Il Dario, poesie di Luca Ariano

Il Dario, poesie di Luca Ariano.

  

   

Luca Ariano ci introduce il protagonista delle sue poesie amaramente ironiche:

Il Dario è uno dei personaggi secondari o comunque minori del romanzo in versi che sto scrivendo da anni. Compare per la prima volta ne I Resistenti scritto con Carmine De Falco e sarà presente anche nei prossimi capitoli. Personaggio ossessionato dal sesso, fanfarone, ciarlatano, rappresenta un carattere tipo, forse un italiano medio? Chissà… L.A.

***

 

L’Emilio ritorna a casa,
in una stanza troppo piccola
per i suoi anni, coi capelli inargentati
pensa all’amore finito come un film
mal sceneggiato… una canzone stonata
nelle ultime note:
corre nella lèa verso il camposanto,
come per seppellire vecchie stagioni.
Dario ossessionato dal sesso,
finito il lavoro scappa dall’amante:
«Minchia che beddra picciotta
Ha sempre votato comunista – fin da ragazzo –
il partito gli ha trovato anche un lavoro
ma ai seggi ormai non va più.
A Teresa manca il sapore di rami fioriti,
come un nuovo giorno;
davanti a un’antica cattedrale profumo d’aranci
svanito in una pedalata primaverile.

***

Cammini per chilometri Teresa
affondando i piedi nella sabbia…
ai primi tepori… da lasciare
il viso arrossato.
Quante sono quelle case?
Sono state occupate d’estate?
Rimangono feticci di epoche,
ma dormiresti in riva al mare
in una notte di fuochi confusi
con le stelle.
Dario – finì de laorà
si ferma da quèlla negra
mentre la moglie pulisce le scale.
Ascolta di ragazzini assassini
per gioco: a chi fa più punti
il portafogli di quel pensionato
strangolato in un campo
di ciliegi in fiore.

***

Dario vestito a festa:
tuta, mocassini, tanticchia di profumo,
in quel puti club
pare un articul dell’Andrea –
pagherà a peso d’oro…
Tornato millanterà con amici, colleghi…
strepitose conquiste.
Professor Emilio in quelle strade
proprio non ti trovi:
non conosci nessuno e pensi
che mai più t’innamorerai…
Teresa quanto amasti le barche
in attracco la mattina:
non sai che forse quella che scruti
è carica di cocaina.
In una così è arrivato Dejan
che prepara piadine di notte
guardando vecchi film con Bud Spencer
quando sognava un paese da favola.

tn_tramp-tramp-tramp-26-01-g harry langdon QUADR

One thought on “Il Dario, poesie di Luca Ariano”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: