Piccolo trattato sulla felicità, poesie di Italo Testa

Piccolo trattato sulla felicità, poesie di Italo Testa

 

 

 

c.g. 

 

hai la scelta tra essere felice
                                    o triste

          e hai scelto
anche se non sai bene cosa:
 


nel corridoio //
allontana
                                   gli occhi nell’ombra  

                                              // inquadra
                                   nel corridoio // stringe
                                               il griogioazzurro
                                   l’immagine // rastrema  

e la voce
            poi gli occhi ancora
                                  e la voce 

 

            *** 

 

je te laisse rêver  
           de charlotte gainsbourg 

                                   // allontana 

            finché il tempo scioglie
                       i moduli spaziali tornano
            alle loro orbite
                       nell’ellissi: 

 

                                  hai la scelta tra essere
                                             felice o triste 

                                  e hai scelto 

il vettore di luce, a ventaglio
                                    // apre  

scorcia la scala in ferro
            in bande d’acqua
                       // fugge 

 

            *** 

 

la parentesi // apre
                due diversi
     // spalanca
            la cucina sul retro 

  

                       in attesa, messo tra parentesi
                                    // guarda il rovescio
                       tutta la notte
                                   // ascolta 

 

                       *** 

 

je te laisse
           rêver de charlotte gainsbourg  

// allontana
           l’asimmetria del volto
                       // zooma
sullo sguardo perso
            nel pomeriggio 

 

                      e i giorni che abbandoniamo
                                 sono i giorni
                      che non avremo reso  

il grigioazzurro pulsa
          in fondo al corridoio
// allinea     il verdegrigio
                      // allontana     

 

         *** 

 

hai la scelta tra
          essere felice o triste  

          anche se
                      non sai bene 

 

          // confonde
                      i pendagli allo specchio
                                  e il peltro  

          il verdegrigio // allontana
                      sparisce      il prima e il dopo 

                                              *** 

                                  lasciata la stanza
                                              non era più lei
                      l’albero fruscia
                                 senza nome
          scorre tra le gambe 

  

lasciata la stanza
            l’ailanto e la sua falce
                       // oscilla 

 

                      *** 

 

            charlotte gainsbourg
                       je te laisse rêver de  

// arretra
        tra le porte di vetro
il posacenere in mano
            due, tre passi 

 

                 // cancella 
            gli occhi contornati
               fino a che     la cenere 

                        *** 

                        e i giorni sospesi sono i giorni
                                   in cui non troviamo posto 

                         i giorni sospesi 

      

            // allontana
la cenere siderale
            nel varco o nell’attesa
                                   // separa 

                         ***  

hai la scelta
           tra essere felice 
                         o triste
e hai scelto: 

 

                                  // cammina
                                              sulla strada
                                  l’adolescente sfrontata 

                                  e hai scelto 

 

tiene per mano una bambina
                         // cammina
anche se non sa bene dove
                         ha scelto 

 

[da: Tutto accade ovunque, Aragno, 2016] 

 

 

anche queste onde non le possiedi,
e la corrente che ci porta al largo
quando una colata d’oro ci fonde
nell’acqua, al tramonto 

o i frangenti bassi, in frequenze
scandite da un metronomo nascosto
e la linea di schiuma che si forma,
si frange e ritorna 

così aspettiamo l’onda che ci porta
con l’occhio l’inseguiamo a filo d’acqua
fino a che alle spalle ci sorprende
la cresta iridescente  

anche questo vento non lo conosci
che ci fascia la schiena e ci cuce
sulla pelle una cintura di sabbia,
una muta di sale 

e un’onda ci sorpassa dopo un vano
inseguimento, un’altra si lascia
prendere, ci sostiene fino a riva,
un’altra ci travolge 

anche questa sconfitta ti appartiene
sbalzati su una lastra di luce
cadere sottomare, già travolti
e lasciarsi andare, 

poi risalire onda dopo onda,
a forza di braccia riguadagnare
il largo con l’abbandono felice
di una preda del mare. 

 

*** 

 

lara, i gigli 

 

dovevo apprendere la meraviglia
se un giorno, guardando dalla finestra
ho visto nel sole tua figlia,
correre incontro ai gigli già sbocciati, 

negli occhi una letizia, una festa
che solo vergogna era il malumore
di fronte agli occhi chiari, spalancati
sull’incanto pauroso delle ore:  

dovevo apprendere la dedizione,
il candore feroce delle mani
per cui le cose sono nuove e buone
e senza nome è il frutto del domani. 

 

*** 

 

ecco, minima cosa spaurita
la luce che ti ferisce è anche gioia
non dimenticarlo, quando vedrai
del bicchiere che colmano i giorni
solo la parte vuota: i contorni
brillano di luce propria, la vita
divide il tuo letto anche quando vai
per una strada umida e ignota. 

 

[da: L’indifferenza naturale, Marcos y Marcos, 2018] 

 

 

sbadatamente 

 

una bottiglia di plastica, tagliata
a metà, sul ripiano del lavabo
mi hai lasciato, quando te ne sei andata,
per innaffiare il nostro amore: 

ma io mi dimentico, ed evado
le tue consegne, di giorno in giorno
la luce si ritira, io me ne vado
lasciando i nostri fiori in abbandono,  

e così, sbadatamente, continuo
a camminare per le strade, solo,
a fuggire, allarmato, dal tuo bene, 

per rincasare, affranto, a sera
scoprendo la felicità inattesa
delle tue piante ancora vive, e nuove. 

  

[da: La divisione della gioia, Transeuropa, 2010] 

 

Italo Testa, poeta, saggista e critico, vive a Milano. Tra i suoi libri di poesia: L’indifferenza naturale (Marcos y Marcos, 2018), Tutto accade ovunque (Aragno, 2016); I camminatori (Premio Ciampi – Valigie Rosse, 2013), La divisione della gioia (Transeuropa, 2010) canti ostili (Lietocolle, 2007), Biometrie (Manni, 2005), Gli aspri inganni (Lietocolle, 2004). E’ compreso nell’antologia di poesia europea Grand Tour. Eine Reise durch die junge Lyrik Europas (Hanser, 2019). Direttore della rivista di poesia, arti e scritture L’Ulisse, è cordinatore del lit-blog leparoleelecose. Ha curato presso l’accademia di Belle arti di Brera il laboratorio da>verso: transizioni arte-poesia, dedicato all’interazione tra linguaggi multimediali e arte contemporanea. Insegna filosofia teoretica e teoria critica all’Università di Parma. 

 

 

Italo Testa in una foto di Dino Ignani – in apertura Emiliano Barbieri, Bolivia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: