Fornelli poetici, la rubrica di cucina di Daniele Barbieri

Fornelli poetici, la rubrica di cucina di Daniele Barbieri.

                     

   

In questo numero il nostro chef / poeta Barbieri ci descrive l’ideale fine pranzo.

                   

Dopopranzo
vi sono sapori complicati e aperti
come questo respiro di caffè
incantevolmente amaro
memore di cacao
che mi inonda il naso e
il gusto d’incomprensibile
istantanea e fugace
passione d’avventura

è il mondo dentro
in un attimo

***

Whisky (16 anni)
pervaso di torba, le mie narici
in un fremito duro, minerale, pungente ,
muovo la lingua
in un bruciore eccitante, lungo,
elettrico quasi, e appoggio
il bicchiere inspirando, allargando
il torace in questa
frescura eccessiva in questo
calore stordente
in questo torrente di vita
presente, forte, gigante

***

Liquore

un mistero sinestesico è il legame
tra il profumo vegetale
e torrenziale e fresco e dolce
del limoncello – un golfo
d’ombra
estiva tra fragranze
quasi più intuite che reali –
e la calda avvolgenza
del sesso, che trionfa
e si fa grande e dolce nell’aroma
liquido del tuo grembo

Piet_Mondrian mondrian-composition-noxvi-arbres_l

One thought on “Fornelli poetici, la rubrica di cucina di Daniele Barbieri”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: