Alza la testa uomo di Roberto Maggiani

Alza la testa uomo (gay) di Roberto Maggiani

_DSC6995Roberto Maggiani è nato a Carrara nel 1968. Laureato in Fisica all’Università di Pisa, vive a Roma, dove insegna. Ha fondato, insieme a Giuliano Brenna, il sito di poesia, narrativa e recensioni LaRecherche.it, è Presidente dell’omonima associazione culturale e cura la collana di eBook Libri liberi (www.ebook-larecherche.it).
È autore delle seguenti raccolte poetiche edite: Sì dopo sì, Edizioni Gazebo, 1998; Forme e informe, Edizioni Gazebo, 2000; L’indicibile, Fermenti Editrice, 2006; Cielo indiviso, Manni Editori, 2008; Angeli in volo, Edizioni L’Arca Felice, 2010; Scienza aleatoria, LietoColle, 2010; L’ombra di Creso, LaRecherche.it 2010; Navigazioni incerte, LaRecherche.it, 2011, Nella frequenza del giallo, LaRecherche.it, 2012. Suoi testi e traduzioni di poesie dal portoghese sono pubblicati su varie riviste letterarie. Ha curato le antologie: Quanti di poesia, per le Edizioni L’Arca Felice; Conversazioni con Proust, Le vie di Marcel Proust, Poetica unità d’Italia, per LaRecherche.it. Ha pubblicato, con CFR Edizioni, il saggio breve Poesia e scienza, una relazione necessaria?
Per contatti: roberto.maggiani@larecherche.it; Sul web: www.robertomaggiani.it.

Brazil Gay Parade


Alza la testa uomo

Alza la testa uomo (gay)

tu esisti – ne hai diritto –

dalla Russia all’Uganda e passando dalla cattolica Roma

troveremo il modo di liberarti di loro

della loro bestemmia

perché sei un uomo

e non è questione di essere o non essere gay

ma è questione d’amore

qualcosa di cui non si può fare a meno

che non si controlla

e per esso non si teme neppure la morte

dalla Russia all’Uganda

passando dalla cattolica Roma

uomo (gay) sarai libero

di essere ciò che sei: uomo.


640px-Coppia_al_Gay_Pride_di_Milano_2008_1_-_Foto_Giovanni_Dall'Orto,_7-June-2008

One thought on “Alza la testa uomo di Roberto Maggiani”

  1. E’ proprio di questa inculturazione della realtà umanissima dell’amore che hanno bisogno le ipocrite gerarchie di malpensanti abbarbicati ai loro pseudovalori, c’è ancora moltissimo lavoro da fare, a livello giuridico e sociale, c’è un mare di disinformazione e di intolleranza. C’è davvero bisogno di un civile limpido risveglio dai miasmi di pregiudizi e barricate che sono solo sovrastrutture del pensiero. E per fortuna che certa poesia, come questa in commento, serve proprio a questo, se Dio vuole son finiti i tempi del ‘poeta rabdomante fra le nuvole’ dove forse, fra l’altro, non ha mai pescato nulla.

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: