Rubrica Cultura e Società. Versi di Vincenzo Mastropirro

Cultura e Società. Versi di Vincenzo Mastropirro.

                             

          

Prima semmone du dumile e dudece

Inde a chèssa semmone
u more è scettote sope a la spiagge
murte, murte e murte
anze, pore ca stè ‘ngazzote
proprje pe’ cusse fatte.

L’umene muorene, cu nu-nudde
u more è granne e auande tutte
po’, quanne se stanghe de stù sckèife
accummènze a scquetò cadavere sènza piètò.

La gìénde sope alla spiagge è assè
la curiosetò altrettante, fegurete…
ma èje dà, a disce la veretò
nan vaide tanda vèive, anze
assalute murte ca caminene.

*

Prima settimana del duemiladodici

In questa settimana/ il mare ha gettato sulla spiaggia/ morti, morti e morti/ anzi, pare che sia incazzato/ proprio per questo fatto.// Gli uomini muoiono, in un niente/ e il mare è grande e accoglie tutti/ poi quando si stanca di questo schifo/ comincia a sputare cadaveri senza pietà.// La gente sulla spiaggia è tanta/ la curiosità altrettanta, figuriamoci…/ ma io lì, a dire il vero/ non vedo molti vivi, anzi/ solo morti che camminano.

tn_darger henry 4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: