha invogliato a  antologia 100 tpc bocontinuare durante l’anno ad organizzare altre iniziative che associavano la poesia a temi di carattere sociale. E’ sfociato anche nella pubblicazione dell’antologia  che raccoglie i poeti che hanno letto in quell’occasione, a cura di qudulibri, intitolata “100 mila poeti per il cambiamento  Bologna – Primo movimento”.

Quando ci siamo interrogati su come strutturare l’evento quest’anno ci è saltata agli occhi la necessità di  costruire sugli aspetti positivi delle letture dell’anno scorso ma di aggiungere anche dei momenti di approfondimento che si sono così trasformati in una tre giorni, il 27, 28 e 29 settembre, denominata “Secondo Movimento per il cambiamento” a cui hanno aderito al momento più di 120 poeti provenienti anche da altre parti d’Italia e oltre un cinquantina tra poete e associazioni che aderiscono al Progetto Landai, curato dal Gruppo Gimbutas,  le quali reciteranno distici che denunciano la violenza alle donne (i landai sono una forma poetica elaborata in Afghanistan dalle donne per denunciare gli abusi contro i loro e in questo progetto i versi sono stati adattati al contesto italiano).

Il trait-d’union tra le varie fasi è la maratona poetica che inizia il pomeriggio del 27, occupa quasi tutta la giornata del 28 per culminare il pomeriggio del 29. Il 27, dopo l’inaugurazione della maratona al Giardino del Guasto, in collaborazione con varie organizzazioni davanti al bar Senza Nome, vi sarà l’evento La Militanza della Memoria, dedicato alla poesia di resistenza dell’America latina (con interventi dei poeti di origine latino americana residenti i Italia e poeti italiani che sono stati in qualche modo influenzati dalle poetiche o dalle vicende di quei paesi). Verrà quindi proiettato  “Verdades Verdaderas: la vida de Estela de Carlotto” film  biografico su una delle Madres della  Plaza de Mayo in Argentina, figura esemplare anche nel proseguimento della lotta per identificare i nietos, figli dei desaparecidos.  Il 28 il baricentro della giornata si sposta verso la zona universitaria Giardino del Guasto, piazza Verdi bar e locali limitrofi, con “incursioni poetiche” la mattina nei bar e locali, la maratona inizia nel Giardino del Guasto nel primo pomeriggio con poeti e poete che recitano su varie tematiche dalla violenza alle donne, al razzismo e migrazione, la casa nell’accezione simbolica e letterale, e temi liberi attinenti alla necessità di cambiamenti a livello economico, politico sociale e ambientale. Nel corso della giornata due momenti clou saranno dalle 17,30 alle 18: una lettura collettiva in piazza Verdi di oltre 30 poeti in contemporanea che porteranno la poesia a gruppi di persone che forse non la cercavano e poi dalle 18 alle 20 il Progetto landai, curato da 5 associazioni di donne sostenuto da molte associazioni. La maratona proseguirà quindi fino alle 23  per riprendere il 29 alle 15,30 e terminare alle 17, per dare spazio a due eventi di approfondimento che avranno luogo al Teatro del Navile: la presentazione dell’antologia “100 mila poeti per il cambiamento dalle 17,30 alle 19 seguito dall’evento poetico “Noi che ascoltiamo tutto questo partire” letture di poesia di poeti siriani per aiutarci a capire i conflitti che da tre anni imperversano in maniera tanto tragica in quella terra intervallate da canzoni e musica di Luisa Cottifoglio, interventi di storici e giornalisti, e proiezioni di video.

100tpc bo

  

Aderiscono e partecipano al Progetto  Landai, a cura del Gruppo Gimbutas i seguenti gruppi: 

Anassim: Lella di Marco, Alessandra Lazzari, Paola Montanari, Hajiba Radouane,  Liliana RicciArmonie: Sandra Capri, Stefania Ferrini, Sandra Schiassi, percussioni: Manuela  Candini ed altreGruppo Gimbutas: Marinella Borruso, Cinzia Castelluccio, Sandra Federici, Cristina Nuvoli, Alice Raffaelli, Vittoria Ravagli, Gea Rigato, Federica Trenti. Fisarmonica: Gessi SterpinGruppo Donne di Poesia – Modena: Maria Luisa Bompiani, Giovanna Gentilini, Milena Nicolini, Mara Paltrinieri, Maria Chiara Papazzoni, Lisabetta Serra.Gruppo 98: Paola Cimatti, Leila Falà, Serenella Gatti Linares, Loredana Magazzeni, Graziella Poluzzi, Paola Tosi, Alessandra Vignoli,  Vannia Virgili, Anna Zoli.E : Maria Laura Antonellini, Roberta Casadei, Chiara Cretella, Patricia Darrè, Aldina De Stefano, Fernanda Ferraresso,     Anna Lombardo, Mirella Mastronardi, Alba Piolanti,  Marco ribaniAnna Santoro, Giancarlo Sissa, Elio Talon,  Giovanna Zunica.°°Aderiscono:   Cartesensibili,  Casa delle Donne per non subire violenza   di Bologna, “FB – Landays-pagina gestita da Patricia Darrè e Marco Ribani”, Assoc. La ruota del tempo, – Le Voci della Luna –   UDI Bologna – Tavola delle donne sulla violenza e sulla sicurezza della città – Bologna

   

Adesioni poeti e poete alle tre giornate del Secondo Movimento, 100Thousand Poets for Change-Bologna

Anna Agostini, Nadia Agustoni, Anna Albertano,  Loredana Alberti Siniscalchi, Paolo Aldrovandi, Tareq Aljabr, Idriss Amid, Gassid Babilonia, Daniele Barbieri, Hamid Barole Abdu, Omar Baz Radwan,  Livia Bazu, Claudio Bedocchi, Bartolomeo Bellanova, Alberto Bertoni, Vassili Biserov, Bruno Brunini, Alessandro Brusa, Maurizio Brusa,  Giuliano Bugani,  Marcello Camilli,  Alessandra Carnaroli,  Chiara Catapano,  Nadia Cavalera, Clery Celeste, Murat Cinar, Marcella Colaci, Claudio Comandini, Gianfranco Corona, Traci Currie,  Asmae Dachan, Benedetta Davalli,  Francesca Del Moro, Lella de Marchi, Serena Dibiase, Aliou Diop, Patrizia Dughero, Leila Falà, Alma Fantin,  Milton Fernandez, Fernanda Ferraresso, Davide Ferrari, Caterina Franchetta, Paolo Gagliardi,  Daniel Gahnertz, Andrea Garbin,  Serenella Gatti Linares, Giovanna Gentilini, Fabia Ghenzovich, Gabriella Gianfelici, Maria Angela Gottardi Rossi,  Michele Gruzza, Nicolò Gugliuzza, Lance Henson, Sonia Lambertini, Loredana Magazzeni, Mohamed Malih, Lorenzo Mari, Antar Mohamed Marincola, Marina Mazzolani, Mario Meléndez Munoz,  Riccardo Melotti, Gigliola Mingozzi, Daniela Montanari,  Julio Monteiro Martins,  Ivano Mugnaini,  Mirco Mungari,  Alessandra Selene Nardella, Khaled Soliman Al Nassiry, Rutagengwa Felix Ndayitabi,  Giuseppe Nibali, Jacopo Ninni, Silvia Parma, Stefania Paron, Pina Piccolo, Barbara Pinchi, Eleonora Pinzuti, Poetainazione,  Paul Polansky, Marinella Polidori, Grazia Poluzzi,  Paolo Polvani, Brenda Porster,  Patricia Quezada, Valeria Raimondi,  Ugo Rapezzi,  Vittoria Ravagli, Rossella Renzi, Marco Ribani, Roberto Righi, Francisca Rojas,  Maria Candelaria Romero, Michael Rothenberg, Sergio Rotino, Enea Roversi,  Meth Sambiase, Mirella Santamato, Anna Santoro,  Mary Saracino, Francesco Sassetto, Katia Sassoni, Domenico Segna, Valeria Serofilli, Francesca Serragnoli,  Lucy Simonato, Roberta Sireno, Giancarlo Sissa, Elio Talon, Antonella Taravella Guarino, Pierluigi Tedeschi, Andrea Trombini, Adam Vaccaro, Emanuele Valentini, Walter Valeri, Maria Luisa Vezzali,  Ed Warner, Vittorio Zanella, Simone Zanin, Matteo Zattoni,  Claudia Zironi, Michele Zizzari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: