I nostri anni bisestili, poesie di Luca Cerretti

I nostri anni bisestili, poesie di Luca Cerretti.

   

   

Filo spinato

Ho fatto resistenza persino all’aerodinamica,
e non è tardata la tua replica,
togliere il mio filo (spinato) di voce
dall’enciclopedia britannica.
Dovrei chiedere un rilascio
o riesumare un punto temporale
dove ti sollevi ancora sui tacchi
per smuovermi la bocca.
Rimani pure in animazione sospesa
e non scomodarti a farmi visita.

   

(da Alcuni tentativi di Ipnosi, edito da Marco Saya Editore, 2013)

*** 

La perfetta stagione non corrisposta

Non devo canonizzare la tua estetica,
ne ho abbastanza di qualsiasi analisi semantica,
sarai la mia unica concessione erotica
nei giorni di depressione mistica.

   
(da Alcuni tentativi di Ipnosi, edito da Marco Saya Editore, 2013)

*** 

I nostri anni bisestili

Allora me ne andrò…-
– E faresti questo per me?-

Ti ho già visto in diretta,
non mi serve una replica
(evita la scusa della depressione clinica).
– Non credevo fossi capace di tanto…-
Potrei dire lo stesso di te,
(e poi non eri esattamente nubile).
Mi trovi moralmente discutibile?
Ne abbiamo già discusso per un anno,
ed era pure bisestile…-

***

Luca Cerretti nasce nel 1978 (quattro giorni dopo la messa in onda di Goldrake) e cresce (più o meno) in una necropoli provinciale da cui fugge per manifesta incapacità di adattarsi al microclima.
Sbarca a Bologna nel 1998 e frequenta il Dams Cinema dove riesce a laurearsi con una tesi sulla paranoia nel cinema americano contemporaneo (recentemente è stata aperta un’inchiesta per capire come abbia fatto a farla franca).

Nel 2013 pubblica per Marco Saya Editore la raccolta di versetti (purtroppo neanche satanici) dal titolo Alcuni tentativi di ipnosi (anche in questo caso la magistratura sta indagando a fondo per scoprire cosa ci sia in realtà sotto questa oscura vicenda).
Purtroppo per i suoi lettori sta lavorando ad una nuova raccolta che se tutto andrà bene uscirà postuma.

La sua unica aspirazione è quella di essere dimenticato non solo dalla sue ex muse da compagnia, ma anche da se stesso.
Nel tempo libero cerca ancora di costruire una macchina del tempo ecologica.

youn frankenstein ORIZZ

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: