Mondo in versi: the poetry journalism, rubrica di Benny Nonasky

Mondo in versi: the poetry journalism, rubrica di Benny Nonasky.

       

La Storia umana è racchiudibile in pochi passaggi, brevi momenti o gesti di comando, “ciclica” come afferma Kundera, kafkiana, intrisa di dicotomie e disfunzioni biologiche, ricordi in lapide e feti in ostaggio di un peccato primordiale e perpetuato in un costante crescendo, dove “l’Assurdità regna e l’Amore perde” come scriveva Camus. […]

In questa rubrica parlo della Storia umana. Lo faccio con il verbo della poesia, il linguaggio che più mi appartiene e più mi soddisfa. Sarà una poesia di fatti, surreale, ironica, drammatica. Come il mondo. Dove l’amore è il racconto dell’odio, di quello che non si vuol vedere, dove l’estetica e la parola sono impegno e denuncia.

   

grozny-russia-02

   

Diverso tempo fa ho scritto una poesia dedicata alla giornalista Anna Politkovskaja (“Cecenia”, libro Imàgenes Trasmundo per Albeggi Edizioni), uccisa nel 2006 per le sue profonde inchieste e denunce contro Putin e il suo autoritarismo.

Quella poesia era il resoconto e il riassunto di un suo libro-reportage sulla guerra che da anni la Russia combatteva contro la Cecenia (uscito in Italia nel 2003 per Fandango Editore). E’ uno straziante e potente corollario di violenze, falsità e prepotenze perpetuate dai russi sui civili ceceni.

Quella mia poesia è stata voluta per rendere omaggio ad una grande donna e alle voci da lei rese immortali e glorificate. Un’altra denuncia, questa volta in versi.

La poesia che vi propongo oggi è il “sequel” di “Cecenia”, e va ad “indagare” la nuova realtà e ciò che resta di quella antecedente, il post conflitto e le sue conseguenze.

Grozny è la capitale della Cecenia. Fu rasa al suolo due volte e per due volte fu ricostruita e resa un’illusione. Un’illusione perché le belle luci e i fantastici palazzi e piazzette sono solo una maschera per nascondere la delinquenza e la povertà – povertà di un popolo sottomesso da un governo filorusso e da decenni di bombe, estremisti, religione soffocante, Europa menefreghista.

Ad Anna.

.Grozny è figa.

    

Grozny si impone il futuro.
“Dobbiamo guardare avanti.”, spiega il
direttore del Museo della Storia cecena.


Kadyrov, Senior & Junior; Corso Putin.


”Padre, Figlio e Spirito Santo.”, afferma
il popolo triturato da attentati politicamente corretti.
“La nostra trinità.”


*


Grozny è figa.
Mastodontici centri commerciali, grattacieli,
un Islamismo corrotto da videoclip su MTV
e dal Grande Fratello russo;
ventiquattro ore su ventiquattro.


Grozny deve recuperare la felicità e
la modernità (globalizzazione venduta
sotto forma di t-shirt con griffe
anticapitalistiche e) edificando sontuose
ville destinate al filare artistico dei
                                ragni.


*


(35 mila vittime, tra cui 5 mila bambini.
Un’intera città polverizzata. Nulla,
                           nulla,
                     più nulla:
     Nel nome di chi?
     Di che cosa?)


*


Grozny: nuova capitale new age
     del dimenticatoio        generale.


I silenziatori sono appesi ai rami.
Prendi, prenditene quanti te ne necessitano.
E’ quello che tu vuoi.


(Il cemento psicologico: cinghie di trasmissione
che ammutoliscono ogni sostanza e sentimento,
colore.)

    

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: