Sei il solito Pinocchio, poesie di Vincenzo Mastropirro

Sei il solito Pinocchio, poesie di Vincenzo Mastropirro.

    

    

Vincenzo Mastropirro, poemusico (di Ruvo di Puglia, 1960 vive a Bitonto (BA).
È flautista, compositore, poeta, didatta. Ha inciso oltre 20 CD, essenzialmente col Trio Giuliani e col Mastropirro Ermitage Ensemble e altre formazioni con un repertorio che va dal classico al contemporaneo, dalla contaminazione all’improvvisazione e suonato per importanti teatri e sale concertistiche in Italia e all’estero – Egitto, Francia, Inghilterra, Germania, Marocco, Spagna, Malta, Romania, Austria, Iraq, India, Grecia.
In poesia ha pubblicato cinque raccolte: Nudosceno(LietoColle, Faloppio 2007); Tretippe e Martidde/ Questo e Quest’altro (G. PerroneLab, Roma 2009, ampliata e ripubblicata presso SECOP, Corato 2015); Poésìa sparse e sparpagghiote/ Poesia sparsa e sparpagliata (CFR, Piateda 2013); Timbe-condra-Timbe/ Tempo-contro-Tempo (puntoacapo editrice, Novi Ligure 2016); Notturni(Terre Sommerse Roma 2017). Compare in numerose Antologie e Blog letterari. Ha collaborato con Alda Merini, Vittorino Curci ed Anna Maria Farabbi musicando i loro versi. Tra i numerosi premi letterari, gli è stato conferito il Premio Lerici Pea 2015 – Sezione poesia in dialetto «Paolo Bertolani».

Le poesie in dialetto sono nella lingua di Ruvo di Puglia (Ba):

      

Mia madre, soffre il suono afono della vita
non percepisce più i linguaggi, non capisce
neanche me. Quando le cospargo l’unguento
il corpo tace, si avviluppa come un involtino e
cede al dolore che incalza nella testa. Non reagisce
al pensiero debole e sottostà alle ultime scaglie.
Riposa lentamente verso il nulla ma rammento
la forza e l’inquietudine d’un tempo, la voce chiara
e la fierezza del volto, la possanza ardimentosa.
La ricordo allora come ora e vedo i suoi occhi
che trovano i miei in cerca di rabbia bambina.

    

tratta da Notturni , Terre Sommerse editore, Roma 2017

*

Le strascenote

Quanne mamme arrengaje le strascenote
u tavuire paraje nu quadre penzenecote.

Quanne le quesciaje, u palote s’arrecriaje
e u guste t’agniaje la vuocche de carìézze.

Mo né le tembraisce e né le cosce cchjue
mo nan sope mangh-ìédde cè fosce.

Mo ca stè appeccenote saupe a na sìégge
te guarde e dèisce: cè sciote acchjanne da maiche? 

èje nan so cchiù èje e mè remose
assaliute la fuorze d’arraggiunò cu Criste
ca oramaje nan sìénde e nan vaite. De maiche
 
se nè scurdote e nan me dè cchjù adìénzje.

     

Le orecchiette
Quando mamma allineava le orecchiette/ la madia sembrava un mosaico.// Quando le cucinava, il palato ne godeva/ e il gusto ti riempiva la bocca di carezze.// Ora, né le impasta, né le cucina/ ora, non sa neanche lei cosa fa.// Ora che è malferma su una sedia/ ti guarda e implora: che volete da me?// io non sono più io e mi è rimasta/ solo la forza di ragionare con Cristo/ che ormai non sente e non vede. Di me/ se n’è dimenticato e non mi dà più retta.

     

tratta da Notturni, Terre Sommerse editore, Roma 2017

*

U ardaspalle

U ardaspalle
arevuogghje aneme e curpe
ma cure ca faciaje mamme
rescaldaje pure u core
cure core ca me sckattaje ‘mbitte
assaliute a vedaje felò la lone.

Fèile e fèile calde, ca sfèrruzzajne colorote
‘mmìézze a re mone saue e l’arie s’agnaje d’ìédde.

     

Lo scialle
Lo scialle/ copre anima e corpo/ ma quello che faceva mamma/ riscaldava pure il cuore/ quel cuore che mi scoppiava nel petto/ solo a veder filare la lana.// Fili e fili caldi/ che sferruzzavano colorati/ tra le sue mani/ e l’aria si riempiva di lei.

     

tratta da Timbe-condra-Timbe (Tempo-contro-Tempo), puntoacapo editore Novi Ligure 2016

* 

La cutegnòte

Stoche a pizz’, proprie a pizz’
cume re furme stròne fatte da mamme
prònde pe’ d’èsse mangiòte
da vocche tercìute cu’ le dinde malòte.

Cange guste
a secùonde de la fòrme ca se mange
ogn’e tre pizz’ de cutegnòte, stè na sorprèse
nan addemannàteme qual è
nan la sacce ‘mangh’èje.

Mamme è cundìénte
è fatte na bèlla feghìure cu la gìénte.

Me chiòme e nan ‘macchje cchjue
…” addò sté u meninne,
addò sté u meninne madonna maje!”

        

La cotognata
Sono a pezzi, praticamente a pezzi/ in forme strane scolpite da mia madre/ pronto per essere mangiato / da fauci mostruose con denti cariati.// Cambio gusto/ a seconda della forma che si addenta/ ogni tre pezzi di cotognata, c’è una sorpresa/ non chiedetemi qual è/ non la so neanch’io.// Mamma è contenta/ ha fatto una bella figura con gli ospiti.// Mi chiama e non mi trova più/ …“dov’è il bambino,/ dov’è il bambino madonna mia!”

      

tratta da Tretippe e Martidde 2.0, Secop editore, Corato 2013

* 

“…è colpa mia, è colpa mia… non lo faccio più”.

Mamme, viste e nan viste, vène vicine au litte e me dèisce:
”Sei il solito Pinocchio, urli e ti disperi
ma poi ritorni da essere discolo come sempre”.

A disce la veretò
nan m’arrecurdàje na parlòte acchessì fèine de mamme.

Difatte, stai a sennò:
“Strunze, viiiine’ ddo ca tà strippiò de mazzòte”

ovvero

“Stronzo, vieni qua che ti devo massacrare di botte”

Mò è tutte normòle.

       

“…è colpa mia, è colpa mia… non lo faccio più”.// Mamma, tutto ad un tratto, viene vicino al letto e mi dice:/ ”Sei il solito Pinocchio, urli e ti disperi/ ma poi ritorni da essere discolo come sempre”.// A dire il vero/ non ricordavo un eloquio cosi perfetto da parte di mamma.// Infatti, stavo sognando:/ “Strunze, viiiine ‘ddo ca t’à strippiò de mazzòte”// ovvero// “Stronzo, vieni qua che ti devo massacrare di botte”// Ora è tutto normale.

      

tratta da Tretippe e Martidde 2.0, Secop editore, Corato 2013

*

a mia madre

La puzze de vécchiàje

Osce, so sendiute pe’ la prima vuolte na puzze de vécchiàje
da nu core ca sè spenniute pe’ maiche totte na véite.

Mo, la puttana vecchìézze se la stè a mangiò
se stè a mangiò la bellèzze de na vèite

la vèite ca m’è dote è la stèsse ca scuorre
fine a fatte puzzò anche ce si pulèite.

Te pelizze e te love ma la puzze nan se ne vè.

L’anne, s’appizzechene ‘ngudde
e nan pute fo nudde-nudde-ca-nudde

fin’a quanne la puzze devénde addaure
u addaure de la muorte
ca finalmìénde te vène a lebérò.

     

La puzza di vecchiaia
Oggi, ho sentito per la prima volta la puzza di vecchiaia/ da un cuore che si è speso per me tutta una vita.// Ora, la puttana vecchiezza se la sta mangiando,/ si sta mangiando la bellezza di una vita//la vita che mi ha dato è la stessa che scorre/ fino a farti puzzare anche se sei pulito.// Ti pulisci e ti lavi ma la puzza non se ne va.// Gli anni, si appiccicano addosso/ e non puoi far niente-niente-che-niente// fin quando la puzza diventa odore/ l’odore della morte/ che finalmente ti viene a liberare.

     

tratta da Poesia sparse e sparpagghjote, CFR editore, Piateda So 2013

*

U munne è na rote

Quanne ère meninne
mamme me dài la mone
pe’ nan famme cadàje.

Mo ca è fatte vècchie e strippiòte
(cume disce ìédde), so èje
ca la porte a mone a mone cume na menìénne.

Acchessèje m’arrecòrde du vìéscheve ‘bbune
de don Tonine, (cume le piaciàje fasse chiamò).

Prèime ère idde ca abbrazzài la gìénde
spècie le malòte, le poverìdde, l’abbandenòte.

Po’ fumme niue
a stalle attùrne
‘nanze alla sofférìènze de la malatèje.

U munne è na rote
c’aggèire sènza fermàsse mè.

Facimele aggerò ‘bone
e damene la mone tutte ‘nzime pe’ nan cadàje
pe’ nan cadàje saupe a re nudde.

     

Il mondo è una ruota
Quando ero bambino/ mamma mi dava la mano/ per non farmi cadere.// Ora che è diventata vecchia e storpia/ (come dice lei), sono io/ che la porto mano nella mano come una bambina.// Cosi mi ricordo del vescovo buono/ di don Tonino (come amava farsi chiamare).// Prima era lui che abbracciava la gente/ specie i malati, i poveri, gli abbandonati.// Poi fummo noi/ a stargli intorno/ di fronte alla sofferenza della malattia.// Il mondo è una ruota/ che gira senza fermarsi mai.// Facciamola girare bene/ e diamoci la mano tutti insieme per non cadere/ per non cadere sul niente.

     

tratta da Tretippe e Martidde 2.0, Secop editore, Corato 2013

*

           

Paolo Figar, Gabinetto archeologico

One thought on “Sei il solito Pinocchio, poesie di Vincenzo Mastropirro”

  1. le parole di M. nella poesia sono come il pointillisme in pittura. Leggendo mi viene in mente il quadro di Seurat “I bagnanti ad Asnières” un giorno, osservando il dipinto mi accorsi che più mi avvicinavo al dipinto più ne perdevo la forma, così la scelta stilistica di queste liriche mi provoca la stessa sensazione artistica: né troppo vicino, né troppo lontano. Un italiano curato, ma non eccessivamente quel tanto che basta per entrare in un quadro di semplicità decisamente autentico e mai banale. Un connubio sempre meno usuale nelle stesure contemporanee, dove spesso si privilegia la forma linguistica a discapito dell’immagine poetica. Viceversa, un’immagine troppo nitida che non lascia al lettore nient’altro da sognare. Complimenti all’autore che sempre più va trovando la famigerata “via di mezzo” tra la realtà e l’eleganza di rendere essa stessa poetica e grazie a blog per la pubblicazione veramente interessante. A presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: