7 POETI DEL CENTRO: ANNA ELISA DE GREGORIO (MARCHE)

7 POETI DEL CENTRO: ANNA ELISA DE GREGORIO (MARCHE), con introduzione a cura di Manuel Cohen.

    

    

Anna Elisa De Gregorio, dopo due volumi in lingua accolti favorevolmente dalla critica e premiati in numerose manifestazioni, si misura con il dialetto. La parlata è l’anconetano, dovremmo dirlo agontano, ma si tratta di un dialetto la cui contiguità con l’italiano ne mette continuamente a repentaglio la sopravvivenza. Nel caso specifico dell’autrice, poi, occorre rilevare come non si tratti di un recupero di lingua ‘madre’, ma situandosi nei terreni e nei tempi della propria formazione, tra infanzia e adolescenza, questa parlata sarà da intendersi come acquisita: frutto di un cambio di residenza. Una lingua dunque, in qualche modo meticcia e, sia pure, ‘paterna’, se con tale aggettivo riferiamo di un significato attribuitogli da Pasolini, e parimenti spuria, che accoglie l’oralità e innesta allotrie (come l’iPod). Una lingua dunque acquisita, e pure una lingua di formazione. Corde de tempo, altro non è che l’attestazione di tale linea paterna, potremmo anche dirla maschile, del dialetto adottato, ed è, di fatto, una sorta di Bildungsroman: rivisitando case dismesse e disabitate, ritessendo una fitta intramatura di rapporti parentelari e amicali (con inserti dialogizzati che portano freschezza di oralità a una scrittura per altro sorvegliata), sovrapponendo piani di realtà a piani di visione (come in Aquì se parla di angiuli). Nel libro non infrequente il ricorso a modularità di tradizione, specie alla quartina, con l’orecchio attento alle sonorità care a Scataglini, una levigatezza che ricorda il Marin adriatico, e la modernità dolente e luttuosa dell’anconetano Scarabicchi. Un’aria cantabile, avvitata a strofe e versi ipometri, da nenia propria dell’infanzia e del recupero o riannodo di fili di memoria. Ciò nonostante, e al contempo, la riflessione dell’autrice investe le corde di ogni tempo, non solo passato, ma anche presente: la lettura che ne segue è una continua ri-flessione sulla vita e sull’essere ancora umano. M.C.

Anna Elisa De Gregorio è nata a Siena da genitori campani. Abita ad Ancona dal 1959 dove lavora presso una agenzia di marketing.
Ha pubblicato nel 2010 il suo primo libro di poesie Le Rondini di Manet per i tipi di Polistampa di Firenze, prefazione di Alessandro Fo (Premio  Pisa 2010 opera prima; Premio Contini Bonacossi 2011 opera prima). Nel 2012 ha pubblicato il suo secondo libro Dopo tanto esilio per i tipi di Raffaelli Editore di Rimini, prefazione di Davide Rondoni (nella cinquina finalista del premio Gradiva, New York 2013; primo premio Borgo di Alberona 2014). Nel 2013 ha pubblicato con il DARS di Udine, una plaquette di poesie dal titolo Corde de tempo in dialetto anconitano.

*

Le bole de la schiuma      

Ubligata ogni sera,
puntata nte ’na segiula,
strufignava svujata
i piati nte l’acquaio
de granija sbreciata.
co’ la parnanza streta
a la vita smiciava
gèrbi i deti de fiola
cumpagni a saraghine
scumparì nte la schiuma.
La scudela ’na barca
salvata da ’n naufragio
e ’n’altra volta ’fogata,
a la fine risorta
a rimessa ntel porto.
Vulava dal catì
le bole de la schiuma,
spechiava la finestra
de cucina e muriva
de gnente, ogni sera.

*

Le bolle di schiuma

Obbligata ogni sera,/ in piedi su una sedia,/ strofinava svogliata/ stoviglie nell’acquaio/ di graniglia sbrecciata.// Con i fianchi abbracciati/ dal grembiale, fissava/ acerbe le sue dita/ alici appena nate/ in schiuma scomparire.// La scodella una barca/ salvata da un naufragio/ e poi ancora sommersa/ alla fine risorta/ in rimessa nel porto.// Volava dal catino/ una bolla di schiuma,/ specchiando la finestra/ di cucina e moriva/ di niente, ogni sera.

***

’N albero d’ulivo          

udore amaro
de l’ulivo, dulceza
d’ojo e de tera. 

Passato ’l cancelo me fermo cunfusa,
ché nun so da che parte ho da girà:
’na volta i morti se meteva soto tera,
che so io ntei campusanti nun c’era
le strade, le sezioni, le scale longhe
de fero pe’ rivà su pî furneti alti.
Te pugiavi lì, cost’a la tomba,
a genochioni, se l’ pudevi fà,
la futografia  a purtata d’ochi,
pasavi dó parole cun Qûlaltro
e la tera purtava l’imbasciata,
arcojeva su ’n po’ de lagrime,
inzoma, era ’n trapassà più umano.
A ’n amico mio, j ani è pasati, tanti,
sopro la tomba j cià meso ’n ulivo,
dó rami in croce alora, adè ’n albero,
guasi che s’ene sgambiati destino.
Vedi le foje che se move piano,
il culore de loro mudesto, ’mpulverato,
e senti la dulceza de qûl’ omo,
’n po’ d’amaro te ’l porta l’aria,
vòi crede verità che tuto resta
vivo de ’na sustanza che nun gambia
al fondo, e, nun pare, ma te cunzoli tanto.

*

Un albero d’olivo

odore amaro/ dell’olivo, dolcezza/ d’olio e di terra. 

Passato il cancello mi fermo confusa/ perché non so da che parte devo girare:/ una volta i morti si mettevano sotto terra,/ che io sappia, nei cimiteri non c’erano/ le strade, le sezioni, le scale lunghe/ di ferro per arrivare ai loculi alti./ Ti appoggiavi lì, vicino alla tomba,/ in ginocchio, sepotevi, La fotografia all’altezza degli occhi, Facevi due parole con Dio/ e la terra portava l’ambasciata,/ raccoglieva un po’ di lacrime,/ insomma era un morire più umano./ A un mio amico,  sono passati tanti anni,/ hanno messo sulla tomba un olivo,/ due rami in croce, allora, adesso un albero,/si sono quasi scambiati destino./ Vedi le foglie che si muovono piano,/ il loro colore modesto, impolverato,/ e senti la dolcezza di quell’uomo,/ un po’ di amaro te lo porta l’aria,/ vuoi credere che tutto resta/ vivo di una sostanza che non cambia/ al fondo, e, non pare, ma ti consoli tanto.

***

Cantigo de Zacaria  (Benedictus)                                  

Ce l’ha chiaro ’l prufeta Zacaria,
el serafì da le sfere alte
j ha parlato senza lascià ’n dubio:
Tu’  moje ’Lisabeta farà ’n fiolo.
Te hai solo da dì grazie Signore,
nun devi fa gnente, e cusci sia.

Lu’ sta a sentì ‘nghiandito e resta muto:
co’ l’ureola d’oro ’ntorno ala testa
guarda ’Lisabeta vechia bacùca,
alza la mà santa soto ’l mantelo
cuscì come vulesse fermà ’l tempo,
ma tut’è già fato, già cumpiuto.

Per mesi nove medita e nun parla:
Semo nati ospiti al mondo-se cunzóla-
in obedienza nun s’ha da capì tuto.
E, al paro col fiolo, j nasce ’n canto
ntel core de letizie celestiali:
Benedictus, benedictus, Signore.

L’illuminazió scende come ’n ràgio
per chi crede, e Zacaria tuto cumprende:
l’hane scelto lassù pe’ fà da padre
a Giuvà, che de Gesù è prufeta.
Per certi verzi ’sta storia fa penzà
a Giusepe, ’l falegname manzueto,
aréso a ’n destì ch’ha gambiato ’l mondo.

*

Cantico di Zaccaria (Benedictus)

Per il profeta Zaccaria è chiaro,/ il serafino dalle alte sfere/ gli ha parlato senza lasciare dubbi:/Tua moglie Elisabetta avrà un figlio./ Tu devi solo dire grazie al Signore,/non devi fare nulla, e così sia.// Lui ascolta sbigottito e resta muto:/ con l’aureola d’oro in testa/ guarda Elisabetta in là con gli anni,/ alza la santa mano sotto il mantello/ quasi volesse fermare il tempo,/ ma tutto è già fatto, già compiuto.// Per nove mesi medita e non parla:/ Siamo nati ospiti al mondo-si consola-/ non si deve in obbedienza tutto comprendere./ E, insieme con il figlio, gli nasce un canto/ in cuore di celestiali delizie:/ Benedictus, benedictus, Signore.// L’illuminazione scende come un raggio/ per chi crede, e Zaccaria tutto comprende:/ lassù l’hanno scelto per fare da padre/ a Giovanni, che è profeta di Gesù./ Per certi versi questa storia fa pensare/ a Giuseppe, il falegname mansueto, arreso/ a un destino che ha cambiato il mondo.

***

Aquì se parla de angiuli          

Pòle sta’ nte ’na mà:
ntel sguardo suo velato
sapienza d’ogni cosa.
È ’n fjolo apena nato.

Ma adè l’angiulo passa
sopro ’l mènto co’ ’n déto:
j leva ogni memoria,
lasciando ’na fusséta.

De gnente lu se ’corge
e ’l mondo ’ndó è cascato
coj ochi d’omo arvede
ch’apare tuto nòvo.

’Nte la schina qùi bozzi
ricordo de dó lale
vechie: ’ncora traluce
distanza da ’ndo’ ’riva.

*

Qui si parla di angeli

Può stare in una mano:/ nei suoi occhi velati/ sapienza di ogni cosa./ È un bambino appena nato.// Ma adesso l’angelo passa/ con un dito sul mento:/ gli toglie ogni memoria,/ lasciando una fossetta.// Non s’accorge di nulla/ e il mondo dove è caduto/ se lo guarda con occhi d’uomo/ e tutto appare nuovo.// Quei nodi sulla schiena/ sono ricordo di due ali/ antiche: ancora traspare/ il lontano da dove arriva.

***

La rosa de Natale       

Donne vicine:
sentisse ’n pien’inverno
cumpagne a rose.

C’incuntramo niantre amighe
Ulivia, Marina e io
sbigiulite al risturante,
la vigija de Natale,
quand’ariva ’n fiolo indiano:
entra co’ ’n mazo de rose,
mentre che sta a servì ’l desèrt:
No, grazie, nu le vulemo.
Costa un euro, solo un euro!
Sa’ cum’è qu’j ochi de loro,
fondi solo de tristeza…
Ne prendo tre, glie fa Ulivia,
una pr’ugnuna de nó.
Queste nu’ riva a dumani,
ce dice po’ a meza boca.
La rosa mia ’tun vaseto,
sopro ’l cumò cost’ al leto,
la matina s’è ’n po’ operta
e ’n po’ de più ’l giorno dòpo.
Guardo qûl culore rosa
che sa ’l tempo sbianchisce
e ’n penziéro se cumpone
fra mezo ’l zogno e la veja:
vole parlà de beleza,
co’ ’l zilenzio suo, la rosa.

*

La rosa di Natale

Donne vicine:/ sentirsi in pieno inverno/ come rose.

Ci incontriamo noi amiche/Olivia, Marina e io/ infreddolite al ristorante,/ la vigilia di Natale,/ quando arriva un ragazzo indiano:/ entra con un mazzo di rose,/ mentre stanno servendo il dessert:/ No, grazie, non le vogliamo. Costa un euro, solo un euro!/ Sai come sono i loro occhi,/ profondi solo di tristezza…/ Ne prendo tre, gli dice Olivia,/ una per ciascuna di noi./ Queste non arrivano a domani,/ ci dice sottovoce dopo./ La mia rosa in un vasetto, sopra il comò, accanto al letto,/ la mattina si è un po’ aperta/ e un po’ di più il giorno dopo./ Guardo quel colore rosa/ che con il tempo si scolora/ e si forma un pensiero/ fra il sonno e la veglia:/ ci racconta la bellezza/ la rosa con il suo silenzio.

***

L’udore de le ombre          

C’è ’na casa rimasa vòta
ndó la luce
c’entra solo pe’ sbajo,
che mantiéne sustanza
de fumo su pî muri
de cucina
e te sei sciguro
d’oprì la porta
e de truvà
el stesso udore de jeri,
e ’ncora il zegno
sbianchito de la cristaliera.

’Na matina ’nvece
trovi i muratori
che carégiane i sechi,
l’ombra de te
ch’eri fjola fugita
(da per loro i ricordi
ndo’ se tàca?),
co’ le scarpe
sopro j assi de legno
e l’umido
de la calcina nòva
che scancela tuto.

*

L’odore delle ombre

C’è una casa rimasta vuota/ dove la luce/ entra solo per poche ore,/ che conserva sostanza/ di fumo sui muri/ di cucina/ e tu sei sicuro/ di aprire la porta e di trovare/ lo stesso odore di ieri,/ e anche il segno/ chiaro lasciato dalla cristalliera.// Una mattina invece/ trovi i muratori/ che portano i secchi,/ l’ombra di te/ bambina scappata via/ (da soli i ricordi/ dove si aggrappano?),/ con le scarpe/ sulle assi di legno/ e l’umido/ della calcina nuova/ che cancella tutto.

***

Corde de tempo            

a P. P.

Co’ le muléte e ’l catì
di pagni,
principio a stende’ ntei fili
del bagno.
E da ’ste corde
cuscì casalinghe
se smove ’n tarlo
drento a rosigà:

ciane più longa vita
i fili  pî pagni
de chi l’ha streti
ai paleti ntel bagno.
Storia de ’n amigo
co’ le mà d’oro.
El nome? Belo, bulo
e bono ’n casì.

Cuscì pe’ ride’
el chiamàmi tuti,
el primo a ’ndà via
’n po’ tropo de fuga…
E pr ultime a sfinisse
sarà le corde.
Lì ’n mezo, sfugita,
resta ’st’idea.

*

Corde di tempo

Con le mollette e il catino/ dei panni,/ comincio a stendere sui fili/ del bagno./ E da queste corde/ così casalinghe/ si agita un tarlo/ che mi rosicchia dentro:// hanno vita più lunga/ i fili per stendere/ di chi li ha stretti/ ai paletti nel bagno.// Storia di un amico/ con le mani d’oro./ Il nome? Bello, bullo/ e bono un casino.// Così per scherzo/ lo chiamavamo tutti,/ il primo ad andarsene/ un po’ troppo in fretta…/ E per ultime a consumarsi/ saranno le corde./ Lì in mezzo, sfuggito,/ resta questo pensiero.

             

Matera, Italia
Matera, Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: