Landai, rubrica di Marco Ribani: Filomena Canu

Landai, rubrica di Marco Ribani: Filomena Canu.

                    

                       

Continua il ciclo dedicato a poeti e poete che hanno fatto del Landay una forma di espressione di alto livello. In questo numero ospitiamo i landais di Filomena Canu. Filomena ci parla di sè:

Sono nata in un’isola di silenzio nel 1954 e qui vivo. Nella mia Sardegna.
Ho studiato Scienze Politiche ed ho ottenuto vari masters inerenti il mio lavoro nel campo del turismo. Quindi una vita spesa a confezionare sogni, viaggi e avventure.Incontro la poesia a 6 anni sulle ginocchia di mio nonno. Lui mi recita “A Silvia” e io rimango affascinata dalle parole. Così, timidamente, scrivo i miei primi versi, tutti gelosamente nascosti in un cassetto, in attesa che maturino in poesia.
Non ho pubblicazioni da elencare, né premi da esibire. Semplicemente : Leggo, scrivo, dipingo.
Mi sono avvicinata ai “Landays” perchè credo vi sia una profonda ingiustizia verso le donne, ed è quindi necessario lottare per una effettiva parità. Quelli che seguono sono una scelta fra quelli che ho composto.

***

Mi covo dentro una speranza
Seme di donna in un isola di poesia

*

Era il tempo dei boccioli
padre
Prima che mi aprissi rosa mi hai recisa

*

Mi dice il cuore ..vai ora
In questa vita hai fiori da innaffiare

*

Al nero che abbaia la notte ,
Sappilo io all’alba ricresco più forte

*

Sii pronto all’ alba che si apre
Sentirai della donna tuonare la rabbia

*

Avrai gli occhi di domani figlio
Ti allatterò con il lievito della pace

*

L inferno semina ferite
Ma Volerai ancora , perché avrò cura di te

*

Accoglimi madre non farmi sola ,
Nega il consenso a scipparmi la vita

*

La pioggia che buca dal cielo
apre il coraggio ad esistere ..nonostante

*

Qui fra le macerie aspetto padre
Vola fino a Dio e parlane con lui

*

Ti sarò madre fratello mio
Io che appena sfogliavo degli anni la rosa

*

Chiudi gli occhi non guardare
Nere ombre ubriache sparano dal cielo

*

Cosa guardi e vedi figlia?
Nel battere d’ali il futuro madre mia

*

Spiegherò le ali del sapere
a voi giu’ che non sapete , rimando la pietra

*

Rimani lievito madre mia
Io vado lassu a dire ,quello che di noi non sanno

*

di questa striscia sono una donna
scolpito porto lo strazio dei figli alla vita rubati

*

scrivo da lontano madre mia
sono il nome rotto che non sai piu’ dire

*

Guarda i miei occhi padre
Tu conosci la mano che mi estirperà

*

Non mi cancelli con una pietra
Rosso e’ il sangue che disseta la speranza

*

E’ lunga di doglie la notte
Io tuono disprezzo al vecchio che offende

*

Se lui già mi ha venduta
Ti chiedo madre non partorirmi

tn_appel-KAREL

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: