Brindisi, editoriale di Emanuela Rambaldi

Brindisi, editoriale di Emanuela Rambaldi.

   

   

Useremo le parole per blandirci, una forma antica di consolazione. Compiremo gesti scaramantici  e alla fine troveremo un modo per dimenticarci.
Fingeremo che il tempo possa esser sezionato e che ieri possa essere per sempre separato dal domani.
Spenderemo sorrisi, l’ultima sera dell’ultimo giorno, perché la sola felicità concessa sarà quella dell’attesa.

Qualcuno forse dirà che il nuovo non esiste, così come il tempo e forse tutte le nostre vite. Qualcuno dirà che si tratta di categorie illusorie, simulacri ai quali ci aggrappiamo, per inventarci – oltre la fine delle cose – un loro inizio.
Ma noi brinderemo alla salute di tutti gli anni che stanno arrivando, quelli che tra un anno passeranno, alle nuove onde e a tutti i movimentos nuevos che ci tengono alta la vita e faremo il conto di tutte le canzoni che conosciamo e che contengono un invito al futuro.

“Quella vita ch’è una cosa bella, – diceva il passeggero al venditore di almanacchi – non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura”.

Versante Ripido compie due anni.
È un bel pensiero.

Auguri a tutti voi. E grazie.

                         

Fanny Ardant in Vivement dimanche! di François Truffaut
Fanny Ardant in Vivement dimanche! di François Truffaut

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le uscite della fanzine sono al momento sospese
 
Le uscite della fanzine sono al momento sospese.
Qui potete comunque trovare nell'archivio on line tutti i numeri realizzati nei 7 anni di attività. Ora siamo attivi nel nuovo blog di Versante ripido. Seguiteci.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: