Rapimenti: Hank, di L. V. Stein

La rubrica di Lol Von Stein: rapimenti. Charles Bukowski.

  

   

E’ la volta di Bukowski.

Bar fumosi e alcool nella gola. E un gran gusto per la dissipazione.

Mi sono sempre piaciuti quelli che perdono tempo, geneticamente antiproduttivi. Quelli che più di ogni altro non se lo potrebbero permettere, ma lo fanno lo stesso, quasi fosse una missione.

E’ come nella canzone di Otis Redding. Solo che lui era di fronte al mare, nella luce. Qui invece siamo nelle zone d’ombra. Chiusi nel caldo. Tra il sudore e i succhi gastrici.

Cosa attrae di Bukowski – americano nevrotico di origini europee, dai modi volgari, bambino maltrattato dal padre, il viso deturpato dall’acne, hobo in gioventù, personaggio senza fissa dimora, poi disadattato dipendente delle poste degli Stati Uniti – inventore di un se stesso estremo perennemente ubriaco di sesso e di alcool?

Un fannullone. Ossessionato dall’imperfezione. Provocatore per vocazione, dissacrante, cinico, esibizionista (e non solo in senso figurato).

“Drink write and fuck”.

bukowski-born-into-thisLa leggenda vuole che a 49 anni faccia un balzo nel vuoto. Lasci il posto fisso per scrivere a tempo pieno. E invece di continuare ad arrabattarsi, gli cade addosso una incredibile fortuna. Diventa famoso. Poi ancora più famoso. Idolatrato. Un ubriacone di mezza età, piuttosto brutto e fuori forma, che improvvisamente può portarsi a letto ogni donna che incontra.

Ai reading c’è sempre una bottiglia, ed è sempre una di meno del necessario.

Col vino cadono tutte le inibizioni, i tabù, le paure,e ogni residuo di convenzione sociale. Come un bambino terribile, dice tutto quello che gli passa per la testa, sgradevolmente sincero.

Snobbato dai critici, amato dalla beat generation.

Ferlinghetti lo chiama a leggere al City Lights Theatre, ed è un successo oltre ogni aspettativa.

Eccessivo, sopra le righe, contro tutti i formalismi, Bukowski non è un poeta per bene. Con i suoi versi ci si sporca, si rovista nel sesso e nella morte, nell’amore e nel cibo, a volte con la leggerezza di un romanticismo carnale, che fa bene allo spirito, a volte con una ruvidezza sconveniente e folle.

Dalle sue poesie si ha l’impressione di uscire sempre barcollando un po’, incespicando, centrati da quel suo linguaggio diretto e scarno, insieme pericolosamente triste e spietatamente divertente.

Don’t try recita il suo epitaffio. La sintesi della sua filosofia artistica. Non provare mai, ma aspetta, e aspetta ancora. Finchè la creazione , se esiste da qualche parte, non venga vomitata dal profondo.

Chissà se mentiva o diceva la verità, se Henry Charles Bukowski detto Hank, fosse una grossa truffa o fosse terribilmente autentico.

E alla fine – anche se fosse, se quella della verità alcolica fosse una maschera, e la sua opera un grosso tranello.

Comunque sia, vale la pena caderci.

Charles-Bukowski-02

  

per jane

   

225 giorni sotto terra

e ne sai più di me.

   

ti hanno tolto tutto il sangue,

sei un bacchetto secco dentro a un cesto.

   

è così che funziona?

   

in questa stanza

le ore dell’amore

ancora proiettano ombre.

   

quando te ne sei andata

ti sei portata via tutto.

   

la notte mi inginocchio

di fronte alle tigri

che non mi lasceranno stare.

   

quello che eri

non accadrà più.

   

le tigri mi hanno trovato

e non mi importa.

   

***

    

milionari

   

voi

senza volto

senza volto

alcuno

che ridete per nulla –

lasciate che vi dica

ho bevuto nelle stanze dei bassifondi con

imbecilli vagabondi alcolizzati

la cui causa era migliore

i cui occhi ancora possedevano una qualche luce

le cui voci conservavano una qualche sensibilità,

e quando arrivava il mattino,

eravamo disgustosi ma non malati,

poveri ma non illusi,

e ci stendevamo nei nostri letti e ci alzavamo

nel tardo pomeriggio

come i milionari.

  

***

  

farcela

   

ignora tutte le possibili idee e possibilità-

ignora Beethoven, il ragno, la dannazione di Faust –

solo fallo, bambina, fallo:

una casa     un’auto    una pancia piena di fagioli

paga le tasse

scopa

e se non puoi scopare

copula.

fa’ i soldi ma non lavorare

troppo – fai pagare qualcun altro

per farlo – e

non fumare troppo ma bevi abbastanza per

rilassarti, e

stai lontano dalla strada

pulisciti il culo molto bene

usa un sacco di carta igienica

non sta bene che la gente sappia che tu caghi o

che potresti puzzare di merda

se non stai

attenta.

    

***

   

stile

    

stile è la risposta a tutto –

un modo fresco di avvicinarsi a una cosa noiosa

o pericolosa.

fare una cosa noiosa con stile

è preferibile al fare una cosa pericolosa

senza stile.

   

Giovanna D’Arco aveva stile

Giovanni Battista

Cristo

Socrate

Cesare,

Garcia Lorca.

   

stile è la differenza,

un modo di fare

un modo di essere fatto.

   

6 aironi ritti in una pozza d’acqua

o tu che esci dal bagno nuda

senza vedermi.

   

***

    

arte

   

quando lo

spirito

svanisce

appare

la

forma

   

_____________________

Traduzioni di Lol Von Stein

_____________________

hank screaming

2 thoughts on “Rapimenti: Hank, di L. V. Stein”

  1. malgrado la rilettura, anche a distanza di anni, non è un poeta che mi piace.

    ha avuto successo perchè ha detto e scritto in modo completamente nuovo, ma riconosco che non è nelle mie corde.

    “drunk, write and fuck”

    può essere tutta qui la vita ?

  2. Ottime traduzioni cara Lol. E… si’, concordo, vale la pena caderci. Grazie per averci offerto ancora una volta di sbirciare dalla tua finestra mai banale su un grande autore.

Gentile lettore, all'autore di questo articolo farà molto piacere se vorrai lasciare un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: