Rapimenti: Majakowskij, di L.V. Stein

Rapimenti, la rubrica di Lol Von Stein: Vladimir Majakowskij.

                     

               

Potenza delle immagini. Majakowskij mi è sempre sembrato irresistibile nella foto che lo ritrae giovane, imbronciato. Ribelle – non per posa.
Rimanda al tempo delle decisioni, degli schieramenti, delle rivoluzioni.
Un tempo impavido.

Con Majakowskij il personale diventa – per la prima volta – politico. Con passione, con enfasi, strappa la poesia ai poeti ammuffiti. Avanza, ineluttabilmente, sporcando le mani e i versi. Non è un fuggitivo. E’ un insorto. Non cerca rifugi per un ego debole. E’ esaltato, sopra le righe. Scrive del popolo, per il popolo (!). Incita alla rivolta. Rivendica il futuro.

Il vivo e il morto (e viceversa)

27 dicembre 1925. Leningrado. Hotel “Angleterre”.

Sergèj Aleksandrovic Esènin, poco più che trentenne, si impicca al tubo del calorifero. Le quartine le scrive col sangue.

“In questa vita morire non è nuovo, ma nuovo non è neppure vivere”.

Alla morte del teppista ubriacone, bohemien per eccellenza, Majakowskij comincia a scrivere la sua dedica. Impiega quasi tre mesi per completarla.
Non è un’elegia. E’ a volte un’invettiva. Lo sgomento trasformato in ironia. Il dolore in sberleffo.
Si prende gioco degli emuli, delle lacrime ipocrite. Sbeffeggia i poetucoli.
Finchè, incalzato dai versi caustici, Esenin sembra tornare vivo, rianimarsi.
Majakowskij lo incalza. Chiede perché. Lo accusa di aver fatto una pazzia. Di aver scelto una scorciatoia. Ribadisce, con la sua solita foga, che la scelta più difficile, la più coraggiosa, è sempre la vita. 

4 anni dopo, finirà col prendere la stessa decisione.
Saranno state le delusioni, l’amarezza, l’amore.
O semplicemente ci sono poeti che scelgono le proprie parole, la propria vita.
E la propria morte.

***

A Sergèj Esenin

Voi ve ne siete andato,
                                   come suol dirsi,
                                                           all’altro mondo.
Il vuoto…
               Volate,
                           fendendo le stelle.
Senza un acconto,
                            senza libagioni.
Sobrietà.
No, Esènin,
                 questo
                            non è dileggio, –
in gola
          ho un groppo di pena,
                                           non un ghigno.
Vedo
         che con la mano recisa, esitando,
dondolate il sacco
                            delle vostre
                                              ossa.
Smettetela,
                 cessate!
                             Siete matto?
Lasciarsi
              imbiancare
                               le guance
                                             dal gesso mortale?
Proprio
            voi che
                        sapevate sbizzarrirvi,
come nessun altro
                            a questo
                                          mondo.
Perché,
            a che scopo?
                               L’incertezza ha provocato scompiglio.
I critici borbottano:
                              «Le cause
sono queste
                   e quelle,
                                e in specie
                                                lo scarso affratellamento
per effetto
                della molta birra e del molto vino».
Si dice
           che se aveste sostituito
                                               la bohème
                                                                con la classe,
la classe avrebbe influito su di voi
                                                    e non vi sareste più accapigliato.
Già, come se la classe
                                 spegnesse la sete
                                                           col «kvas».
La classe
              anche lei
                            non scherza nel bere.
Si dice
          che, a mettervi accanto
                                              qualcuno di «Na postù»,
sareste diventato
                           assai più bravo
                                                 nel contenuto:
voi
     avreste scritto
                           al giorno
                                         centinaia di versi
stucchevoli
                   e lungagginosi,
                                           come Dorònin.
Ma, a parer mio,
                         se si fosse avverata
                                                       una tale incongruenza
vi sareste soppresso
                                ancor prima.
Meglio infatti
                      morire di vodka
che di tedio!
A noi
         non sveleranno
                                 i motivi della perdita
né il cappio
                 né il temperino.
Forse,
          ci fosse stato
                              inchiostro all’«Angleterre»,
non avreste avuto ragione
                                        di tagliarvi
                                                         le vene.
Gli epigoni si rallegrarono:
                                          «Imitiamolo!»
Poco mancò
                   che un drappello di loro
                                                        non facesse di sé giustizia.
Perché
           aumentare
                            il numero dei suicidi?
Meglio
           accrescere
                            la produzione d’inchiostro!
Ora
      per sempre
                       la lingua
                                   è chiusa tra i denti.
È inopportuno
                       e penoso
                                    coltivare misteri.
Il popolo,
               creatore del linguaggio,
ha perduto
                  un roboante
                                      sbornione apprendista.
E c’è già chi porta
                           rottami di versi in suffragio
da precedenti
                     esequie,
                                 quasi senza rifarli.
Nel tumulo
                  conficcano
                                    pali di ottuse rime, –
è così
          che bisogna onorare
                                         un poeta?
Per voi non è stato sinora
                                       fuso alcun monumento
– dov’è
           il bronzo squillante
                                        o il granito a faccette? –
e già ai cancelli della memoria
                                              poco per volta
                                                                     hanno ammucchiato
le ciarpe delle dediche
                                  e delle ricordanze.
Il vostro nome
                       nei fazzolettini è moccicato,
Sobinov sbava
                         la vostra parola
e canticchia
                    sotto una betullina stenta:
«O amico mio, né un motto
                        né un so-o-o-spir».
Eh,
       poter discorrere altrimenti
con codesto
                   Leonìd Lohengrìnyč!
Potersi qui levare,
                             tonante attaccabrighe:
«Non vi permetto
                            di cincischiare
                                                  i miei versi!»
Poterli
           assordare
                          con un fischio a tre dita
contro la nonna
                          e Dio, la madre, l’anima!
Perché si disperda
                             l’inetta marmaglia,
gonfiando
               come vele
                               un nuvolo di giacche,
perché
            alla spicciolata
                                    Kògan se la batta,
storpiando
                  i passanti
                                con le picche dei baffi.
Finora
           il canagliume
                               s’è poco diradato.
Molto è il lavoro,
                           occorre fare in tempo.
Bisogna
             dapprima
                            trasformare la vita
e, trasformata,
                       si potrà esaltarla.
Quest’epoca
                   è difficiletta per la penna.
Ma ditemi
                voi,
                      sciancati e sciancate,
dove,
          quando,
                       qual grande si è scelto
una strada
                 più battuta
                                  e più facile?
La parola
               è un condottiero
                                        della forza umana.
March!
          Che il tempo
                            esploda dietro a noi
                                                          come una selva di proiettili.
Ai vecchi giorni
                         il vento
                                     riporti
solo un garbuglio di capelli.
Per l’allegria
                    il pianeta nostro
                                             è poco attrezzato.
Bisogna
            strappare
                           la gioia
                                     ai giorni futuri.
In questa vita
                      non è difficile morire.
Vivere
           è di gran lunga più difficile.

    

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le uscite della fanzine sono al momento sospese
 
Le uscite della fanzine sono al momento sospese.
Qui potete comunque trovare nell'archivio on line tutti i numeri realizzati nei 7 anni di attività. Ora siamo attivi nel nuovo blog di Versante ripido. Seguiteci.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: