Dopo hobart il nulla, inediti di Marco Corsi

Dopo hobart il nulla, inediti di Marco Corsi.

    

   

Marco Corsi ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in italianistica presso l’Università di Firenze nell’aprile 2013 e attualmente lavora nell’editoria. Ha pubblicato saggi dedicati a diversi poeti italiani contemporanei e una monografia sull’opera di Biancamaria Frabotta, I nodi violati del verso (Archetipo Libri, 2010). Suoi versi sono apparsi su: «Poeti e Poesia», «Semicerchio», «La casa dei doganieri», «L’area di Broca», e più recentemente «Nuovi Argomenti» (n. 64, 2013) e “Quadernario. Almanacco di poesia”, a cura di Maurizio Cucchi, Lietocolle, Faloppio 2013. La sua ultima silloge, Da un uomo a un altro uomo, è stata pubblicata in Poesia contemporanea. Dodicesimo quaderno italiano (Marcos y Marcos 2015), a cura di Franco Buffoni, con una nota di Niccolò Scaffai. Nel 2015 ha vinto il primo premio “Cetonaverde poesia – sezione giovani”.

*

ex vuol dire estinto permutato
in fieno, scheletrito:
facendo attrito le ossa stridono
sui monti, dentro la fossa
o piccolo bozzo di farfalla, di vanesse
di ombre che portano la morte.

*

nessun simile se non nel mirmecobio
in cima alla colonna alfa nessuno
che ti sbrani o brami sopra l’uomo
nel contare attento le tue ore
tra i diavoli della tasmania
a rifugio a tormento a dilazione.

*

dai tempi primitivi del miocene
dal divino nulla del presente
tra i fossili la culla e milioni d’anni
per rendere più grande della specie
la misura della taglia, il tacito verdetto:
il segreto di lupo marsupiale.

*

per lo screzio della schiena la tua voce
è un gene che si perde nel rizoma
delle piante, dentro i rami
e convolvoli e persino nel carbone
come fauci buone per il pasto
a contrasto fra gemiti di ottone.

*

nella borsa piena e scorta
per i giorni vaghi del digiuno
in un corpo che si espande:
l’unica tecnica di assalto
era quella, se portava a sfinimento
e poi brani caldi delle carni.

*

in australia ti vinsero col dingo
da mille anni o sono solamente
i fasti di un primissimo olocene
le tasse del governo locale, le forche
caudine, se tu benjamin morivi
nel 1936 ad hobart nello zoo
ed era sola e filmata la tua sorte.

        

* Benjamin è il nome dell’ultimo tylacino – animale noto come lupo marsupiale – vissuto in cattività dopo la cattura per mano di tale Elias Churchill, nel 1933.

                        

43__dsc3444

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: