Perennemente innamorato: Marco Ribani

Perennemente innamorato: Marco Ribani.

   

   

Marco Ribani, operaio, sindacalista, oste, poeta, operatore culturale, docente di scrittura autobiografica, tarologo, perennemente innamorato, talvolta corrisposto. Crede che la poesia esista in natura e che occorra essere liberi per vederla e ascoltarla. Ma una vita libera è un reato, allora bisogna mimetizzarsi, fuggire vivere in clandestinità. Lungo questo itinerario talvolta si creano scie luminose di poesia esistenziale dove la parola va in secondo piano e la forma esistenza prevale.

***

   

Ti amo comunque mi diceva lei Non è abbastanza mi dicevo io

L’amore giovane non tollera la persona che ti ama per quel che sei

con i tuoi limiti, le tue paure, le tue miserie

    

Partivo. Per ansia di meraviglie. Per tornare diverso.

Ma le Penelopi implacabili:Sei tu. Sei sempre tu . Ti riconosco.

Nelle parole dell’abbraccio una rabbia e un fallimento

Che hai viaggiato a fare Se torni con un carico di nulla.

Ancora una volta nudo alla meta.Sei sempre tu.

Tre parole acuminate a rumigare dentro il sangue

    

E in cima a tutto Lei. La vecchia

Vecchia Penelope con dita rattrapite di memoria

sfinita non d’attesa, ma da un inseguimento di pensiero

intorno al mondo.

Sei tu. Sei sempre tu.

   

L’amore è una forma di condanna.

No mamma. Non sono io. Non sono mai stato io.

    

Costretto nel ritorno ad ammainare gli stendardi.

A nascondere i bauli ed i cammelli.

Chincaglierie. Piatti. Cianfrusaglie.

Il tutto camuffato da tesoro.

   

Tutta una carovana insacchettata.

I cavalli. I ciuchi sardi. La R4 rossa.Il comunismo estremo.

I tarocchi. Un po’ di Budda grattugiato.

   

Tutto schiantato.Sei tu. Sei sempre tu.

Bimbo M B

   

Il miracolo di questa vita tutta stropicciata

sgangherata è un miracolo che non è di lampo

viene da una poesia che deborda dalla pentola

in cui l’alchemico apprendista mescola grumi

di coscienze strappate con le unghie al volere del signore.

E allora aggiunge e schiuma e toglie e poi tutto che bolle

come in una danza e alla fine si lascia decantare.

   

Da quella pentola vivente si sentono le voci

anche quelle per cui invano invochi il dono della perenne sordità.

Luci. Il dolore delle lame delle luci.

Ci si guarda intorno spaventati e poi

con lo spavento grande fatto a imbuto

si trangugia solitudine.

    

O madre segreta.O madre silenziosa e attenta.

O madre ruvida e tagliente come una polvere di vetro.

Sai che resistere al dolore è una forma di vita assai distratta?

A volte allora basta un latrato un canto inappropriato di un gallo

che ha smarrito il tempo o la tuba bassa del pavone

per dare condimento a quel paiolo di cui

a dire il vero non so neanche spiegare come bolla

così senza il suo fuoco.

haring-arbre-de-vie

3 thoughts on “Perennemente innamorato: Marco Ribani”

  1. Partivo. Per ansia di meraviglie. Per tornare diverso.
    Ma le Penelopi implacabili:Sei tu. Sei sempre tu . Ti riconosco.
    Nelle parole dell’abbraccio una rabbia e un fallimento
    Che hai viaggiato a fare Se torni con un carico di nulla.
    Ancora una volta nudo alla meta.Sei sempre tu.
    Tre parole acuminate a rumigare dentro il sangue

    quanta verità dentro questi versi.
    grazie

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: