Tel parchéjo dei corpi, poesie di Fabio Franzin

Tel parchéjo dei corpi, poesie di Fabio Franzin.

   

   

3 poesie di Fabio Franzin, nel dialetto Veneto-Trevigiano dell’Opitergino-Mottense: 

Tel parchéjo dei corpi – Nel parcheggio dei corpi 

    

A mia madre, in memoria   

I

Sen ‘rivàdhi a l’ospizhio co’l cel
se verdéa, co’ vignéa fòra ‘l sol,
dopo un scravazhón de quei, drio
‘a strada! Dièse dì che mé mare
me tontonéa co’sta storia dea Maria,
che ‘a ‘vea vòjia de ‘ndarla catàr, là,
‘ndo’ che i ‘à ficàdha  dopo ‘a rotùra
del femore – mì a ciapàr tenpo co’a
scusa de inpegni che no’ò, sperando
che ‘sta smania passésse, che intant
‘a se desmenteghésse dea só amìga.
Chii liòghi no’i ‘ò mai soportàdhi:
‘ste statue sbièghe e rebufàdhe,
mèdhe indormenzhàdhe tee carozhée,
chea spuzha de piss e menèstra,
de vècio e de mort, de ribàndono.

Sen ‘rivàdhi co’l sol, disée, ‘e piante
del parco piàndher, dae fòjie lustre,
mé mare squasi da strassinàr co’i só
passéti curti e lenti che me ‘à senpre
dat el nervoso. Ècoeà là, ‘a dise po’
tut a un trato, ècoea là, ‘a Maria:
sentàdha co’a ganba dreta, in fia
co’ altri vèci davanti a ‘na tivù
granda, co’l vóeume a maneta. 

     

I 

Siamo giunti all’ospizio che il cielo / si apriva, sbocciava il sole, / dopo un acquazzone di quelli, lungo / la strada! Dieci giorni che mia madre / mi tormentava con questa storia della Maria, / che desiderava andarla a trovare, là, / dove l’hanno parcheggiata dopo la rottura / del femore – io a prendere tempo con la / scusa di impegni che non ho, sperando / che questa smania le passasse, che nel frattempo si dimenticasse dell’amica. / Quei luoghi non li ho mai sopportati: / quelle statue sbilenche e spettinate / assopite nelle carrozzine, / quel puzzo d’urina e minestra, / di vecchiaia e morte, d’abbandono. // Siamo giunti col sole, dicevo, le piante / del parco lacrimare, dalle foglie lustre, / mia madre quasi da trascinare coi suoi / passi corti e lenti che mi hanno sempre / dato sui nervi. Eccola là dice poi / tutto a un tratto, eccola là, la Maria: / seduta con la gamba dritta, in fila / con altri anziani di fronte a un televisore / dallo schermo enorme e col volume alto.

   

II 

Cussì le ‘asse là lore dó soe, che
‘e se ‘e ‘conte tute ‘e desgrazhie,
ì dóeori cascàdhi ‘dòss  traversàndo
‘sta vàe in sàita dal nome de vita.

E intànt travèrse anca mì ‘sta via
crucis de corpi sfinìdhi, de àneme
stuàdhe parchejàdhe là a spetàr sol
el lanp nero, ‘a scossa finàe. Varde
drento ‘e càmare quei che no’i ghe
‘a fa nianca pì a levàr su, quei che
i ‘é za pronti pa’ l‘adìo: teste grise
perse fra nizhiòi e cussìni; un me
varda intant che lo varde: i só òci
dó ciòdhi che no’ sarò mai pì bon
de cavàrme via daa testa. Scanpe,
‘lora, me perde fra ‘e stanze, drio
i curidhòi, e l’é là, te una de chee
rientranze che lo incontre, co’là
che missia ‘e carte del destìn, che
ingropa fra de lori i cavi dea fin
e de l’inizio te ‘na figura che fa
cavàr el cuòr, tea só tenerezha,
e al stesso tenpo ghe dà ‘na pase
viva, spalma ‘na carezha tel mal. 

     

II 

Così mi apparto, le lascio là da sole, che / se le raccontino tutte le loro disgrazie, / i dolori piovuti addosso attraversando / questa valle in salita dal nome di vita. // E intanto attraverso anch’io questa via / crucis di corpi sfiniti, di anime / spente parcheggiate là ad attendere solo / il lampo buio, la scossa finale. Scruto / dentro le camere coloro che non ce / la fanno neanche più ad alzarsi, quelli che / sono già pronti per l’addio: teste grigie / perse fra lenzuola e guanciali; uno mi / osserva mentre lo guardo: i suoi occhi / due chiodi che non riuscirò mai più / a estrarre dalla memoria. Fuggo, / allora, mi perdo fra le stanze, lungo / i corridoi, ed è là, in una di quelle / rientranze che lo incontro, quello / che mischia le carte del destino, che / annoda fra loro i lembi della fine / e quelli dell’inizio in una figura che / commuove, nella sua dolcezza, / e allo stesso tempo allevia in una quiete / viva, spalma una carezza nel male.

   

III 

L’é sentà te ‘na carèga, drio ‘l muro
zàet davanti a un tavoìn cèo, quaro,

sora ‘l tavoìn, squasi brazhà co’e man,
un scatoeòt de plastica straparente colmo
de tòchi de Lego coeoràdhi, e parsora
el modheìn de ‘na machina e dea moto
46 de Valentino Rossi. Lu si ‘i carezha
chi modheìni, co’ i dei li sfiora ‘pena,
come un pianista i tasti, el toca ròdhe
e capòte, portèe e spoiler, e intant el canta
sotvose, ‘i òci seràdhi su te ‘na spèzhie
de sorìso. L’é orbo, me dise ‘na fémena
dée puizhìe, e chii zogàtoi i ‘é tut el só
mondo, el só contato co’a realtà. Guaia
Dio se calcùn prova tocarli, ‘a me ‘conta,
el va fòra de testa, el pensi che tenp fa
no’ se catéa ‘a machineta, sparìa, forse
un dispèt, parché i se fa i dispèti anca
i vèci, sàeo? l’à dovù ‘ndar fòra el dotór
a ciórghine ‘n’antra de conpagna sinò no’
ièra pì pase pa’ nissùni, drento qua.

Lo varde, e in lù vede mé fiòl drio dormìr:
che ‘ncora ‘dèss, za grandét, l’é là, tel scuro,
’i brazhi  vèrti come ‘e àe de un angioét,
e strente tii pugnéti ‘e so care machinete. 

     

III 

È seduto, contro una parete / ocra davanti a un piccolo tavolino, // sullo stesso, quasi abbracciata con le mani, / una scatola di plastica trasparente colma / di pezzi di Lego tutti colorati, e sopra / il modellino di un’auto e quello della moto / 46 di Valentino Rossi. Lui se li accarezza / quei modellini, con le dita li sfiora appena / come un pianista i suoi tasti, tasta rotelle / e capote, portiere e spoiler, e intanto canta / sottovoce, gli occhi socchiusi in un sorriso / beato. È cieco, mi confida una addetta / alle pulizie, e quei giocattoli sono tutto il suo / mondo, il suo contatto con la realtà. Guai / a Dio se qualcuno prova a toccarli, mi racconta / dà di matto, pensi che tempo addietro / non si trovava più la macchinina, sparita, forse / per un dispetto, perché si fanno i dispetti anche / gli anziani, sa? dovette uscire di corsa il primario, per procurargliene una di simile sennò non / c’era più pace per nessuno, qui dentro. // Lo guardo e in lui scorgo mio figlio mentre dorme:/ che ancora adesso, nove anni, è là, nella penombra, / i braccini spalancati come le ali di un angioletto, / e strette nei pugni le sue amate macchinine.

              

ran - akira kurosawa
ran – akira kurosawa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: